venerdì 7 dicembre 2012

domani facciamo l'albero!!!!

finalmente è arrivato l'8 dicembre e domani facciamo l'albero, e ho pure la fortuna di smontare dalla notte, così avremo tutta la giornata per respirare l'atmosfera del natale che si avvicina. non voglio fare programmi perchè poi non li rispettiamo mai, però non vedo l'ora!! quest'anno sono più bimba del solito, sarà che ormai daniele inizia ad essere attratto dalle luci, dalle musichette, speriamo solo cada anche un pò di neve! che poi in realtà già il 1 gennaio mi scoccio e non vedo l'ora di toglierlo, che poi son minimo 3 anni che abbiamo sempre le stesse palline e quest'anno mi stanno pure un pò sulle palle, perchè le ha fatte mia suocera, gli stessi addobbi, le stesse luci. ma quest'anno mio marito si sentiva innovativo e così ha deciso di fare pure il presepe, che non abbiamo mai fatto perchè alla fine spendere quelle 200 euro ci sembrava proprio uno spreco, ma quest'anno no! quest'anno che di sicuro gesù bambino non ci sarà nè prima, nè dopo,e magari a pasqua lo ritroveremo dentro il cruscotto della macchinina, insieme al bue, l'asinello e tutti i re magi. ma che cavolo lo fai a fare quest'anno che daniele è ancora piccolo, per farglielo distruggere? eh vabbè, a natale siamo tutti più buoni...

lunedì 19 novembre 2012

certe volte bisogna affidarsi al destino

qualche giorno fa mi son trovata a dover scegliere per il futuro, una cosa che non mi dava troppa libertà, una scelta però molto difficile. è uscito l'avviso per la formazione complementare del corso o.s.s., un corso di ulteriori 800 ore che mi permetterebbe di avere una ulteriore qualifica, che cambierebbe di molto la mia posizione. infatti al momento nella mia asl è tutto bloccato, ma pare che dal 2014 si facciano dei concorsi e il personale richiesto a questo punto non sarebbe più la figura di operatore socio sanitario, ma di operatore socio sanitario specializzato... ed ecco che qui "la terza S." farebbe la differenza. sono quasi costretta a farlo perchè è l'ultimo corso che organizzano, poi si faranno solo corsi unici della durata di due anni e sarebbe ancor più complicato e inutile dover frequentare per un attestato che io ho già. mi spaventa l'idea di dover incastrare anche quest'altro impegno in giornate dove tempo già non ce n'è, tra turni miei, di mio marito, orari che non coincidono, organizzarsi per chi va a prendere e portare il bimbo al nido, ricordarsi che martedì tu devi cambiare turno e giovedì io devo prendere tre ore di permesso... il problema si pone in relazione alla ricerca del secondo figlio, perchè non so quando inizierebbe e non so come potrei svolgere il tirocinio, dal momento che anche un dipendente ad inizio gravidanza viene allontanato tempestivamente perchè si ha un lavoro ritenuto a rischio... che casino!!! intanto questo mese pare che inofert abbia fatto effetto, anche se il primo mese di tentativi è andato male, dopo "appena" 40 giorni il mio ciclo è tornato, molto più fastidioso del solito devo dire... la scelta è difficile, perchè io nella mia testolina avevo sempre sognato di avere due figli con una differenza d'età di 2/3 anni e invece così se ne passerebbe un pò di più, dando per scontato che poi arrivi a breve... comunque persa nella mia nuvoletta di dubbi e paranoie stamattina ho mandato la raccomandata al direttore generale e vediamo che succede! e intanto il destino ha già girato a mio favore oggi, infatti mi ha appena chiamata una mia collega che lavora in un'altra casa famiglia e mi ha detto di aver parlato con il nostro presidente, dal primo gennaio così lavorerò a 200 metri da casa. la comunità in cui andrò non mi piace granchè perchè sono 8 uomini e parlando di psichiatrici mi spaventano un po' più delle mie belle signore che conosco da sette anni e più, però questo significa notevole risparmio della benzina, praticamente ci vado a piedi, riduzione del tempo che sto fuori casa, turni che si incastrerebbero molto meglio con quelli di mio marito,ci eviteremmo la sfacchinata del pranzare di fretta, andare a prendere il bimbo al nido, portarlo dai miei e andare a lavorare in meno di mezz'ora. solo che quando cominciano tutti sti cambiamenti io mi destabilizzo un pò, perchè so che ce ne saranno altri... e non so cosa aspettarmi...

domenica 4 novembre 2012

ci mancava solo questa...

è da qualche giorno che avvertivo un lieve senso di nausea e subito ho pensato: vuoi vedere che è colpa dell'inofert? ma poi venerdì la grande scoperta, è solo influenza, una giornata da cani, nausea tremenda, ho rimesso pure l'anima e a sera avevo 38,4 di febbre. m'è toccata un'altra giornata di ferie, avevo il turno di notte, ma non potevo andare, nella situazione lavorativa in cui stiamo non potevo nemmeno andare in bagno, perchè un bagno attualmente lì non ce l'ho e quindi m'è toccato chiamare il presidente e dirgli di trovare una sostituzione per la notte. domani però rientro, diciamo che sto molto meglio e stare a casa non mi va, tanto nemmeno a dire che mi riposo! in questi due giorni di influenza ho pure pensato: ma come fanno quelle donne che si portano appresso le nausee per tutta la gravidanza? mamma mia, poverette!! io ho avuto giusto qualche episodio leggero, avrò vomitato si e no due volte, ma cè una mia amica che con entrambe le gravidanza ha abbracciato la tazza per 8 mesi e più... e già che parliamo di gravidanza vi aggiorno.. siamo al 27 pm e qua non si sente niente, e stavolta mi sento di aggiungere per fortuna, so già che il ciclo non arriverà domani, ma almeno non ho tutti i fantasintomi che mi accompagnano di solito, così mi risparmierò i soldi del test ;). in realtà la sto prendendo con molta leggerezza, quando arriva arriva, forse perchè un figlio ce l'ho già, forse perchè ancora non sono pronta fino in fondo, forse solo per non collezionare troppe delusioni...mah... buona domenica a tutte/i

venerdì 26 ottobre 2012

e dopo l'ultimo post tutto è cambiato...

è un pò che non scrivo, è vero... il fatto è che ho avuto il piccoletto malato e non mi mollava un piede. iniziamo col dire che, dopo che il mio presidente è andato a fare il sopralluogo ci hanno "cacciate di casa" perchè l'edificio è inagibile e per il momento siamo poggiate in r.s.a. in attesa di una nuova sistemazione... olè!! non ne potevo più di andare a lavorare col pensiero che potesse crollare tutto da un momento all'altro. intanto daniele son due settimane che sta a casa, s'è fatto tre giorni con la febbre altissima e si porta ancora dietro una marea di catarro, dopo 15 giorni di aerosol con cortisone e acido ialuronico e antibiotico, che per fortuna gli piace tantissimo, oggi il pediatra ha sospeso tutto e lunedì si può tornare all'asilo, continuando a mettere un antibiotico locale nel nasino... e in questi giorni è diventato più attila che mai, è veramente tremendo. ho fatto le analisi ormonali e sta TUTTO nella norma, nemmeno un valore sballato.. il ginecologo è rimasto un po' stranito, si aspettava almeno la prolattina alta viste le mie tette che scoppiano ancora oggi, si è valutata l'insulino resistenza e viste le mie innumerevoli intolleranze alimentari abbiamo deciso di passare all'attacco con un'alimentazione a basso indice glicemico (e speriamo che così smetto di trovare capelli in giro per casa!) e da ieri ho iniziato ad usare inofert, anche se in teoria avrei dovuto ovulare due giorni fa, però, tanto male non fa... e vediamo come va. e poi per la prima volta ho portato il mio ranocchietto con me e quando l'ha visto è stato felicissimo, aggiungendo: questo bambino è meraviglioso! :):):):):) immaginate il mio ego... superava la panza tanto era gonfio... e quindi diciamo che ufficialmente questo mese abbiamo aperto la caccia, anche se già so, con certezza, che non sarà facile come per il primo figlio, ma non mi scoraggio, un ometto ce l'ho già e penso a chi sta combattendo da tanto tempo per essere al mio posto... e allora realizzo che va già più che bene così...

mercoledì 10 ottobre 2012

tante novità, tutte belle, ma solo in apparenza

allora, comincio col dire che l'inserimento di daniele al nido è andato alla grande, il primo giorno che l'ho lasciato ha pianto un paio di volte, ma coccoloso com'è s'è solo arruffianato la maestra che gli ha dato tanti baci per farlo calmare...e questo è già il suo secondo giorno a casa perchè lunedì pomeriggio aveva la febbre e così ho deciso, essendo di riposo, di farlo guarire per bene... ma domani di corsa ci va! lunedì essendo l'8 ottobre mi rendo conto che forse forse è arrivato il momento di andare a conoscere il mio nuovo medico di base, il ciclo non è arrivato e devo fare le analisi di ormoni e tiroide. un pò mi scoccia perchè non saranno mai precise e mirate, però, mica posso aspettare l'infinito! il ginecologo mi aveva detto intorno al 10. così valutando con mio marito capisco che l'unico giorno possibile di questa settimana per andare in ospedale a fare il prelievo era ieri, che io smontavo dalla notte e il papi aveva cambiato turno, quindi al mattino c'era lui col bimbo. il mio nuovo medico non ha la segretaria e così dopo due ore e mezza di attesa riesco a fare questa benedetta impegnativa, torno a casa, pizza al volo e vado a lavoro. al mattino arriva il cambio turno e rimango a chiacchierare un pò con la collega sui cambi che ci saranno dal primo novembre, tanto l'ospedale è a dieci minuti dal posto in cui lavoro e l'ambulatorio analisi apre alle 8. prima di andare via vado in bagno a fare pipì... ed ecco che sto stronzo finalmente si fa rivedere!!! a sto punto aspettiamo il settimo giorno del ciclo e le analisi saltano. torno a casa e dopo un pò mi chiama la collega -vi avevo già parlato dei problemi che ci sono a lavoro, dell'edificio inagibile e blablabla- mentre faceva le docce è salita la psichiatra urlando che tanta acqua usciva dalla doccia, tanta ne cadeva in testa a loro nel piano inferiore, tra la sala riunioni, la biblioteca e lo sportello c.u.p. (finalmente qualcosa si muove!!!!!) e quindi hanno chiuso il bagno e hanno dirottato tutte le pazienti al nostro bagno, che però è situato fuori dalla casa e quindi di notte dobbiamo lasciare il portone aperto per far si che loro possano accedervi... chissà che una di queste notti non mi trovi uno dei tanti ospiti che ogni tanto ci vengono a far visita al piano di sotto(purtroppo parlo di tossici e barboni in cerca di un tetto sotto cui dormire e magari anche di psicofarmaci, di cui noi siamo ben forniti). dopo un pò mi richiama, pare sia finalmente andato il presidente della mia cooperativa a far visita alla casa (dopo la riunione in cui gli avevamo fatto notare che se ne strafregava della situazione in cui lavoriamo)... si è messo le mani sui capelli quando ha visto le crepe che ci portiamo avanti dal terremoto(2009), che con le infiltrazioni dell'acqua piovana non vi dico come sono, il pavimento di una stanza che si è staccato dal muro e tra un pò possiamo salutare quelli del piano di sotto senza scendere le scale, ratti e piccioni nel sottotetto che la notte fanno i rave party, e per ultimo, udite udite... l'eternit come copertura dei balconi! ha detto che non avrebbe mai potuto pensare che eravamo in quelle condizioni e non era più possibile andare avanti così... e meno male, è da minimo 3 anni che te lo diciamo!!! ti fidi molto di noi! e poi la mia collega mi ha raccontato che è arrivata la ditta di riparazioni della asl e pare non si possa fare un bel niente, per sistemare le infiltrazioni bisogna rompere il pavimento del nostro bagno e andare a muovere lì vuol dire che crolla tutto, ma anche così non dura molto! ora voglio vedere che succede, ora che si tocca la pelle di primario, psichiatri, psicologi, assistente sociale e impiegati... perchè finchè era quella di 8 "matte" e di 5 operatori che continuano a venire a lavorare perchè hanno bisogno dello stipendio, chi se ne fregava, eravamo noi che non sapevamo cosa andar cercando...

sabato 29 settembre 2012

lunedì si comincia

settembre è finito ormai e lunedì iniziamo l'inserimento del ranocchio al nido. toccherà al papà il primo giorno perchè io lavoro e non mi danno la giornata, ma mi dispiace un po' non esserci, vedere come reagisce, un po' però sono contenta, perchè pensare che è già un ometto, che ha già quasi 17 mesi... fa parecchio strano... ieri siamo usciti con la cuginetta e un'altra amica, di cui vi avevo già parlato, ma non ricordo in quale post...bene, lei si è sposata una settimana esatta prima di me e ha iniziato da subito a cercare un bimbo, per ben tre volte è andata male, fino a che hanno scoperto il problema, un intervento banale e oggi nella sua pancia c'è camilla... cmq dicevo, siamo andati in piazza e c'erano le giostre e lui che correva di qua e di là, e la mia nipotina che lo guardava e rideva... che bello vederli così cresciuti, quando sembrava che non sarebbe mai arrivato questo momento, e invece me lo ritrovo già grande.. niente, sono tutti discorsi che mi faccio nella mia testa, che ho sempre fatto con me che mi vedevo già grande a 15 anni, che non ho mai ambito a diventare maggiorenne e che il tempo scorreva troppo velocemente già allora.. e oggi mi faccio le pippe con lui, e ogni giorno rivivo lo stesso giorno dello scorso anno, quando a quest'ora aveva iniziato ad assaggiare un cucchiaino di frutta ogni tanto, aveva iniziato a giocare con la sua palestrina, quando blablabla... e insomma lunedì farà l'ennesimo passo verso la sua indipendenza e io sarò felice di questo mattoncino della sua crescita... e soprattutto quando penso che finalmente potrò stendere i panni senza over raccogliere ogni volta tutte le mollette in giardino, potrò caricare la lavastoviglie senza che lui ci butti la sua collezione di ciucci, potrò togliere la polvere dai mobili senza che lui mi imiti con le dita e riempia di manate dietro dietro, potrò tenere la casa in condizioni dignitose almeno mezza giornata... sono ancora più felice!

giovedì 27 settembre 2012

è andata meglio di quanto pensassi... o forse no...

appuntamento alle 16. torno da lavoro e mi faccio una doccia al volo, alle 15:20 esco di casa e contando che l'ambulatorio è a 2 km da casa e mi son fermata a fare bancomat, alle 15:28 ero lì, fumo una sigaretta al volo, diciamo poco più di mezza ed entro.. la sala d'attesa è vuota, come speravo che fosse, mi siedo con le mani che tremano e il cuore a mille, un sms a mio marito: quanto vorrei tu fossi qui... poi inizio a guardare quel cartellone con lo sviluppo del feto, del neonato e del bambino, e ripenso a quando io e mio marito lo leggevamo insieme e ci dicevamo: a 3 mesi già inizia a portare avanti le braccia per afferrare gli oggetti! e poi vado in corridoio a guardare quella foto con tutti quei neonati e ripenso a quando dicevo a lui: tu a quale vorresti somigliasse nostro figlio? e lui mi rispondeva: questi due sono carini, ma nostro figlio sarà più bello. e poi arriva la pipì isterica, vado in bagno e ricordo quante volte ho fatto la pipì lì dentro, nell'attesa di vedere quel cuoricino battere veloce.. e poi finalmente il dottore mi chiama, mi saluta, mi chiede come va? com'è andata col bambino, se ho allattato, e oggi perchè sono lì.. oggi dottore sono qui con la paura che tu mi dice qualcosa che non voglio sentirmi dire! io non sono mai stata una troppo emotiva, ma quando si parla di figli ecco che cambio totalmente. ho vissuto la prima gravidanza come un vero miracolo, non credevo sarebbe arrivato al primo tentativo, non credevo sarebbe andato tutto bene, non credevo sarei riuscita a fare un parto naturale, non credevo avrei allattato... ma dio è stato bravo con me e io sono stata brava con mio figlio e questo ha fatto si che riuscissi a portare a termine tutti quelli che erano i miei desideri... passiamo subito all'ecografia, l'endometrio è bello spesso e quindi a giorni il ciclo arriverà, tutta colpa dell'ovaio micropolicistico... ora mi ha prescritto degli esami ormonali e lui che è un dottore a favore della famiglia numerosa mi ha chiesto: e il secondo? quando lo facciamo? -dottò ci stiamo pensando. -bene, allora fatti questi esami, poi torni e decidiamo. queste ovaie vanno messe a riposo, se vuoi un figlio ti do degli integratori che sistemano un pò e facilitano la gravidanza, altrimenti ti do la pillola per un paio d'anni... ma fallo un altro adesso che sei giovane e poi se non si risolve pensiamo alla pillola. sono uscita da lì molto più leggera, con la possibilità di un'altra gravidanza molto più vicina, quasi la tocco con le mani. felice di aver vissuto tutte quelle emozioni, felice di aver sentito la sua voce che mi ha rassicurata come sempre, felice di aver affrontato la paura da sola e di averla sconfitta.. certo, mi avesse detto: sei incinta, sarebbe stato meglio, ma va bene così, almeno per ora...

martedì 25 settembre 2012

e domani la resa dei conti

domani a quest'ora sarò nella sala d'attesa dell'ambulatorio del mio ginecologo. non so che augurarmi. da una parte spero non ci sia niente, solo stress che ha tirato un brutto scherzo, ma allora come me li spiego questi crampi all'utero e quelle perdite strane e queste tette che scoppiano? dall'altra spero ci sia un qualcosa che funga da risposta ai miei perchè, ma questo mi spaventa perchè vorrei non fosse niente di grave, niente che comporti cure ormonali e cavoli vari, perchè si allungherebbe ulteriormente l'attesa. c'è chi mi dice: e magari scopri che sei incinta... beh, questa sarebbe la cosa più bella, ma anche l'ipotesi più remota, perchè un test può sbagliare, ma due, fatti già a 20 giorni di ritardo no. la speranza c'è, è inutile negarlo, ma so già, con certezza, che non è così. l'ansia mi sta distruggendo

venerdì 21 settembre 2012

è già arrivato

no, no, non mettetevi strane idee in testa, il ciclo non è ancora arrivato, ormai siamo a 29... e ora che mi son fatta la ceretta una capatina dal ginecologo direi che è ora di farla! è arrivato il matrimonio di mio fratello, ieri sono andata dai miei e finalmente ho respirato quell'aria di festa che due anni fa era nell'aria già da tanto, ma forse perchè ero la diretta interessata, o forse perchè stavo fuori casa già da tre anni e mezzo e quindi i miei non subivano la paura del distacco, perchè c'era già stato e anche molto improvviso. ora ci stanno venendo tutte le idee dell'ultimo minuto, e facciamo il banchetto col prosecco e i calici all'uscita dalla chiesa, e mia madre e mio marito che hanno organizzato il volo dei piccioni (cosa che a me fa un pò senso da sempre, metti il caso che si emozionano troppo e ti ritrovi un bel souvenir sul vestito bianco... bleahhh), e prendi il tulle per fare i fiocchi da mettere lungo la scalinata, e tutte queste cose qua. però mi piace, anche perchè sto due giorni in ferie, quindi ho un attimo per respirare, si fa per dire, perchè oggi pomeriggio starò quelle 3-4 ore dalla parrucchiera e mi toccherà pure girare fino a domattina coi bigodini, perchè se no sai che ci rimane dei miei capelli col ranocchio in giro per casa? stamattina alle 5 ho stirato la camicia e la cravatta della peste, la camicia del marito e la mia stola, e grazie a ciò mi sono accorta che non abbiamo ancora ritirato i pantaloni di mio marito dalla sarta, speriamo almeno gli stiano bene, che ora c'è ben poco da fare. e mia madre finalmente ha lasciato da parte il pensiero che il suo bambino se ne va alla tenera età di trentunanniediecimesi, dopo il mega cazziatone ricevuto dalla sottoscritta, si perchè non puoi rompere le palle e rovinare la festa a tutti con quella faccia da funerale, vabbè che diventi ufficialmente suocera di una nuora (si perchè la suocera del genero generalmente è molto più buona), ma non dar modo di parlarti male già dal primo giorno, che sai quante occasioni avrai in futuro! e comunque, come ogni festa che si rispetti, mi sono accorta che manca qualcosa, quel qualcosa in questo caso sono i bavaglini per la lumaca mio figlio, che tutti quelli che ha sono o macchiati di frutta o talmente brutti che non si possono guardare, o talmente grandi che ci apparecchio direttamente il tavolo degli sposi. e quindi stamattina mi tocca andare alla chicco e spendere dieci euro per un bavaglino del cavolo, perchè solo lì li hanno carini. e poi già che ci sono mi conviene passare pure da h&m, perchè a daniele ho preso il vestitino carino, con la camicia, il gilet e la cravatta, ma quando l'ho comprato, mi pare ad agosto, non ho tenuto conto che solo con la camicia in cotone sembra un pellegrino e non è che mi si tiene su la giacca tutto il tempo, perciò mi tocca prendere uno di quei body che vendono lì a 5 euro più o meno, tutto bianco, a manica lunga, e glielo metto sotto, così fa la sua porca figura e non rischia una bronchite! vabbè, vado che ho preso solo il caffè dalla 5 e il mio stomaco si sta ribellando, è ora di fare colazione.. poi vi racconterò.. ah, dimenticavo... tanti auguri fratellino

lunedì 17 settembre 2012

scusaaa, si può sapere dove sei??

Qualcuno sa che fine ha fatto il mio ciclo? No, perché è dal 27 luglio che non si fa vedere, quindi siamo a quota 24 giorni di ritardo, due test negativi, delle perdite strane che mi fanno pensare che tra poco arriverà... E invece niente... Da dieci giorni prendo anche la tb, che ok deve essere monitorata dal primo giorno, ma, meglio tardi che mai... E cmq è bassa.. Boh, non ci sto capendo niente... qualche giorno di acidità di stomaco, la paura dell' infondato barlume di speranza e illusione che mi fa ritardare il prelievo ematico... Ciclo torna, mi manchi...

venerdì 14 settembre 2012

è arrivato anche per noi

no, purtroppo per il primo giorno di asilo dobbiamo aspettare il primo ottobre, perchè per il 17 erano già pieni con gli inserimenti... e devo dirvi che non vedo l'ora. invece, dopo quasi 16 mesi è arrivato il primo raffreddore, che già mi pare un miracolo se la sia scampata per più di un anno. solo che quando arriva? il giorno che io ho il turno di notte! e così mi chiama mio marito alle 22 disperato: DANIELE HA VOMITATOOOOO!!!!! NON PUOI IMMAGINAREEEE, IO COME FACCIO????? eh, e io che ti posso fare? sto qua, a lavoro, coccolalo un pò, misuragli la febbre -NOOO, IO NON SONO CAPACE- vabbè, mo chiamo mia madre vattene da loro va. e stamattina immaginate come poteva essere il mio bel lettino, dopo una notte con i pezzettini di petto di pollo sulle lenzuola!!! una puzza che ve la immaginate, ho dovuto lavare lenzuola, coprimaterasso, tutti e due (ne tengo uno più sottile e uno spesso di spugna, appunto per evitare spiacevoli incidenti), federa, copricuscino e cuscino, sembrava ci fosse stato l'esorcista lì dentro!! in compenso adesso sta meglio, fa solo tanti capricci in più

giovedì 6 settembre 2012

mannaggia a me mannaggia!!!!

mi ritrovo qui, finalmente un attimo di relax, ho lasciato il ranocchio da mia madre, la scusa era sistemare un pò casa, visto il disastro lasciato da mio marito, approfittarne per caricare e stendere una lavatrice e preparare la cena per stasera e il pranzo per domani...la realtà è che avevo voglia di stare un pò da sola! ultimamente non c'è mai tempo per me, per stare senza far niente, sola coi miei pensieri. è un periodo un pò così, lo stress a mille, la prolattina che chissà a quanto è schizzata, visti i 13 giorni di ritardo -no, non sono incinta, ne ho avuto la conferma l'altro ieri dopo che mio marito, fremente nell'attesa di vedere il risultato di quel test, mentre io fumavo una sigaretta affacciata alla finestra mi ha detto: vaffanculo, ho preso pure quello da 16 euro!-, la frequenza cardiaca che ormai viaggia fissa sopra i 100 battiti al minuto, e la voglia di stare a casa in pigiama, tutto il giorno, a non fare niente. ma a fare niente non ci posso stare, ce n'è di cose da fare, ma non arrivo mai a fare niente, mi manca sempre qualcosa.. ogni tanto penso che forse una gravidanza ora mi farebbe più male che bene, ma poi scaccio subito quel pensiero, perchè in fondo lo voglio veramente. e con i suoceri è sempre così, cioè niente di nuovo, e con mio fratello stanno venendo fuori tanti di quei problemi, problemi che poi in realtà mi faccio solo io, perchè gli altri se ne sbattono allegramente... che casino!! complice questo tempo, l'umore è sotto i piedi e di più... ho la sensazione di essere in sindrome premestruale da almeno un paio di settimane, mi esce la lacrima anche guardando s.o.s. tata, scatto per niente, ma nessuno lo capisce, nessuno lo sa che anche se io non mi lamento mai faccio un lavoro che emotivamente distruggerebbe pure i sassi, che comunque sto fuori 7 ore al giorno e 10 quando faccio la notte, e quando torno inizia il lavoro vero, che nessuno mi da una mano se devo pulire, cucinare, stirare, che mio marito non c'è mai, sta sempre a lavorare povero cristo dal lunedì alla domenica e quando torna ha pure il coraggio di dirmi: eh, ma devi prenderti un pò di tempo per te! e quando, di grazia? tu riesci ad uscire quando devi tenere daniele mezza giornata, io no, perchè per far star fuori te e lui quelle tre ore, io ne devo passare sei a prepararti pranzo e cena, a te e tuo figlio, devo farti trovare almeno due cambi per te e due per tuo figlio, se io esco vado a fare la spesa o a pagare le bollette, sempre col bambino in collo, di fretta come una matta... vabbè, vado va, la lavatrice è finita, stendo i panni e finisco di godermi questo pomeriggio di relax...

lunedì 6 agosto 2012

forse non dovrei...ma io ve lo voglio dire!

ciao donne, eccomi qua dopo un mese e passa di assenza.. in realtà ho letto quasi tutto, ma non c'era molto da raccontare. vado e vengo dal campeggio, vado e vengo dal lavoro, vado e vengo un pò ovunque, ma niente di che alla fine. con sta storia della roulotte io e mio marito ci vediamo sempre meno, perchè ci vuole una mezz'oretta in più per andare e tornare dal lavoro e quindi... danielino ormai corre che è una meraviglia, e da ieri abbiamo definitivamente abbandonato le pastine, non le vuole più, non le mangia più e allora abbiamo iniziato a mangiare come i grandi, si, perchè abbiamo deciso che è pronto per fare il fratello maggiore... dopo il ritardo del mese scorso ho capito che c'ho voglia di pancia, c'ho voglia di notti insonni, di tette che esplodono e di qualche altra smagliatura. in quei 10 giorni, vissuti col mio silenzio, senza dire nulla a mio marito, la mente è andata oltre, a farmi avere le tette che esplodevano, la stanchezza cronica, un pò di acidità e pure qualche nausea. la testa mi ha spinto a fermarmi al distributore della farmacia a prendere un test mentre andavo a fare la notte,a fare pipì in un bicchiere, a guardare quella finestrella bianca che è rimasta così finchè non l'ho buttato... e poi però a mio marito gli ho raccontato questi giorni di illusione, e allora abbiamo deciso, se ce la facciamo prima dei 30 anni avrò due figli..e contando che domani sono 29, qualche mese di tempo ce l'ho...

martedì 26 giugno 2012

oggi proprio non è giornata

che giornata di merda!!! e scusate il francesismo! oggi dovevamo trasferirci definitivamente al mare e invece eccomi qua!!! ieri dovevamo finire di sistemare la roulotte, mio marito doveva sistemare luce e acqua e io dovevo dare una bella disinfettata dentro e sistemare i letti, ma lui domenica è tornato a casa con 38,5 di febbre e ieri ha avuto 38,7 fisso. oggi doveva venire la mia amica con i due bimbi e saremmo dovute rimanere 4 giorni al mare, ma la chiamo e le dico come stanno le cose, proponendole di stare a casa mia e viaggiare, tanto per lei e il grande c'era il letto di daniele che è da una piazza e mezza e per la piccola c'era il lettino con le sbarre, e per il mare avremmo viaggiato in auto, tanto da qua sono 13 km e si poteva fare, lei accetta. quindi dopo il mio turno di notte, che è iniziato senza cena perchè 10 minuti prima che uscissi di casa mio figlio ha deciso di svegliarsi e dato che marito aveva la febbre ho preferito farlo mangiare io il bambino, arrivo a casa stamattina e mi metto a sistemare casa, ci sono i letti da cambiare, le camere da sistemare e i bagni da pulire, la cucina in condizioni pietose -non so i vostri, ma mio marito la riduce in un campo di battaglia anche solo per lessare un pò di riso-, i giochi di daniele tutti per terra e due lavatrici da ritirare. ma almeno a marito è passata la febbre, così lui intrattiene il bimbo e io in un paio d'ore sistemo tutto - riesco a fare più con mezz'ora da sola, che con il bimbo tutto il giorno tra le palle- faccio pure il brodo vegetale, a mio figlio ormai non lo faccio più, ma dato che B. ha solo sei mesi e le serve, ne approfito e ne faccio anche un pò per ranocchio. è tutto pronto, sono orgogliosa di tutto quello che ho fatto, ma mi serve una doccia, poi sono a posto, anzi no. -amò (che intanto è in giradino a chiacchierare col vicino) ci fumiamo una sigaretta e poi vado a fare una doccia? -si, valle a prendere che sono in terrazza. rientro e daniele s'è svegliato, così lo prendo, lo metto nel passeggino e lo porto sul terrazzo che da sul giardino e rientro... il temmpo di ritirare la finestra che sento un tonfo, mi giro e vedo il passeggino scendere le scale e cappottarsi sull'erba... con daniele dentro. un pianto assurdo, mio marito che sbianca la fronte rossa del bambino, lo prendo immediatamente, lo porto in cucina e metto il ghiaccio, intanto arriva la mia amica, col marito e i due bambini. nemmeno il tempo di salutarli che lei mi dice: portalo al p.s. secondo me non serve, il bambino sta bene, ma mio marito, che ve lo dico a fa? lei che nemmeno ha finito di scaricare la macchina e mi dice che non mi devo preoccupare per lei, che se ne torna a casa, perchè non vuole darmi un altro pensiero. io che vado a vestirmi (e intanto la sudata è triplicata) e andiamo all'ospedale. arriviamo e ci spediscono in pediatria, entro e una figura non ben definita mi dice: adesso i medici sono in visita, c'è da spettare. -ho capito, ma quanto? -eh, non lo so, ma non ti preoccupare, che non è niente, il bambino sta bene. -scusi, e lei come fa a dirlo? non mi pare un medico e neppure un'infermiere, oltretutto come fa a sapere come sta mio figlio, senza averlo nemmeno guardato e senza sapere che trauma ha subito? un dottore non si può staccare dal giro visita e guardarlo un attimo? la mia sclerata ha fatto effetto, perchè poco dopo arriva una specializzanda. ora, i parametri grosso modo li ho controllati io, pupille reattive, niente vomito, niente sonnolenza, ha ripreso pure a sorridere, ma cazzo, se arrivo dal p.s. volete almeno dargli un'occhiata, poi se c'è da aspettare aspetto, ma almeno escludiamo qualcosa di grave.. e poi non mi venissero a dire che questa non è malasanità! lo visita, sta tutto a posto, ma ne parla con la dottoressa di ruolo che prescrive un rx cranio. MA COME FAI A DIRE CHE UN BAMBINO DI 13 MESI DEVE ESEGUIRE UNA RADIOGRAFIA SE NON L'HAI NEMMENO VISTO? a quel punto arriva la dottoressa, e rispoglialo di nuovo, intanto santo amore mio, nonostante la fame, sta lì buono buono e ride e gioca. le spiego che io non ritengo necessario sottoporre mio figlio a delle radiazioni e quindi mi rifiuto di firmare, dal momento che si può vedere anche senza se c'è una frattura, che è evidente che non c'è. -eh, ma i raggi li abbiamo fatti tutti, mica muore! cogliona, lo so che non muore, ma perchè farlo se non serve, soprattutto come ti permetti di prescriverli senza averlo nemmeno visto? e infatti fatta la visita dice che sta bene e che devo tenerlo sotto osservazione 48 ore, ma posso portarlo a casa, senza forzarlo se non vuole mangiare e tenendolo sotto controllo quando dorme. e intanto sono le 2 di pomeriggio, mio marito ha fatto pure tardi a lavoro, ma per questo chi se ne frega!!! e mi ritrovo con questo terremoto in casa, che sta meglio di prima, per fortuna, ed è saltato tutto!! nel pomeriggio dovevo andare a riprendere la mia macchina che in un mese s'è rotta 4 volte, ma diego, il mio amico meccanico non è in officina perchè ha la febbre alta... per fortuna lui una moglie non ce l'ha, altrimenti povera donna con un marito in casa, che non so i vostri, ma il mio è insopportabile! domenica sera mi fa: oh ta, mi fa male la testa, non è che c'ho quella malattia che ti fa male la testa e poi muori? credo intendesse la meningite. mavaffanculova! è meglio che me ne vado a letto presto, prima che succede qualcos'altro!!! ah, come sempre devo trovare il lato positivo di ogni cosa...quindi... che non si sia fatto niente è scontato. detto questo... almeno c'ho la casa che splende!!

venerdì 22 giugno 2012

fosse sempre così...

sto caldo mi sta buttando giù il ranocchio, troppo giù.. no, non me la sto ancora godendo come vi avevo detto qui, ieri abbiamo finito di sistemare e dopo due giorni sotto il sole, tra terra e mare, ieri sera daniele si era completamente mimetizzato, non sapevo come fare per metterlo in macchina, talmente era sudicio e sporco, che poi si è pure addormentato sul seggiolino e guardarlo con tutti i capelli bagnati e quella bocca a cuore mi ha fatto capire che lo avrei mangiato di baci anche così, travestito da spazzatura... oggi invece giornata a casetta, alle 7 e mezza eravamo in piedi, latte, bagnetto e di corsa in macchina, alle 9 c'avevo appuntamento dall'estetista e ho dovuto portarlo con me, nei 15 km che mi separano dal centro estetico ha rovato ad addormentarsi di nuovo, ma ho dovuto svegliarlo, al ritorno stessa storia, ma apena mi fermo a prelevare al bancomat apre gli occhi, così ne approfitto per fare pure un pò di spesa. torniamo a casa e c0ha un sonno che non si mantiene in piedi... oddio, pure senza sonno non è che abbia sto grande equilibrio, lo spoglio e lo metto a nanna, sono appena le 10, alle 13:30 decide che basta dormire -era pure ora- e nel frattempo avevo preparato il suo splendido sughetto con i pomodori freschi e la ricotta appena comprata, ma lui di mangiare non ne vuole sapere. butto tutto nel secchio e riesco a rifilargli una mela. gioca 10 minuti e da i primi segni di isteria da sonno. tra le urla gli cambio il pannolino e lo metto di nuovo a nanna.. ora dopo ben 3 ore con gli occhi ancora chiusi ha inziato a chiamare papàpapàpapà. vediamo se vuole lo yogurt, ma quando mai? solo ba (che nel danielese indica l'acqua).. e continua a stropicciarsi gli occhi, tra poco son sicura che crollerà di nuovo. RIDATEMI MIO FIGLIOOOOO!!!! rivoglio quel terremoto che non si ferma un attimo, che si butta dal passeggino, che ci impiego più tempo io a legarlo al seggiolone che lui a slegarsi, che accende lo stereo e balla e canta! però almeno son riuscita a pulire casa senza interruzioni, e pure a stendere due lavatrici di panni.. e ho persino caricato la lavastoviglie. e voi direte :e che ci vuole? e certo, provateci un pò voi a metter le posate nel cestello con un nanetto che le toglie e le butta a terra in un baleno! speriamo solo che stanotte non mi faccia scontare la tregua del giorno, che domattina devo andare a lavorare!!!

martedì 19 giugno 2012

voglia di vacanze

adesso sto scrivendo veramente poco, ma la realtà è che non ho tempo, continuo a lavorare, nelle ore libere porto il piccoletto al mare, il week end siamo stati a casa di amici e tra mare e montagna sono ancora distrutta, e intanto i panni sono lì che mi guardano speranzosi, prima o poi li sistemerò! e intanto daniele ieri ha compiuto 13 mesi, ora ha 8 dentini e ha iniziato con i primi passi, la prima volta ne ha fatti 4, piccoli piccoli, ma io mi sono emozionata, gli ho urlato "bravo" e lui per battersi le mani da solo ha perso l'equilibrio ed è finito culo a terra... e poi tra qualche giorno ci trasferiamo al mare, abbiamo comprato una roulotte e ce ne andiamo tutta la stagione in campeggio, è la prima volta, vediamo che succede! ma non vedo l'ora di svegliarmi al mattino, fare colazione e poi subito al mare, senza dover attraversare nemmeno la strada, basta aprire il cancelletto. e poi sabato abbiamo fatto fare il bagno a daniele, per la prima volta, si è divertito da morire, è stato mezz'ora in ammollo, a fare tuffi e volare. e poi ha capito come si scende dal divano e dalle scale e ora devo stargli ancora più dietro. però il pomeriggio a casa fa abbastanza il bravo, basta metterlo in piscina e lui gioca talmente tanto che poi 2 ore di nanna non gliele toglie nessuno. solo che adesso che so che tra un pò si parte non la reggo nemmeno più io la casa. e poi la settimana prossima mi raggiunge la mia amica e con tanto coraggio ci faremo una settimana di mare e sole io, lei e 3 bambini.. però per adesso basta sognare, oggi ho il turno di pomeriggio e quindi devo andare a cucinare per il pranzo e per la cena. se non mi leggete più pensate che me la sto godendo!!! buone vacanze a tutte!!!!!!!!!!!!

lunedì 11 giugno 2012

tempo al tempo

stamattina è arrivata la collega a darmi il cambio e mentre ci sorseggiavamo il nostrao caffettino mi ha detto che l'altro giorno è "caduto il disccorso su di me" e l'altra collega, quella che di più false non ce n'è che le dice: sai. ho notato che tania ce l'ha con me, e a me dispiace sta cosa, io le devo parlare perchè non mi va. e lei le ha risposto che io non ce l'ho proprio con nessuno, semplicemente ci son rimasta male che nemmeno una telefonata, nemmeno a venire a vedere mio figlio, nemmeno che bla bla bla, e che io sono stata una signora-grazie grazie- perchè ho continuato semplicemente a fare il mio lavoro, senza parlare male di nessuno. e l'altra ha tirato su mille scuse, mavatteneafanculo. oddio, io in verità qualche sottile cattiveria l'ho fatta, tipo l'altro giorno lei si era scordata di fare i conti della cassa comune e li ho fatti io, che poi le pazienti glielo hanno raccontato e lei si è sentita richiamata, oppure dovevo aggiornare la cartella terapia per un farmaco periodico, ma spesso si da per scontato tutto e non compariva la frequenza di somministrazione, così, pur sapendo che eraogni 30 gg, ho fatto la gnorri e ho scritto in consegna: scusate, non ho aggiornato la terapia, perchè non sapevo ogni quanto va somm.to il farmaco... così chi vuol capire capisce che la cartella tp l'ha compilata lei prima di me e non ha trascritto tutto.. tiè! e tante altre piccole cosine.. però devo dire che finora la soddisfazione di cantargliene 4 non l'avevo ancora avuta, e anzi c'ero rimasta male perchè io ero partita bella carica e lei non mi aveva cagata proprio, avevamo parlato solo di lavoro.. anche se poi alcune colleghe mi hanno suggerito che la sua indifferenza era l'unico modo per sopravvivere a quelle imnbarazzante circostanza. ma ora sta per iniziare un corso (di cui nessuna mi aveva avvertita, e che quindi io non farò -si, un pizzico c'invidia c'è, ma tanto lo farò il prossimo anno e per ora forse è meglio così-) e quindi molto probabilmente le serviranno dei cambi turno, che io col cavolo che glieli faccio! e quindi so che vuole affrontarmi per chiarire la situazione, e finalmente è arrivato il momento... dopo due mesi quasi dal mio rientro... ci vorrebbe ora una di quelle risate diaboliche, avete presente? è proprio vero, tutti i nodi vengono al pettine! e poi ve l'avevo promessa, quindi ecco la foto di mio figlio in costume

giovedì 7 giugno 2012

primo giorno al mare

buongiorno a tutte care amiche blogger, è una vita che non scrivo, ma sono entrata spesso, solo che non avevo granchè da dire... non che oggi abbia vinto il superenalotto e sia qui a raccontarvelo, però... oggi io e il ranocchio abbiamo affrontato la prova costume... un disastro!!! io vabbè, lo sapete perchè, lui perchè è letteralmente impazzito a contatto con la sabbia, faceva per mangiarla e poi si ficcava le dita in bocca per cacciarla ahah però è stato bravissimo, s'è messo lì buono buono a giocare col secchiello di nemo, paletta e rastrello e m'ha fatto prendere pure un pò di sole... poi siamo andati a fare una passeggiata e si è addormentato cullato dal suono delle onde, ma appena siamo tornati all'ombrellone si è svegliato più vispo che mai e ha ripreso i suoi lavoretti.. inutile dirvi che quando è stato il momento di andare via se n'è accorta tutta giulianova.. ma appena siamo saliti in macchina, che culo, era all'ombra e si stava da dio dentro, è crollato e sta ancora dormendo con tutta la sabbia addosso.. e io ho potuto fare una doccia in santa pace. per il resto nulla di nuovo, i miei suoceri non li ho più visti dalla festa di daniele e meglio così, che tanto dove scappano? mia cognata in questo momento è sotto i ferri per l'impianto di una protesi all'anca e tra poco torna papà perciò vado a cucinare. p.s.: poi vi metto le foto del fisicaccio di ranocchio in costume a pantaloncino rosa shocking con fiori bianchi, è da vedere.. ma le ho sul cell e ancora non le copio.

martedì 22 maggio 2012

il taglio nuovo è da vedere

eccoci ancora qua, il compleanno è andato benissimo, oddio, ho chiuso per sempre con quella merda di famiglia di mio marito, ma poi per il resto tutto ok... un giorno vi racconterò, oggi non ne ho voglia.. la candelina l'abbiamo spenta insieme, nel senso che lui ci provava con le mani e io ho soffiato.. ma quello che è stato l'avvenimento più importante è stato, finalmente, il taglio di capelli... fosse stato per me lo avrei eseguito tempo fa, ma mio marito lo ha vietato categoricamente, bisogna aspettare un anno, e vabbè, un anno è arrivato. e quindi vi mostro le due foto prima e dopo, sempre con la torta davanti perchè un giorno eravamo a casa mia proprio la sera del compleanno e nell'altra siamo al ristorante sabato sera, quando abbiamo festeggiato con amici e parenti prima
dopo
non è bellissimo??????????? p.s. sta grafica nuova la odio, non mi fa nemmeno andare a capo, ma come si fa a cambiarla????

giovedì 17 maggio 2012

AUGURI AMORE MIO

scrivo oggi questo post perchè domani di sicuro non avrò tempo di collegarmi. un anno fa a quest'ora stavo partendo per l'ospedale, c'era il giro d'italia ed era tutto bloccato, ma io non ce la facevo più, era il giorno della mia ddp e sentivo che lo avrei visto da lì a poco... in realtà da questo momento sono passate quasi 24 ore, visto che ho potuto sentire la sua voce alle 17:16 del 18... domani spegneremo la sua prima candelina, solo a pensarci mi scende una lacrima. lo guardo mentre si esercita a tenersi in equilibrio, in piedi sul pavimento, mentre mi butta il telecomando della tv nuova nel secchio pieno di acqua con cui ho lavato i pavimenti, mentre appena mi guarda non ce la fa a non sorridermi. qunado mi dicevano : finchè non sei mamma non puoi capire un pò mi innervosivo, come non posso capire? è l'amore più grande che si possa provare... e invece no, è di più, molto di più. è un amore che non avrei mai immaginato di poter provare, è un amore che cresce ogni siatnte di più, è il mio obiettivo di vita. è pensiero costante durante tutte le mie giornate. è tante cose che non so nemmeno descrivere... amore della mamma ti amo buon compleanno

martedì 15 maggio 2012

la dichiarazione dei redditi

stamattina mio marito ha deciso di farsi il giro di sindacati, commercialista e banche per raccattare tutto il necessario per la dichiarazione dei redditi... da quando è nato il bambino me la scampo questa rottura, prima questa enorme scocciatura toccava a me. e così stamattina ci siamo messi a trovare tutto quello che serviva, le fatture degli occhiali, i cud, le varie ricevute delle visite mediche, tutto buttato nella scatola degli orrori, a casaccio.. ogni anno mi prometto di sistemare tutto dentro quella specie di raccoglitore a fisarmonica, che puntualmente rimane vuoto.. e pensare che l'avevo comprato apposta. si, per la burocrazia sono disordinatella, ma è più forte di me.. i bollettini delle bollette pagate li ho tutti, da qualche parte... allora apriamo sto scatolone e viene fuori la cartella della gravidanza, che avevo appositamente lasciato lì perchè piena di tutte le fatture e degli scontrini della farmacia... e così ho trovato una buona scusa per distrarmi, mi son messa a riguardare tutte le ecografie, quella della morfologica, col faccino in 3D, da che era un puntino, o meglio non c'era ancora, a che spuntano gambe e braccia, a che il mio ginecologo perverso gli ha misurato pure il pisellino beccato in erezione, 22mm... e mi disse: beh, potrebbe quasi soddisfare una donna già da adesso O_o no, non ho osato proseguire il discorso per vedere di quali problemi soffrisse lui! e comunque, l'anno scorso in questi giorni ero proprio alla frutta, non ce la facevo più... e adesso c'è questo mostriciattolo in giro per casa, che si appoggia alla palestrina, se la porta a spasso e cammina, che il suo gioco più divertente è tirare il cestello inferiore della lavastoviglie mentre la sto caricando per rubare il cestino delle posate... e vabbè, basta sentimentalismi... sono 3 anni che devo avere un rimborso.. e un anno perchè avevo la p.i., e un anno perchè non ce l'avevo più, e un anno perchè il commercialista ha fatto na cazzata...vediamo un pò quest'anno che succede!

venerdì 11 maggio 2012

mio marito e la sua obiettività

ieri mattina siamo passati in un negozio dove vendono tutto quello che serve per delle feste, dai palloncini ai festoni, ai decori per la torta, ai piattini, bicchierini, alle fontane luminose, ai confetti, cioccolatini, tutto.. dovevo prendere i palloncini e i festoni da portare al ristornate per venerdì prossimo. mentre camminiamo tra gli scaffali incontro una donna che ha fatto il corso pre parto con me, e i monitoraggi pure, solo che a lei al secondo la ricoverarono perchè aveva le contrazioni e suo figlio è nato il 7 maggio. la chiamo per salutarla e mi dice: ah, pure tu per la festa? il mio ha già fatto il compleanno, ma lo festeggiamo sabato in campagna, siamo 150 persone -esticazzi!!!!noisaremo50alristorante- ma fammelo vedere, ma come sei bello! il mio è il triplo più grande, con i capelli biondi ricci e gli occhi azzurri, e la pelle chiara chiara. e io col sorriso le dico: insomma, l'opposto del mio, tralasciando la stronzata che è il triplo più grande, perchè il mio già me lo scambiano per un bimbo tra i 18 e i 24 mesi, il tuo cos'è? c'ha già la patente? si, perchè daniele, vabbè che le foto ci sono, ma è scuro scuro di carnagione, con gli occhi neri, i capelli lisci lisci castani, insomma, a parte il colore degli occhi, tutto mammà! poi facciamo quello che dobbiamo fare e usciamo. in macchina mio marito riprende il discorso: e quindi il figlio di quella è il triplo di daniele? forse in larghezza! e poi che mi dici c'ha gli occhi così e i capelli colà, biondo con gli occhi azzurri... proprio come non piace a me. a me, tu ta lo sai, non mi piacciono per niente i bambini biondi con gli occhi azzurri, o ti è una novità? guarda quant'è bello lui invece.. -amò, tua nipote è bionda con gli occhi azzurri! -vabbè, a parte gabriella che è bellissima, gli altri non mi piacciono!

giovedì 10 maggio 2012

ritorno al passato

ieri mattina alle 6:30 per le vie del centro, in macchina, c'ero solo io, io che adoro essere attiva a quell'ora, io che ritengo che quello che riesci a goderti in quei momenti non riesci a ritrovarlo in tutte le altre ore della giornata, io che come una pazza cantano a squarciagola "urlando contro il cielo" del Liga, ma poi alla radio hanno passato "non si può morire dentro" di gianni bella e ho urlato pure quella... e comunque dicevo, percorrevo il ponte che ti porta dritto dritto al centro città, quello dove non trovi parcheggio nemmeno all'alba, quello dove mi tocca andare per lavorare, quando dalla parte opposta arriva un pullman, povero cristo, pure tu inizi mentre gli altri dormono! guardo l'autista in faccia con un sorriso, per augurargli almeno il mio buongiorno, vedi mai che la sua giornata possa prendere una piega diversa, quando lui alza la mano per salutare, ma io non faccio in tempo ad alzare la mia perchè è già passato... ma era luigi!!! luigi era l'autista del mio autobus ai tempi delle superiori, quanti ricordi!!! la scuola che frequentavo era alla fine della città e quindi la nostra era la prima fermata, eravamo in 5 o 6 a salire, prima di arrivare nella piazza centrale, ma per quel paio di km che ci separavano occorrevano almeno un quindici minuti, tanto era il traffico in quell'ora di punta. e noi scherzavamo con luigi, usavamo il suo cellulare per fare gli squilli al ragazzo che ci piaceva e stava nel pullman davanti, gli raccontavamo tutto, quante risate. e mentre stavamo su quel pullman, una volta, un amico mi chiama da parte e inizia a dirmi sai, c'è una mia amica di cui io mi sono innamorato, lei non lo sospetterebbe mai, anche perchè lei sta in fissa per un altro, e io che i miei punti interrogativi nel cervello diventavano sempre più esclamativi, oddio!!!! e lui che -ma secondo te che faccio, glielo dico? e io che -ma sai che è? che se a lei piace un altro è inutile che glielo dici, rischi solo di perderla come amica. paraculo? lo so! ma non sapevo come uscirne. che poi e chi se lo ricordava? si chiama daniele, come mio figlio. e poi c'era cristian, il primo fidanzatino delle medie, se non contiamo la limonata in pullman, al ritorno da una gita, con paolo, con lui dai quattordici anni in poi ognuno si faceva la sua vita(e capirai che vita che io stavo in fissa sempre per uno che però a distanza di tanti anni ha avuto il benservito, e a guardarlo oggi sembra quasi mio padre, nonostante abbia 2 anni più di me), ma ogni tanto scattava qualcosa e passavamo quel quarto d'ora nei sedili in fondo indisturbati; non è che si facesse chissà cosa, qualche bacetto, qualche abbraccio, ma ne avevamo bisogno, poi si tornava ognuno a dove eravamo rimasti. sono passati più di 10 anni da quei giorni lì, oggi cristian è sposato e ha un bimbo, paolo è sposato e ha mi pare 2 bimbi, daniele non lo so che fine ha fatto... ma rivedere luigi ieri mattina mi ha fatto stare bene tutta la giornata, mi ha permesso quel tuffo al passato che non faccio quasi mai, e quando lo faccio vado sempre a bussare al ricordo di chi voglio io. invece ieri son saltate fuori cose che avevo proprio rimosso...

lunedì 7 maggio 2012

riflessioni post notte

oggi a pranzo, nell'unica mezz'ora che dividiamo io e mio marito chiacchierando con relativa tranquillità, tra i pianti del ranocchio che a quell'ora ha sonno e almeno i titoli del tg da leggere, pensavo ad alta voce. gli ho confessato che mi sento un pò in colpa verso mio figlio, perchè da quando ho ripreso a lavorare lo sballottoliamo di qua e di là, un giorno viene lo zio a casa, un pomeriggio sta con la nonna e poi quando mi vede mi abbraccia e non vuole più lasciarmi, una sera lo faccio mettere a letto da mia madre, che poi alle undici torna papà, ma lui non si addormenta, rimane aggrappato a mia madre, perchè la casa non è la stessa, il letto non è lo stesso, mamma e papà non ci sono.. e se va via pure nonna si sente abbandonato, ma poi alle undici arriva papà e lui chiude subito gli occhi, un giorno lo zio lo porta in quella che da settembre sarà casa sua e poi alle sei torna dalla nonna che ha finito di lavorare, un pomeriggio lo lasciamo dagli altri nonni e lui non si addormenta, se gioca sta buono, ma poi non ce la fa a mangiare e alle otto di sera è come i sim, con tutti i livelli in rosso, assonnato, affamato, triste e insoddisfatto. insomma, fino all'altro giorno si usciva tutti i giorni, ma aveva la certezza che poi si tornava a casa, oggi è cambiato tutto. quando sarà un pò più grande magari sarà anche contento di stare un pomeriggio dai nonni, ma oggi ne soffre, si vede, e io soffro con lui. mi dispiace che la mia vita incida in maniera negativa sulla sua, ma non posso permettermi di stare a casa senza lavoro, anche se lui questo non lo sa. non posso nemmeno garantirgli una certa continuità perchè per gli orari che abbiamo non saprei come portarlo al nido.. e quindi ci arrangiamo come possiamo, tra nonni e zii. mio marito mi ha detto che secondo lui sbaglio a prendermela così tanto, ma il mio pensiero è sempre lì. adesso per fortuna ho un turno e mezzo di ferie, e quindi da venerdì staremo insieme per 9 giorni. spero che lui capisce, un giorno, che quello che facciamo è per lui, ma il nostro amore non cambia, anzi, aumenta ogni istante di più. vabbè dai, perdonatemi, si vede che ho fatto il turno di notte e sono un pò stanca!

giovedì 3 maggio 2012

vedi un pò se ce l'hai tu

ieri sera torno a casa e mentre ero a letto a giocare con daniele e mio marito si stava facendo la doccia, mi squilla il cellulare, era mio padre, non trovava il telecomando del decoder e doveva vedere la partita. e che vuoi da me? perchè dovrei averlo io il tuo telecomando? no, perchè ci stava giocando daniele, lo stava mettendo nella busta dove c'era lo yogurt.. vabbè, mo scendo in cucina e ti faccio sapere. vado in cucina e il telecomando era proprio lì.. ahah, mi son messa a ridere da sola. nel pomeriggio eravamo andati dai miei che dovevo dare ancora qualche invito per il compleanno a dei vicini dei miei e così abbiamo lasciato daniele lì. al nostro rientro lui stava giocando a mettere nella busta il telecomando e poi lo toglieva.. ora si diverte a buttare tutto quello che gli capita dove può, l'altro giorno non trovavamo il ciuccio e lo aveva nascosto in un vasetto. devo stare attenta a dove metto le chiavi della macchina! nel tardo pomeriggio invece lo metto due minuti nel girello, giusto il tempo di passare l'aspirapolvere in sala e lui, stranamente, se ne sta buono buono a girare di qua e di là, poi si ferma a guardare la pianta, di spalle... ma che bravo il mio cucciolo!!! vado lì e vedo che ha buttato tutta la terra sul pavimento e sul girello e con quei mezzi denti sorrideva soddisfatto! sta diventando ogni giorno più peste.

lunedì 30 aprile 2012

Le virtù

no, non le mie... a che servirebbe una pagina intera, quando potrei lasciarla in bianco? in realtà le virtù sono un piatto che si fa nella mia città per la festa del primo di maggio. è proprio una tradizione il giorno della festa dei lavoratori mangiare le virtù, a casa, al ristorante, e chi non vuole uscire e non le sa cucinare le prende d'asporto, ma non è il primo maggio senza virtù. è una sorta di benvenuto alla primavera, o almeno questo è quello che so, non chiedetemi il perchè di questo nome, non saprei rispondervi.. una volta ho sentito dire che appunto era per ricordare la bravura delle massaie che durante l'inverno si trasformavano in piccole formiche e mettevano da parte i legumi e la pasta secca, ma non ci metterei la mano sul fuoco.
questo piatto leggerissimo è una specie di minestrone fatto con tutti legumi possibili e immaginabili, tutte le verdure che vi vengono in mente, pasta all'uovo, in genere di diversi colori, pasta secca, carne, mi pare di maiale, c'è chi tanto per ci butta dentro pure i tortellini ripieni di carne e via. il risultato devo dire che è una cosa davvero buona,anche se io preferisco cose più semplici e meno elaborate..e poi dopo un piatto di questi ti scordi di mangiare per 153 giorni. mia nonna mi racconta che da giovane lei iniziava addirittura una settimana prima a prepararle, perchè ovviamente ogni verdura ha il suo giusto tempo di cottura e quindi le cuoceva separatamente, così come per ceci, fagioli ecc.. e quindi ci impiegava giorni per arrivare a questa meraviglia. io non ho mai provato a farle, tanto c'è sempre mia zia che fa il calderone per tutta la famiglia, e poi non ci penso minimamente a passare tre giorni di fila ai fornelli, visto che poi mi fanno pure ingrassare!

sabato 28 aprile 2012

e oggi ce la faccio a scrivere un pò. saremo a pranzo dai miei suoceri, quindi non ho cose particolari a cui pensare in mattinata.. a parte sto ciclo, arrivato dopo due mesi e mezzo che mi sta tenendo tutti i livelli fisici ai minimi termini.. però almeno s'è abbassata la pressione, si perchè nei giorni passati la minima era arrivata a 93 e a nemmeno 29 anni non va per niente bene.. ieri era a 78.. e intanto finalmente anche la bilancia si è mossa un pò, stiamo a -7, forse era colpa della ritenzione idrica. nel pomeriggio ci tocca il giretto a consegnare un pò di inviti per il compleanno di daniele che si sta avvicinando. e cosa molto strana, ho già preso il vestito per me, io, eterna indecisa, che mi piace tutto sul manichino, ma non addosso a me, sono entrata in negozio, ho chiesto alla commessa, amore a prima vista, anche addosso con un pò di rassegnazione a vedermi cicciona me lo sono vista bene. e poi ho cambiato taglio e colore di capelli. eh si, sta decisamente cambiando la mia vita, e non potevo non dare una svolta al look, si sa, le donne... e oggi mi guardo allo specchio e mi vien voglia anche di truccarmi. sarà quest'aria d'estate, saranno le maniche corte a far sentire più leggera l'esistenza, non lo so che sarà, ma oggi è così. e alla fine ho scritto ho scritto e non ho scritto niente, da scrivere c'è poco in questi giorni... me la sto vivendo...

martedì 24 aprile 2012

giuro che stasera quando torna...

stamattina ho lavorato, al mio ritorno a casa stessa situazione dell'altro giorno, mio fratello, il bimbo assonnato, il mio stomaco che mi ricordava che era ora di mangiare, con l'aggravante della macchina che mi ha lasciato a piedi.. per fortuna a 50 metri da casa mia.. quindi immaginate il mio umore, quando l'unica cosa che avrei voluto era stare sul divano con gli occhi chiusi e una bella sigaretta.. ah, bei tempi.. ora al massimo c'è il terrazzo e due tiri di fretta.. comunque, mentre mangiavo tra i capricci, daniele si è addormentato seduto nel passeggino. ha dormito fino alle 5, si è svegliato per far merenda e ora si sta riaddormentando. quando ho realizzato il motivo per cui è stanco non ci ho visto più, ho preso il telefono e ho chiamato mio marito: -HA DORMITO STAMATTINA DANIELE? -si, un'oretta -DOVE? IN MACCHINA CON TUA MADRE MENTRE TU FACEVI LA FILA ALL'UFFICIO POSTALE? -si. come ci credo che ha dormito un'ora! è letteralmente stremato. ora capisco che ti piace portarlo in giro, capisco che non ti sei reso conto, ma cazzo, sto bimbo ha appena 11 mesi, non è che puoi trattarlo come se avesse 8 anni, e soprattutto mi sale il sangue in testa a pensare al pupazzetto che viene svegliato per il puro egoismo la sola voglia di giocarci. giuro che stasera quando torna me lo mangio! solo che... ho fatto la torta col pan di spagna di ieri... ma se la vede non sono molto credibile con la mia incazzatura... e allora che faccio? prima lo faccio mangiare e poi gliela mando di traverso? vabbè, intanto ve la faccio vedere a voi, non è bellissima perchè avevo poche fragole e non ho potuto decorare come si deve, però mi mette una fame solo a guardarla...

lunedì 23 aprile 2012

ricetta pan di spagna

oggi sono in cucina a fare le varie prove della torta del primo compleanno del ranocchio e volevo consigliare a chi legge una ricetta semplicissima per il pan di spagna.
me l'ha data una mia collega, ma è talmente semplice, senza lievito, latte.. solo zucchero uova e farina, che credevo mi stesse dicendo una cavolata.
e invece è venuto buonissimo.
allora la dose prevede 6 uova, 300 gr di zucchero e 300 gr di farina... tutto qui.
si montano gli albumi a neve, poi si mette lo zucchero e si monta il tutto fino ad ottenere una spuma cremosa.
si buttano dentro i tuorli continuando a sbattere e alla fine si fa assorbire tutta la farina.
mezz'ora in forno a 180 gradi ed è fatta.
provatela e fatemi sapere, io ne sono entusiasta!

giovedì 19 aprile 2012

...e poi la solita vita...

torno da lavoro alle due e mezza, è venuto mio fratello a tenere il bimbo un'ora e mezza perchè mio marito è dovuto andare a lavoro all'una.
davanti a me bambino urlante coi lacrimoni, finito dal sonno che appena mi vede allunga le braccia..
mio fratello che mi dice: -ho provato a farlo dormire ma non ha voluto-
e te credo.. come fa a dormire se lo piazzi nel passeggino sotto al lampadario bianco e rosso che c'ha 8 lucine accese? ma questo ho evitato di dirglielo, non solo è venuto...
una fame da lupi, niente pronto e la voglia di cucinare ai minimi termini.
metto la pentola dell'acqua sul fuoco, apro il frigo e vedo la busta, quella busta, con dentro un contenitore di vetro con le tagliatelle al ragù, ma non sono per me.
chiamo marito e gli dico:- ma non hai mangiato?-
-no, avevo messo la pentola che volevo cucinarmi un pò di riso in bianco, ma poi non ho fatto in tempo, doveva mangiare daniele.
-e le tagliatelle in frigo?
-cazzo.. me l'ero scordate!!
ecco, questa è la mia vita!
e qua ci sta proprio.. chi c'ha il pane non c'ha i denti e chi c'ha i denti non c'ha il pane!

mercoledì 18 aprile 2012

non è giusto!

oggi mi sento di dedicare il mio post ad una collega di mio marito che non ho mai visto, di cui non conosco nemmeno il nome, ma che mi è entrata proprio dentro.
vi racconto un pò la sua storia...
più o meno ha una quarantina d'anni, sposata da non so quanto, ma comunque da tanto, e i figli?
beh, non sono arrivati.
dopo esami, visite e cure si è pensato all'adozione.
dopo ben 3 anni a novembre la chiamano e la portano in questa struttura, le fanno conoscere questo bimbo di 4 anni e le danno il permesso di portarlo a casa loro per un fine settimana.
dopo un mesetto sono una famiglia perfetta, trascorrono il loro natale meraviglioso, il bimbo apre decine di pacchetti, e per lei e suo marito il regalo più grande è sentirsi finalmente chiamara mamma e papà.
lei rimane a casa a godersi la maternità, finalmente felice.
l'altro giorno c'è un pranzo tra colleghi e lei fa vedere a mio marito le foto di suo figlio sul telefono, gli racconta che hanno comprato la cameretta e riempito la sala di foto.
poi arriva il giorno x e lei viene chiamata in tribunale per delle formalità.
belli tranquilli partono, approfittandone per fare una vacanzina.
arrivano e senza che abbia il tempo di capire le tolgono il bambino, che intanto grida strisciando "voglio la mamma" mentre viene portato via.
la nonna ha chiesto l'affidamento e loro non potranno più vederlo, nè cercarlo...
e quello che sembrava il lieto fine di questa storia si è trasformato in una cosa che più atroce non si può.
questi genitori che non potranno mai dimenticare il loro figlio e questo bimbo che rimarrà traumatizzato di essersi illuso che la sua vita fosse veramente cambiata.
io mi sento solo di dre che schifo!!!

terzo premio




grazie a babi per queso terzo premio
ci sono delle domandine a cui devo rispondere, iniziamo dai...


1. Qual è la tua rivista di moda preferita?
direi nessuna
2. Chi è il tuo cantante/band preferito?
cantante baglioni, band modà e negramaro
3.Qual è la tua youtube guru preferita?
e che è?
4.Qual è il tuo prodotto make up preferito?
forse il mascara
5. Dove ti piacerebbe vivere?
mi va bene dove vivo
6.Qual è il tuo film preferito?
in assoluto dirty dancing
7. Quante paia di scarpe possiedi?
oddio, non lo so.. ma non tantissime.. facciamo 10
8.Qual è il tuo colore preferito?
rosso fuoco

ora dovrei passare il premio ad altre persone, ma avendolo già in tanti, chi vorrà potrà rispondere all'intervista...
buona giornata a tutti e tanti auguri al mio piccolino per i suoi 11 mesi

martedì 17 aprile 2012

seduta in un angolino a guardare la vita che scorre

in questi tre giorni non ci sto capendo molto, è che mi devo abituare ai nuovi ritmi, non tanto per sabato che c'era marito col ranocchio e quindi come ho già detto ha fatto tutto lui, persino l'aspirapolvere ha passato... si, prendetevela con lui se cade acqua dal cielo, non tanto per domenica che sono andata a pranzo dai miei e poi alla sera sono andata a riprendere il mio principe già in pigiamino col leone, quanto per ieri che mi toccava il turno di notte...
avendo mio marito il turno di mattina e dovendo uscire di casa alle 5:30 si è deciso di portare il bimbo dalla nonna paterna e sarebbe rimasto pure mio marito lì.
solo che ieri sera bella tranquilla faccio fare il riposino evitascazzamentomioesuodurantelacena a daniele, preparo la cena per noi due e bella rilassata aspetto che il bimbo si svegli...
ad un certo punto mi rendo conto che che sono le 8meno10.. oh cazzo!!
devo far mangiare il bimbo, devo mangiare io, devo preparare il borsone con cambio e colazione per il bimbo, devo darmi una lavata, devo andare in centro con la macchina - per fortuna che posso metterla sulle strisce blu che di notte non si paga- e per le 9meno10 devo essere a lavoro.
mi sento proprio in balia degli eventi, una sorta di robot programmato .
però inizio ad apprezzare la mezz'ora sul divano con una rivista da sfogliare in santa pace -cosa che ovviamente posso fare solo a lavoro-.
non ricordo qual è stata l'ultima volta che sono riuscita a leggere un articolo senza interruzioni.
comincio ad apprezzare il fermarsi a prendere il pane senza prole in collo, il non sentirsi in colpa se appena torna marito gli scarico il bambino e mi faccio una doccia che duri più di due minuti, senza chiudere l'acqua ogni 12 secondi perchè fa che si sveglia e non lo sento...
insomma, tutto sommato pensavo peggio..
devo solo tornare ad essere parte attiva della mia vita!!!
e te pare poco!!!

sabato 14 aprile 2012

il primo giorno è andato

eh.. lo so che non vedevate l'ora di avere mie notizie...
il mio primo giorno di lavoro è andato, un pò come se fosse davvero il primo giorno, con due pazienti nuove, con farmaci nuovi di cui non trovavo la confezione... ma ero sicura, un sentirsi a casa e quindi alla fine è andata bene.
stanotte mi son svegliata alle 3 meno qualcosa e non riuscivo a dormire, la pioggia fuori e io che guardavo nel buio il profilo di mio figlio..l'ho stretto forte a me e sentivo di amarlo che di più non si può.
poi alle 5:44 mi sono alzata, prima che suonasse la sveglia.. la odio.
un caffè al volo e con lo stereo a palla in macchina, la strada deserta, la pioggia incessante e una sigaretta per far passare un pò il nervosismo è iniziata la giornata.
il pensiero era fisso a lui, ma è andata e al ritorno in macchina avevo una voglia matta di vederlo... solo che...

venerdì 13 aprile 2012

ormai ci siamo


mancano meno di 24 ore al mio rientro a lavoro.
ieri mi ha chiamata una collega per sapere se era vero che rientravo.. purtroppo si..
e oggi pomeriggio dovrò stirare la divisa, sistemare il cambio completo in una borsa di quelle plastificate che poi lascerò lì, preparare il pranzo per domani perchè la dietologa mi ha detto che è troppo tardi mangiare quando torno a casa e cioè alle due e mezza..
e poi domattina la sveglia suonerà alle 6, ma io sarò sveglia già da un pò, e poi doccia, caffè, prendi la busta della divisa, prendi il pranzo, prendi coraggio e vai... speriamo almeno che non abbiano buttato le mie dottor scholl's, buttare altre 50 euro per un paio di ciabatte mi romperebbe un pò.
beh, un pò d'ansia mi sta a venì a dir la verità, sono esattamente 19 mesi che manco dal lavoro, prima ci andavo ad occhi chiusi, non c'era alcun lato che ignoravo.. ma ora appunto può essere che sia cambiato qualcosa.
prima conoscevo la terapia a memoria, senza guardare in cartella.. domani va a finire che ci vorrà mezz'ora solo per trovare le scatole giuste, come succedeva all'inizio..
ma si fa, si fa..
e come dice pietro quando poi torno a casa ho ancora più voglia di stare con mio figlio... se lo dice lui...
io intanto è da qualche giorno che faccio il conto alla rovescia e sbaciucchiandomi mio figlio gli dico:- amore, tra 6-5-4-3-2-1 giorni mamma non ti potrà baciare tutte le volte che vuole, non starà più con te tutto il giorno- e intanto lo rincoglionisco di baci, così, tanto per fare la scorta. no, non sono normale, lo so.. ma da una parte non vedo l'ora, dall'altra rimarrei a casa a fare la mamma chioccia...


e intanto oggi ho il controllo dalla dietologa... vediamo che succede, o meglio che è successo già...

buona giornata a tutti

mercoledì 11 aprile 2012

per farmi conoscere un pò di più

grazie a vanessa che oggi mi ha assegnato questo compitino, dopo giorni di pessimismo ci vuole proprio..
devo dire 10 cose che mi piacciono, iniziamo con l'elenco...
1- mi piace guardare mio figlio che gioca, gesticola e parlotta, concentrato nei suoi discorsi e pensieri
2- mi piace salire sulla bilancia e vedere che peso qualcosa in meno
3- mi piacciono tutti i lavori manuali da maschiaccio come tagliare il ferro, imbiancare muri e appendere quadri
4- mi piace quando mio marito mi fa i complimenti davanti alle altre persone
5- mi piace mangiare l'insalata con le mani, magari non è bello da vedere, ma al ristorante non lo faccio
6- mi piacciono le piante grasse, ne ho tantissime
7- mi piace divorare un libro in poche ore, senza smettere mai, fino alla fine... anche se questo ultimamente non lo posso più fare
8- mi piacciono i miei capelli appena lavati e piastrati, così lucidi e leggeri, finalmente del loro colore naturale
9- mi piace trovare il lato positivo di ogni cosa, anche quando sembra che va tutto male
10- mi piace il mare, stare in spiaggia sotto il sole, con i pugni chiusi a far scivolare la sabbia

ora tocca a me girare questo compitino a
babi
manidiburro
pasti
ilmondorotola
sfolli

martedì 10 aprile 2012

MA CHE DAVVERO???

(nessun riferimento al blog di wonderland per chi volesse fermarsi qui)

io credevo che al peggio non ci fosse mai fine.. e invece...
di 6 zii che ha mio figlio NESSUNO è venuto a fargli gli auguri per la sua prima pasqua, nessuno!
inutile dire che sto incazzata nera, che ultimamente il tono dei miei post è abbastanza polemico, ma davvero non ho parole.
di 6 zii uno solo gli ha comprato un pacco di plasmon e glielo ha dato il giorno di pasqua a pranzo dai miei, una gli ha preso una magliettina che poverina non ha avuto il tempo di venire a portargli perchè piena di lavoro.. peccato che poi sabato non abbia lavorato per niente!
dagli altri niente!
e uno perchè è un ragazzo di quasi 32 anni che poverino non ci pensa a queste cose e non si rende conto, eppure non mi è mai sembrato tanto ritardato, e un'altra perchè voleva venire ma poi non ha fatto in tempo, manco abitassimo in australia, e ieri quando lo ha visto nemmeno scusa mi ha chiesto, anzi, era a disagio come se avessi fatto io qualcosa di sbagliato; e un'altra perchè ha un problema ad un ginocchio e non riesce a camminare, manco se venisse a piedi a casa mia e manco se se ne stesse tappata in casa dalla mattina alla mattina dopo.
e una nonna che ha dovuto aspettare quasi 11 mesi di mio figlio per comprargli un pacco di pannolini.. oh, grazie tante, sai, se gli prendeva la diarrea e il giorno di pasqua i negozi son chiusi almeno ci hai pensato tu a fare la scorta! perchè finora cacciare 5 euro per tuo nipote era troppo!
insomma... mi sono rotta di sentire sempre queste scuse, non viene mai nessuno a trovare mio figlio e poi mi rifilano delle scuse del cazzo.. e così ho sclerato con tutti, non proprio tutti, alcuni non li ho nemmeno sentiti, ma non mancherò!
e cosa si possono aspettare queste persone da me?
ma che davvero questi sono gli zii che mio figlio si merita?
ma andatevene tutti a fanculo va.
e non mi venite a fare la parte degli amorevoli poi quando lo incontrate per caso con baci abbracci e amore dello/a zio/a!
la verità è che non ve ne frega niente, non più di quanto potrebbe fregarvene di un bambino qualunque che incontrate per strada!
e la chiudo qui perchè ho le budella che tra un pò si annodano tanto sto incazzata!
e ieri siamo stati in montagna con degli amici e a quota milleepassametri abbiamo incontrato la neve, sembrava più natale che quasi metà aprile.. e io che avevo pensato di fare un giretto bal mare mi son trovata davanti questo spettacolo qui

venerdì 6 aprile 2012

buona pasqua a tutti

eccoci qua, a 3 anni esatti dal terremoto dell'aquila...
con daniele con la sua prima febbre, dopo il vaccino, che dorme beato, finalmente sotto l'effetto della tachipirina.
con il suo quarto dentino che ha tagliato (dopo 3 giorni dal terzo e con il quinto che sta a momenti), povero amore mio.
con il suo primo piccolissimo neo visto ieri per la prima volta (gli sarà spuntato di notte perchè io lo guardo tutto ogni volta che lo cambio), un meraviglioso puntino sotto il ginocchio cicciottoso.
con me che finalmente sto a quota -6kg.
con g. che mi ha chiamato per dirmi che devo rientrare il 14 e non il 12.. che figata rientrare e beccarsi subito sabato mattina e domenica pomeriggio, eh?
e niente...

martedì 3 aprile 2012

quando non si ha nulla da dire... meglio tacere

in questo caso è un pò di giorni che manco dal blog, da yahoo, da tutto...
c'è poco da dire, da scrivere, da raccontare..
stiamo facendo un pò di lavori a casa e io sono forse più portata per la manovalanza che per l'entrare in empatia con le altre donne..
e niente.. tra 9 giorni si torna a lavoro e mi sto preparando anche su quello...
e piuttosto che raccontare del terzo dentino spuntato a daniele o della figura di merda fatta col vicino, me ne sto un pò fuori a respirare quest'aria di primavera col piccoletto e il suo papà... ma tornerò presto...

giovedì 29 marzo 2012

devi imparare ad essere un pò più falsa

questo è quello che mi ha detto stamattina mio marito.
e c'ha ragione!
ma io non ci riesco, piuttosto sto zitta, ma non ce la faccio a fare un sorriso di circostanza quando una persona mi sta sulle palle.
stamattina avevo il corso di sicurezza sul lavoro e relativa visita medica in vista del mio rientro a lavoro... mancano solo 14 giorni... :(
il medico mi ha fatto pure l'alcol test e sta cosa mi ha fatto un pò sclerare, cioè, ovviamente è risultato 0,00, ma credo che si debba essere avvertiti prima, cioè, se io al mattino ho l'abitudine di bere caffè e stravecchio, perchè poi devo risultare positiva?
vabbè che sto problema non c'è perchè tanto dalla gravidanza non prendo più nemmeno il caffè al mattino, però è una questione di principio!
arrivo e ci sono tutti i miei colleghi, ora la nostra situazione è un pò particolare perchè dipendiamo tutti dalla stessa cooperativa, ma lavoriamo suk territorio, quindi ci si vede solo in queste occasioni, però tra questi c'era pure una collega con cui lavoravo insieme.
una persona che di più finte non ce n'è.
prima della gravidanza mi chiamava tutti i giorni per spettegolare di questo e di quello, a lavoro era la leccaculo dell'assistente sociale ed è la classica persona che manda avanti gli altri per buttare la bomba e lei ne esce sempre pulita.
finchè ero a lavoro mi interessava poco, era pure simpatica per scambiare quattro chiacchiere.
ma da quando sono andata in maternità anticipata non si è mai fatta sentire, mai un sms, mai una chiamata.
e ho saputo da altre collegheche va dicendo che ha chiamato diverse volte ma io non ho mai risposto, se vabbè...
il giorno che è nato mio figlio era in ospedale per cavoli suoi e mio marito l'ha invitata pure a brindare con noi e pareva fossimo ottime amiche, tanto pareva felice.. ma poi nemmeno è venuta a vederlo mio figlio a casa..
eh niente, questa maternità mi è servita tanto per fare un pò di pulizia in termini di conoscenti-amici.
una è lei.
stava lì stamattina e appena sono arrivata, dopo quasi due anni che non vedevo nessuno io ero anche un pò a disagio, ho salutato tutti e con la cosa dell'occhio ho visto espandersi su quella faccia da merda il suo tipico sorriso falso, ma io non l'ho nemmeno guardata in faccia.
lei non si è nemmeno avvicinata per chiedermi qualcosa, ma tanto io sto già sul campo di battaglia e qualora lo avesse fatto si sarebbe presa solo un bel vaffanculo.
e pensare che proprio stanotte l'ho sognata che io rientravo a lavoro e lei mi chideva di farle vedere le foto del bambino e io la insultavo di brutto.
ora a leggermi sembra che io pretendessi che lei veniva a trovarmi, non è questo, però me lo aspettavo, ne ero convinta.
e invece col suo comportamento di stamattina sono ancora più contenta perchè così voglio vedere cosa farà quando saremo io e lei faccia a faccia.
poi c'era anche il coordinatore dei turni e gli ho ricordato "quella cosa", cioè il mio trasferimento.
perchè c'è la possibilità di lavorare in una comunità alloggio che sta nella mia stessa via, quindi mi risolverebbe molti problemi a livello pratico..
lui mi ha garantito che farà il possibile.. staremo a vedere.. e intanto incrociamo le dita!!
uscita dalla asl ho raccontato a mio marito l'accaduto, ero incredula del comportamento di daniela (scrivo pure il nome, tanto non ho problemi) e lui mi ha detto che se non voglio ritrovarmi sola sul lavoro devo essere un pò più tollerante e falsa, ma io proprio non ce la faccio a tornare a lavoro e fare la finta, baci e abbracci con tutti, piuttosto me ne sto da sola, tanto durante il turno ci sto comunque da sola, vedo le mie colleghe solo al cambio turno.
anzi, da una parte lo pure preferisco, così non mi trovo in mezzo ai casini, vado, prendo la consegna, lavoro, arriva il cambio, do la consegna e me ne torno alla mia vita!
vabbè.. ho scritto un papiro per niente, ma ho il sangue che tra un pò mi fa scoppiare le vene da quanto sono carica per esplodere...
e finalmente potrò dire a lei e alle altre che idea ho di questa donna!
addirittura veniva a raccontarmi cose intime (che poi solo lei sa come fare a farsi raccontare ste cose dagli altri, visto che io col cazzo che le racconto i miei problemi) di altre colleghe, cose gravi, che non aveva il diritto di dirmi, visto che qualcuno si era fidato di lei.
storie di droga, di alcool, di botte.. di tutto e di più... ma per lei erano solo ciance fra comari...
e allora chi legge potrà chiedermi: e tu cosa la stavi a sentire a fare?
semplicemente perchè inizialmente credevo si fidasse di me, poi perchè comunque veniva mezz'ora prima del suo orario di lavoro e io non potevo abbandonare la comunità prima di dieci minuti dopo la fine del turno.
sono schifata, davvero!

mercoledì 28 marzo 2012

e ieri finalmente ce l'abbiamo fatta

è da due mesi che non riusciamo a metterci d'accordo.. finalmente ieri ho fatto sto tatuaggio!
me l'ha fatto un collega di mio marito in uno studio dove ho fatto anche il primo.
ieri mattina mi chiama mia madre-oh, ma oggi faccio il tatuaggio.
dal telefono arriva la voce di mio padre che sta lì vicino -tu non sai a che devi pensare!! ormai sei una donna adulta, c'hai una famiglia, ancora a ste scemenze vai pensando? *_*
arriviamo, io, marito e ranocchio e aspettiamo che C. ripassi il disegno sulla carta copiativa, e poi che sistemi il tutto e per le 5 cominciamo.
affianco a me c'era un poveretto che si stava tatuando una cosa inguardabile, enorme, sul braccio sinistro, lo guardavo e mi faceva sorridere, con quella panzetta pronunciata, gli occhi chiusi per non guardare e i denti serrati..
e poi sentivo daniele con i suoi tetete, mamama, cucù.. insomma.. l'atmosfera era alquanto surreale.
il problema ora era dove farlo.. io lo volevo sul polso, mio marito-più su è, meglio è.
e C. -e se facciamo un'ancora da pescatore? così te la posso fare dove vuole lui.
mmmhhh, no!
dopo un'ora e un pò di lavoro, con questo che mi parlava a voce bassissima e io non lo capivo e gli ripetevo sempre -eh?, ce l'abbiamo fatta.è venuto veramente carino, solo che a differenza degli altri questo brucia un pò di più oggi, ma si sopporta.
vabbè, lo volete vedere??
eccolo qua

bello, no?

lunedì 26 marzo 2012

io certi comportamenti proprio non me li so spiegare

sabato pomeriggio eravamo sul terrazzo che da sulla strada, io, mio marito e il ranocchio nel passeggino, ad un certo punto passa una 147 nera, macchina mai vista che strombazza come se ci fossero degli sposi e da dentro si vedono due mani che salutano ritmicamente.
due donne che io non ho il tempo di mettere a fuoco e quindi non so chi siano e mio marito che invece d'istinto risponde al saluto..
-avranno sbagliato.
-oppure stavano solo facendo le cretine.

tempo un quarto d'ora e questa macchina passa di nuovo, in senso contrario, mio marito le vede per primo ma quando sento "ciao tania" alzo lo sguardo pure io..
e sapete chi era?
la mia non amica... a vederla così pareva stesse morendo dalla voglia di salutarmi...
ma cazzo, non ti sei fatta viva da che hai saputo che ero incinta, non hai mai visto il mio pancione, non hai mai visto mio figlio...e hai pure il coraggio di strombazzare per farti notare, come fossi la migliore delle amiche?
ma io fossi in te passerei dalla strada opposta!
sono rimasta senza parole.. certa gente proprio non sta bene!
e poi vedi che sto col bambino lì fuori, quantomeno fermati per salvarti un minimo di quella faccia da culo che ti ritrovi!
vi giuro... senza parole!
e intanto il week end è terminato, anche se per noi è stato abbastanza stancante.. ci siamo improvvisati muratori e manovali e abbiamo sistemato tuto il muro esterno, visto che questa estate dobbiamo ripitturare tutto, perchè la vecchia proprietaria della casa non è che ci tenesse poi molto alla manutenzione...e così ieri sera avevo la schiena a pezzi...
e come se non bastasse mio figlio si è gia adeguato all'ora legale e stamattina alle 6:25 era già bello e attivo... solo che io ancora non mi adeguo...e svegliarmi alle 5 e mezza non è che mi sia piaciuto poi così tanto...

venerdì 23 marzo 2012

io adoro il mio lavoro

lo sto capendo ora, l'avevo ignorato per un pò.
l'idea di tornare a lavoro il 12 aprile non mi alletta per niente, dopo quasi 2 anni di assenza.
tornare a fare quei turni assurdi, tornare in quella massa di corrotti, dove non funziona quasi niente e mi devo sbattere per rendere la vita delle mie pazienti migliore, avendo a disposizione nient'altro che me, tornare a rinunciare alle domeniche pomeriggio d'estate e a quasi tutte le festività.
ma l'altro giorno io e mia madre eravamo in centro e abbiamo deciso di andare a trovare mio padre, che attualmente presta servizio in una casa di riposo.
mi è bastato rivedere i sorrisi entusiasti di quelle donne alla vista di una figura differente dai soliti camici bianchi per innamorarmi di nuovo di quello che faccio.
mi è sembrato di rivivere il mio tirocinio in un'altra casa di riposo, agli inizi della mia attività.
quei vecchietti che avevano mille cose da raccontare a chi, finalmente, li stava ad ascoltare.
quel volere a tutti i costi regalarmi un pacchetto di caramelle che tenevano custodivo chissà da quanto e chissà per chi.
poi sono arrivate le mie pazienti, quelle che comunemente si chiamano matte.
ce n'era una che io vedevo passeggiare per il corso, di cui avevo proprio paura, chiedeva soldi e sigarette e se non glieli davi erano insulti e bestemmie.
il primo giorno di lavoro, salendo le scale e trattenendo il vomito per la puzza di manicomio che c'era, fu lei la prima che vidi, mi sorrise con un sorriso sdentato e mi si gelò il sangue.. e io -all'epoca avevo 22 anni- dovevo stare sola con questa?
non ce l'avrei mai fatta!
e poi c'era la mia collega, prossima alla pensione che mi ripeteva:-ma chi te lo fa fare? sei così giovane e tu vuoi rinchiudere qua?-
poi c'era quella lasciata dal marito che era epilettica, depressa e se usciva non ritrovava la strada di casa.
e poi ancora l'orfana con un ritardo mentale che la faceva essere una bambina, a quasi 40 anni.
e poi ancora quella che la sorella l'aveva fatta rinchiudere e godeva della 104, pur essendo residente lì, che aveva il talloncino per gli invalidi, ma non la veniva a prendere mai nessuno....
e poi, e poi, e poi...
piano piano sono arrivata a farmi regalare un fiore da quella che bestemmiava, il mio turno di pomeriggio era una seduta dal parrucchiere per tutte e dall'estetista per chi ne aveva bisogno, ovviamente a modo mio facevo quello che sapevo fare, ma almeno i capelli erano puliti e le unghie dei piedi corte, sono arrivata a far uscire da sola quella che si perdeva per andare a comprare gli yogurt.
purtroppo sono stata anche quella che si è accorta che giuliana aveva perso 10 kg in un mese per un tumore alle ossa, che titina l'avevano rimandata dalla psichiatria col bacino rotto, che a rita i valori degli esami tumorali si centuplicavano ogni 3 mesi, sono stata io a battermi perchè maria andasse in r.s.a., con una gamba amputata non poteva vivere in una casa al terzo piano, piena di scale e senza un balcone, non era dignitoso per lei.. ne ho viste un pò andare via e non tornare più
loro sono diventate una parte della mia vita e in fondo non vedo l'ora di tornare da loro, a godere delle grandi soddisfazioni che mi davano, a cominciare da ivana che il giorno dopo aver partorito l'ho vista arrivare con un mazzo di fiori per me, da gabriellina che quando seppe che stavo per sposarmi andò in edicola a comprare una rivista di abiti da sposa.
e dovrò ricominciare a contare fino a 100 quando capiterà come l'ultima volta che sono andata a trovarle, a 5 giorni dal parto e marilena mi disse:- ma ancora con sta pancia? ancora non lo ammazzi quel bambino?-
e io col sorriso le dissi:-fammelo almeno vedere, poi decidiamo!- e lei mi abbracciò e mi fece gli auguri...
è lì che voglio stare, in mezzo alle mie matte, così anch'io potrò sentirmi un pò più normale..

martedì 20 marzo 2012

io non ce la faccio

domenica avevo deciso che in settimana avrei spostato daniele in cameretta, così ho pulito bene tutto, ho messo a lavare il paracolpi e il copripiumino del lettino e ho detto a mio marito che avrebbe dovuto avere pazienza per qualche giorno..
poi ieri in realtà non se n'è fatto niente perchè il piccoletto soffriva per i denti, ha le gengive rosse e si vedono i denti che spingono, tutto il giorno ha mangiato poco o niente, lui che pulisce sempre tutto.. e quindi non mi andava di farlo piangere... nel lettone con noi e una dose extra di coccole..
quando inizia il nostro rituale della nanna, cioè daniele che gioca sul lettone, alzandosi in piedi mentre mi frantuma le clavicole ecco che mio marito mi dice:
-e tu vuoi rinunciare a tutto questo? io non ce la faccio! io ho bisogno di questi momenti, quando vorrà sarà lui a dormire nel suo lettino.
in effetti ha ragione, ma sono io che mi alzo col mal di schiena perchè daniele mi fa dormire tutta storta, sono io che alle otto e mezza devo stare a letto perchè lui ha sonno, se non ci sono io lui non si addormenta..
però dispiace tanto anche a me...


e intanto la primavera è arrivata...

lunedì 19 marzo 2012

la festa del papà

oggi è la prima festa del papà che si festeggia in casa mia, e in giro si parla di letterine, foto, cd musicali, lavoretti fatti a mano dai propri bimbi..
e io che sono priva di fantasia e romanticismo ho preso una magliettina per mio marito, mi son dimenticata pure di farla confezionare, quindi ho dovuto attrezzarmi da sola col solo ausilio del nastro adesivo.. ma è venuto carino..
ora mi tocca scrivere pure il bigliettino... un periodo ero bravissima con le lettere d'amore.. vediamo cosa ne esce..
ho tempo fino alle due meno venti quando marito torna dal lavoro... e in quest'oretta intanto devo cucinare e tenere a bada il ranocchio a cui stanno venendo fuori altri due dentini ed è lagnoso all'ennesima potenza.

venerdì 16 marzo 2012

di lavastoviglie, morena e incoscienza..

ieri tornando a casa noto che sul pannello della lavastoviglie c'è un pò di vapore, senza penarci troppo la apro, spengo e inizio a sistemare i piatti, quando noto che la lavastoviglie non ha scaricato, forse si è intasato il filtro -penso-, lo tiro fuori e non c'è niente, riaccendo e vedo che il lavaggio non era finito, allora provo a farlo ripartire, ma iniziano dei suoni e rumori strani, poi le spie a volte non si accendono per niente, a volte tutte...
si è rotta la lavastoviglie...oggi mi tocca chiamare il centro assistenza.
e ieri mi è toccato pure lavare i piatti a mano, che non ricordo più quanto tempo era che non lo facevo.. lavavo giusto quel paio di bicchieri, o una pentola più grande o più incrostata, ma per il resto, niente...
e comunque, sotto l'influenza dell'aria primaverile, non mi sono lasciata prendere dallo sconforto e sono uscita a fare la mia solita passeggiata nel quartiere, quando ad un certo punto incontro morena, una ragazza che ha la madre che abita dalle mie parti.
lei è una ex collega di mia cognata e qualche volta ci siamo ritrovate a fare colazione o un aperitivo insieme.
la vedo arrivare e mentre i miei occhi fissavano il suo cappello, intanto che si avvicinava pensavo a cosa le avrei detto, avrei fatto finta di nulla? era da ipocriti. ha un anno più di me, mi pare, e da poco ha scoperto un tumore al seno, l'hanno operata ed è sotto chemio..
lei era una di quelle ragazze fresche, solari, che ti fanno fare una marea di risate, un pò stronza con chi lo merita, insomma, una tipa giusta.
lei viveva da sola e nella testa aveva ancora il sabato in discoteca, la vacanza con le amiche, insomma, io ero più vecchia di molto rispetto a lei, mentalmente.
lei non avrebbe mai pensato ad un figlio, ora, ma ora le hanno detto che forse non potrà averli, perchè ora non ricordo bene il motivo, ma l'hanno mandata in menopausa precoce.. e quindi ora ci pensa, ma non è più presto.. forse è tardi.
le ho detto di passare qualche volta a prendersi un caffè e lei mi è sembrata contenta di questa cosa.
non stava messa male, nemmeno di morale, almeno a vederla così.
certo che la vita è proprio buffa, prima ti costringe a quelle batoste che mai ti aspetteresti, poi ti da una forza immensa per reagire e sei tu che dai la forza a chi ti sta intorno.
un pò come roberto, di cu ho già parlato, il marito della mia amica, che a 35 anni non ha più un rene e un pezzo di polmone, ma ancora in terapia, ha ricevuto un dono bellissimo, la piccola benedetta(non poteva avere altro nome), che oggi compie 3 mesi.
e stasera ce ne andiamo a cena sul porto di pescara, non ho ben capito dove, ha detto che ci pensa lui..
e noi oltre ad avere il coraggio di portare fuori il mio terremoto che adesso sta nella fase "devo testare la potenza delle mie corde vocali", il suo terremoto di quasi 3 anni che bene che vada ci farà cacciare dal locale e la piccolina di casa che di sicuro se ne starà buona buona, abbiamo pure l'incoscienza di rimanere a dormire da loro, così domani si va al megalò... se stanotte si chiuderà occhio...
e quindi adesso vado a preparare tutto quello che mi serve, perchè con un bambino una notte fuori casa equivale a una settimana da soli..

giovedì 15 marzo 2012

povera L., avrà il singhiozzo tutto il pomeriggio!

ieri eravamo a pranzo, io e mio marito e lui se ne esce con questa frase.
e io domando perchè..
-beh, adesso vai da tua madre, son 3 giorni che non la vedi, ne avrete da dire.
che poi un pò è vero, nel senso che con sta storia del matrimonio ci sono tante cose di cui parlare, poi si sa, a volte si dice soltanto, a volte si commenta un pò..
-ma perchè tu vuoi dirmi che tua madre e tua sorella non dicono niente su di me?
-no, sono sicuro.
-e com'è che cose che io ho detto solo a una o solo all'altra, poi nel tempo son venute fuori?
vabbè che tua madre è una santa ancora vergine dopo tre figli, ma com'è che quando ci siamo lasciati persino la cassiera del supermercato di fronte casa sua sapeva quanto avrei dovuto pagare il vestito per il mio matrimonio?
lì non ha risposto.
tiè!
e che cazzo!!! sua madre non è una santa, per carità, brava donna, con me si comporta bene, ma sono certa che qualche dolce parolina l'ha dedicata a me.


e comunque, dovendo parlare di questo con mia madre ieri pomeriggio, non abbiamo parlato di L.

martedì 13 marzo 2012

il telefono cellulare.. non se lo potevano risparmiare????

io odio il cellulare

non rispondo mai, mi da fastidio che qualcuno possa trovarmi sempre e comunque..
le mie amiche ormai lo sanno che io 9 volte su 10 non rispondo, non è cattiveria, ma quando vedo il display illuminarsi e sento vasco che inizia con la sua canzoncina, c'è sempre qualcosa di meglio da fare..
se vedo le chiamate mi dico: -poi richiamo e invece non lo faccio mai..
tanto che ormai la wind non mi manda nemmeno più il messaggino quando qualcuno mi ha cercata e io non ero disponibile..
quelli della wind diranno:-cazzo te lo mandiamo a fare se poi non richiami?
e c'hanno pure ragione..
e uno mi può chiedere cosa ce l'ho a fare allora se lo odio.. eh, ormai ce l'ho, non posso farne a meno, mi da sicurezza.
se tipo esco e mi accorgo che la batteria è scarica mi viene il panico, metti che ne ho bisogno e metti pure che qualcuno ha bisogno di me.
che poi io lo odio perchè squilla sempre quando non deve, alla cassa del supermercato quando stai mettendo la spesa nelle buste e la cassiera sta lì a guardarti perchè vuole i soldi, e tu in un attimo non ci capisci più niente, perchè devi vedere almeno chi ti sta chiamando però nella tua borsa non lo trovi il cellulare, e poi devi trovare pure il portafogli perchè la cassiera deve lavorare..
oppure squilla quando dopo mezz'ora di lagna finalmente daniele è crollato e io vado a prendere una sigaretta, così finalmente fumo dopo mezza giornata, vado in terrazza, accendo la sigaretta, due tiri e squilla il telefono che ho accidentalmente lasciato vicino al bimbo.
e ce ne sono tanti altri di momenti in cui dovrebbe tacere e invece no!
15 anni fa si usciva e quando tornavi tornavi, non ti poteva chiamare la mamma col "prendimi le sigarette" o il marito col "prendi il pane", no, uscivo, -torno alle 7- e basta.. ah che bei tempi!!
i messaggini invece sono piu discreti, uno te lo manda, poi quando vuoi, se vuoi, rispondi.
e pure quando senti vasco, che stavolta ne canta un'altra di canzone, sai che quel messaggino se ne sta lì buono buono, ad aspettare i tuoi comodi.
ad esempio a me sono due anni che mi chiama un anonimo e non risponde, non dice nulla, rompe solo le palle di giorno e di notte, potrei denunciarlo per stalking, ma ormai praticamente non rispondo proprio più quando vedo che è un anonimo..
poi c'è mia suocera che puntualmente mi chiama quando daniele sta mangiando e mi fa:-ma sto bambino mangia sempre?
-no, mangia 4 volte al giorno, sei tu che chiami sempre a quell'ora!
e poi rivoglio il mio bel 5110, ve lo ricordate?

questa meraviglia , no il mio che me lo metto in tasca e fa tutto da solo, si sblocca, avvia chiamate, invia sms, no, il 5110 dovevi premere il tasto centrale e poi l'asterisco, col cavolo che ti ritrovavi 10 euro di traffico in meno!
vabbè, concludo altrimenti sto 3 ore a scrivere della mia repulsione.. tanto dico dico ma alla fine mi tocca tenermelo.

lunedì 12 marzo 2012

e ora sono mamma o sono figlia??

ieri pomeriggio sono stata da mia madre e nell'andar via ho detto a mio marito: -vedi com'è? adesso che mio fratello va via mia madre rimane sola, mio padre lavora ancora, oppure va nell'orto, oppure a giocare a bocce.. e lei, finora ha avuto come obiettivo la famiglia.. ma adesso...
sono contenta di abitarle vicino così anche lei fa subito a venire da me..
mi dispiace vederla così, lei non dice niente, ma è come se di colpo di fronte ai miei occhi si fosse trasformata da mamma a nonna, è come se fosse invecchiata un pò, improvvisamente.
è una sensazione che non so spiegare.
prima era lei che portava avanti la baracca, e ora da generale qual era è come se la vedessi di colpo una donnina piccola e fragile.
non abbiamo un grandissimo rapporto, lei mi ama e io amo lei, ma caratterialmente non ci prendiamo troppo e da quando c'è daniele spesso ci passo sopra..
ora si sta innamorando quasi morbosamente di mio figlio, ma credo che questo suo attaccarsi a lui sia per compensare il fatto che suo figlio tra poco andrà via..
ci penso ed è come se ora fossi io la mamma e lei una creatura indifesa da proteggere..
quante paranoie che mi faccio...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...