sabato 29 settembre 2012

lunedì si comincia

settembre è finito ormai e lunedì iniziamo l'inserimento del ranocchio al nido. toccherà al papà il primo giorno perchè io lavoro e non mi danno la giornata, ma mi dispiace un po' non esserci, vedere come reagisce, un po' però sono contenta, perchè pensare che è già un ometto, che ha già quasi 17 mesi... fa parecchio strano... ieri siamo usciti con la cuginetta e un'altra amica, di cui vi avevo già parlato, ma non ricordo in quale post...bene, lei si è sposata una settimana esatta prima di me e ha iniziato da subito a cercare un bimbo, per ben tre volte è andata male, fino a che hanno scoperto il problema, un intervento banale e oggi nella sua pancia c'è camilla... cmq dicevo, siamo andati in piazza e c'erano le giostre e lui che correva di qua e di là, e la mia nipotina che lo guardava e rideva... che bello vederli così cresciuti, quando sembrava che non sarebbe mai arrivato questo momento, e invece me lo ritrovo già grande.. niente, sono tutti discorsi che mi faccio nella mia testa, che ho sempre fatto con me che mi vedevo già grande a 15 anni, che non ho mai ambito a diventare maggiorenne e che il tempo scorreva troppo velocemente già allora.. e oggi mi faccio le pippe con lui, e ogni giorno rivivo lo stesso giorno dello scorso anno, quando a quest'ora aveva iniziato ad assaggiare un cucchiaino di frutta ogni tanto, aveva iniziato a giocare con la sua palestrina, quando blablabla... e insomma lunedì farà l'ennesimo passo verso la sua indipendenza e io sarò felice di questo mattoncino della sua crescita... e soprattutto quando penso che finalmente potrò stendere i panni senza over raccogliere ogni volta tutte le mollette in giardino, potrò caricare la lavastoviglie senza che lui ci butti la sua collezione di ciucci, potrò togliere la polvere dai mobili senza che lui mi imiti con le dita e riempia di manate dietro dietro, potrò tenere la casa in condizioni dignitose almeno mezza giornata... sono ancora più felice!

giovedì 27 settembre 2012

è andata meglio di quanto pensassi... o forse no...

appuntamento alle 16. torno da lavoro e mi faccio una doccia al volo, alle 15:20 esco di casa e contando che l'ambulatorio è a 2 km da casa e mi son fermata a fare bancomat, alle 15:28 ero lì, fumo una sigaretta al volo, diciamo poco più di mezza ed entro.. la sala d'attesa è vuota, come speravo che fosse, mi siedo con le mani che tremano e il cuore a mille, un sms a mio marito: quanto vorrei tu fossi qui... poi inizio a guardare quel cartellone con lo sviluppo del feto, del neonato e del bambino, e ripenso a quando io e mio marito lo leggevamo insieme e ci dicevamo: a 3 mesi già inizia a portare avanti le braccia per afferrare gli oggetti! e poi vado in corridoio a guardare quella foto con tutti quei neonati e ripenso a quando dicevo a lui: tu a quale vorresti somigliasse nostro figlio? e lui mi rispondeva: questi due sono carini, ma nostro figlio sarà più bello. e poi arriva la pipì isterica, vado in bagno e ricordo quante volte ho fatto la pipì lì dentro, nell'attesa di vedere quel cuoricino battere veloce.. e poi finalmente il dottore mi chiama, mi saluta, mi chiede come va? com'è andata col bambino, se ho allattato, e oggi perchè sono lì.. oggi dottore sono qui con la paura che tu mi dice qualcosa che non voglio sentirmi dire! io non sono mai stata una troppo emotiva, ma quando si parla di figli ecco che cambio totalmente. ho vissuto la prima gravidanza come un vero miracolo, non credevo sarebbe arrivato al primo tentativo, non credevo sarebbe andato tutto bene, non credevo sarei riuscita a fare un parto naturale, non credevo avrei allattato... ma dio è stato bravo con me e io sono stata brava con mio figlio e questo ha fatto si che riuscissi a portare a termine tutti quelli che erano i miei desideri... passiamo subito all'ecografia, l'endometrio è bello spesso e quindi a giorni il ciclo arriverà, tutta colpa dell'ovaio micropolicistico... ora mi ha prescritto degli esami ormonali e lui che è un dottore a favore della famiglia numerosa mi ha chiesto: e il secondo? quando lo facciamo? -dottò ci stiamo pensando. -bene, allora fatti questi esami, poi torni e decidiamo. queste ovaie vanno messe a riposo, se vuoi un figlio ti do degli integratori che sistemano un pò e facilitano la gravidanza, altrimenti ti do la pillola per un paio d'anni... ma fallo un altro adesso che sei giovane e poi se non si risolve pensiamo alla pillola. sono uscita da lì molto più leggera, con la possibilità di un'altra gravidanza molto più vicina, quasi la tocco con le mani. felice di aver vissuto tutte quelle emozioni, felice di aver sentito la sua voce che mi ha rassicurata come sempre, felice di aver affrontato la paura da sola e di averla sconfitta.. certo, mi avesse detto: sei incinta, sarebbe stato meglio, ma va bene così, almeno per ora...

martedì 25 settembre 2012

e domani la resa dei conti

domani a quest'ora sarò nella sala d'attesa dell'ambulatorio del mio ginecologo. non so che augurarmi. da una parte spero non ci sia niente, solo stress che ha tirato un brutto scherzo, ma allora come me li spiego questi crampi all'utero e quelle perdite strane e queste tette che scoppiano? dall'altra spero ci sia un qualcosa che funga da risposta ai miei perchè, ma questo mi spaventa perchè vorrei non fosse niente di grave, niente che comporti cure ormonali e cavoli vari, perchè si allungherebbe ulteriormente l'attesa. c'è chi mi dice: e magari scopri che sei incinta... beh, questa sarebbe la cosa più bella, ma anche l'ipotesi più remota, perchè un test può sbagliare, ma due, fatti già a 20 giorni di ritardo no. la speranza c'è, è inutile negarlo, ma so già, con certezza, che non è così. l'ansia mi sta distruggendo

venerdì 21 settembre 2012

è già arrivato

no, no, non mettetevi strane idee in testa, il ciclo non è ancora arrivato, ormai siamo a 29... e ora che mi son fatta la ceretta una capatina dal ginecologo direi che è ora di farla! è arrivato il matrimonio di mio fratello, ieri sono andata dai miei e finalmente ho respirato quell'aria di festa che due anni fa era nell'aria già da tanto, ma forse perchè ero la diretta interessata, o forse perchè stavo fuori casa già da tre anni e mezzo e quindi i miei non subivano la paura del distacco, perchè c'era già stato e anche molto improvviso. ora ci stanno venendo tutte le idee dell'ultimo minuto, e facciamo il banchetto col prosecco e i calici all'uscita dalla chiesa, e mia madre e mio marito che hanno organizzato il volo dei piccioni (cosa che a me fa un pò senso da sempre, metti il caso che si emozionano troppo e ti ritrovi un bel souvenir sul vestito bianco... bleahhh), e prendi il tulle per fare i fiocchi da mettere lungo la scalinata, e tutte queste cose qua. però mi piace, anche perchè sto due giorni in ferie, quindi ho un attimo per respirare, si fa per dire, perchè oggi pomeriggio starò quelle 3-4 ore dalla parrucchiera e mi toccherà pure girare fino a domattina coi bigodini, perchè se no sai che ci rimane dei miei capelli col ranocchio in giro per casa? stamattina alle 5 ho stirato la camicia e la cravatta della peste, la camicia del marito e la mia stola, e grazie a ciò mi sono accorta che non abbiamo ancora ritirato i pantaloni di mio marito dalla sarta, speriamo almeno gli stiano bene, che ora c'è ben poco da fare. e mia madre finalmente ha lasciato da parte il pensiero che il suo bambino se ne va alla tenera età di trentunanniediecimesi, dopo il mega cazziatone ricevuto dalla sottoscritta, si perchè non puoi rompere le palle e rovinare la festa a tutti con quella faccia da funerale, vabbè che diventi ufficialmente suocera di una nuora (si perchè la suocera del genero generalmente è molto più buona), ma non dar modo di parlarti male già dal primo giorno, che sai quante occasioni avrai in futuro! e comunque, come ogni festa che si rispetti, mi sono accorta che manca qualcosa, quel qualcosa in questo caso sono i bavaglini per la lumaca mio figlio, che tutti quelli che ha sono o macchiati di frutta o talmente brutti che non si possono guardare, o talmente grandi che ci apparecchio direttamente il tavolo degli sposi. e quindi stamattina mi tocca andare alla chicco e spendere dieci euro per un bavaglino del cavolo, perchè solo lì li hanno carini. e poi già che ci sono mi conviene passare pure da h&m, perchè a daniele ho preso il vestitino carino, con la camicia, il gilet e la cravatta, ma quando l'ho comprato, mi pare ad agosto, non ho tenuto conto che solo con la camicia in cotone sembra un pellegrino e non è che mi si tiene su la giacca tutto il tempo, perciò mi tocca prendere uno di quei body che vendono lì a 5 euro più o meno, tutto bianco, a manica lunga, e glielo metto sotto, così fa la sua porca figura e non rischia una bronchite! vabbè, vado che ho preso solo il caffè dalla 5 e il mio stomaco si sta ribellando, è ora di fare colazione.. poi vi racconterò.. ah, dimenticavo... tanti auguri fratellino

lunedì 17 settembre 2012

scusaaa, si può sapere dove sei??

Qualcuno sa che fine ha fatto il mio ciclo? No, perché è dal 27 luglio che non si fa vedere, quindi siamo a quota 24 giorni di ritardo, due test negativi, delle perdite strane che mi fanno pensare che tra poco arriverà... E invece niente... Da dieci giorni prendo anche la tb, che ok deve essere monitorata dal primo giorno, ma, meglio tardi che mai... E cmq è bassa.. Boh, non ci sto capendo niente... qualche giorno di acidità di stomaco, la paura dell' infondato barlume di speranza e illusione che mi fa ritardare il prelievo ematico... Ciclo torna, mi manchi...

venerdì 14 settembre 2012

è arrivato anche per noi

no, purtroppo per il primo giorno di asilo dobbiamo aspettare il primo ottobre, perchè per il 17 erano già pieni con gli inserimenti... e devo dirvi che non vedo l'ora. invece, dopo quasi 16 mesi è arrivato il primo raffreddore, che già mi pare un miracolo se la sia scampata per più di un anno. solo che quando arriva? il giorno che io ho il turno di notte! e così mi chiama mio marito alle 22 disperato: DANIELE HA VOMITATOOOOO!!!!! NON PUOI IMMAGINAREEEE, IO COME FACCIO????? eh, e io che ti posso fare? sto qua, a lavoro, coccolalo un pò, misuragli la febbre -NOOO, IO NON SONO CAPACE- vabbè, mo chiamo mia madre vattene da loro va. e stamattina immaginate come poteva essere il mio bel lettino, dopo una notte con i pezzettini di petto di pollo sulle lenzuola!!! una puzza che ve la immaginate, ho dovuto lavare lenzuola, coprimaterasso, tutti e due (ne tengo uno più sottile e uno spesso di spugna, appunto per evitare spiacevoli incidenti), federa, copricuscino e cuscino, sembrava ci fosse stato l'esorcista lì dentro!! in compenso adesso sta meglio, fa solo tanti capricci in più

giovedì 6 settembre 2012

mannaggia a me mannaggia!!!!

mi ritrovo qui, finalmente un attimo di relax, ho lasciato il ranocchio da mia madre, la scusa era sistemare un pò casa, visto il disastro lasciato da mio marito, approfittarne per caricare e stendere una lavatrice e preparare la cena per stasera e il pranzo per domani...la realtà è che avevo voglia di stare un pò da sola! ultimamente non c'è mai tempo per me, per stare senza far niente, sola coi miei pensieri. è un periodo un pò così, lo stress a mille, la prolattina che chissà a quanto è schizzata, visti i 13 giorni di ritardo -no, non sono incinta, ne ho avuto la conferma l'altro ieri dopo che mio marito, fremente nell'attesa di vedere il risultato di quel test, mentre io fumavo una sigaretta affacciata alla finestra mi ha detto: vaffanculo, ho preso pure quello da 16 euro!-, la frequenza cardiaca che ormai viaggia fissa sopra i 100 battiti al minuto, e la voglia di stare a casa in pigiama, tutto il giorno, a non fare niente. ma a fare niente non ci posso stare, ce n'è di cose da fare, ma non arrivo mai a fare niente, mi manca sempre qualcosa.. ogni tanto penso che forse una gravidanza ora mi farebbe più male che bene, ma poi scaccio subito quel pensiero, perchè in fondo lo voglio veramente. e con i suoceri è sempre così, cioè niente di nuovo, e con mio fratello stanno venendo fuori tanti di quei problemi, problemi che poi in realtà mi faccio solo io, perchè gli altri se ne sbattono allegramente... che casino!! complice questo tempo, l'umore è sotto i piedi e di più... ho la sensazione di essere in sindrome premestruale da almeno un paio di settimane, mi esce la lacrima anche guardando s.o.s. tata, scatto per niente, ma nessuno lo capisce, nessuno lo sa che anche se io non mi lamento mai faccio un lavoro che emotivamente distruggerebbe pure i sassi, che comunque sto fuori 7 ore al giorno e 10 quando faccio la notte, e quando torno inizia il lavoro vero, che nessuno mi da una mano se devo pulire, cucinare, stirare, che mio marito non c'è mai, sta sempre a lavorare povero cristo dal lunedì alla domenica e quando torna ha pure il coraggio di dirmi: eh, ma devi prenderti un pò di tempo per te! e quando, di grazia? tu riesci ad uscire quando devi tenere daniele mezza giornata, io no, perchè per far star fuori te e lui quelle tre ore, io ne devo passare sei a prepararti pranzo e cena, a te e tuo figlio, devo farti trovare almeno due cambi per te e due per tuo figlio, se io esco vado a fare la spesa o a pagare le bollette, sempre col bambino in collo, di fretta come una matta... vabbè, vado va, la lavatrice è finita, stendo i panni e finisco di godermi questo pomeriggio di relax...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...