lunedì 30 dicembre 2013

Chissà se mi pensi...

È stato qualche anno fa, quella volta è toccato a me.
Era la notte dopo la domenica delle palme, una bellissima giornata, un bel pranzo di pesce, tutto buonissimo, i miei a pranzo, il pomeriggio a riempire le fioriere sul balcone di gerbere colorate insieme a mia madre, il ragazzo che oggi è mio marito aveva il turno di notte.
Mi piaceva tanto stare a letto da sola e guardare la tv fino a tardi...era la notte del sei aprile...

domenica 22 dicembre 2013

La mia psicologa di fiducia ha detto che...

Questa perla mi mancava, soprattutto da un luminare del campo!
Mi hanno detto che sbaglio a prendere mio figlio in braccio quando piange, ho sbagliato la prima volta che l'ho fatto, perché ora lui se ne approfitta. Per chi non lo sapesse, mio figlio ha un mese e mezzo!
Mi hanno detto che sbaglio ad allattare a richiesta, perché lui, sempre il bambino di un mese e mezzo, così non si abituerà mai.
E pensare che queste illuminazioni mi ssono giunte da una mamma, da una psicologa, da una dott.ssa che tiene i corsi di psicomotricità al nido di mio figlio...corsi a cui lui non partecipa, visto che il personale in questione non mi ispira affatto.
Lo stesso soggetto che mi disse che avevo sbagliato a togliere cruccio e pannolino al grande, dal momento che ci sarebbe stata la regressione.
Ora io sono riuscita ad evitare parole poco simpatiche verso questa tipa, ma il mio umile ragionamento mi porta a pensare che se anche avesse avuto una regressione e avesse fatto pipì fuori posto, cosa che è accaduta, la cosa si sarebbe risolta nel giro di non troppo tempo, anche questo è successo. Nel caso fosse stato di particolare gravità, avrei rimesso il pannolino e quindi niente, ma intanto ci avrei provato.

Oh...piccolo particolare...stavo dimenticandolo...

Il soggetto in questione è l'altra mia cognata, moglie di mio fratello...

Come sto messa, eh???



BUON NATALE A TUTTI!!!!!!!!!!!

mercoledì 18 dicembre 2013

E poi...

E poi niente...quei giorni che ti svegli col culo scoperto, che se non ci fosse un esserino da accudire e un ometto da sostenere, prenderesti e scapperesti il più lontano possibile.
Perché non ce la fai, perché ti manca l'aria, perché sei stufa...e riesci a dare solo il peggio di te, perché il buono te lo tieni stretto, che in questo momento nessuno se lo merita.

martedì 17 dicembre 2013

Io ci provo a non pensarci...

Oggi ho voglia di sfogarmi un po'.
Avrei più voglia di prendere a sberle delle persone, o anche solo di sputargli addosso tutta la rabbia che ho dentro, ma non si può!
Ho sempre evitato di parlarne, perché non avevo parole buone per loro.
Loro che non vedono il nipote dal giorno del suo primo compleanno, il nipote quello grande, perché quello piccolo non sanno nemmeno quando è nato.
Parlando dei nonni, da sempre tollero egoismo e saccenza, arroganza e prepotenza, sopporto col sorriso, per rispetto  di...
Parlando degli zii  oggi capisco che il culo ce lo siam fatti solo noi, che ci tenevo, ma avrei potuto capirlo già tempo fa, se non mi fossi illusa che anche gli altri possono amare senza interesse.
Oggi dico che auguro loro tutto il bene di questo mondo, perché se gli capitasse il male io non sarei lì a offrire la mia spalla.
Perché io sono così, non mi serve che il tuo cuore cessi di battere, è un pezzetto del mio, quello donato a te, che muore...è con lui che finisce tutto ciò che ti riguarda.
Nonostante ciò ho sempre insistito con mio marito perché tenesse aperto il suo di cuore, in balia degli eventi.
Per tutta la gravidanza ho aspettato un passo, le scuse erano il massimo, che comunque non avrebbero modificato la mia opinione, ma mi sarei fatta bastare anche le loro ragioni.
Le telefonate ci sono state, domande sulla gravidanza, mai una volta che ero inclusa nelle chiamate, così, la gravidanza, non tania come sta.

lunedì 2 dicembre 2013

Facciamo le prove... quando provi a immaginare, la realtà è moooolto lontana

Qui in Abruzzo piove ininterrottamente da ieri, ma noi non ci siamo scoraggiati, no, ieri mattina alle 11 siamo andati al vivaio a scegliere l'albero di natale, un bell'abete in vaso, enorme, che poi dal prossimo anno illuminismo in giardino.
Dani tutto emozionato che se ne stava buono buono e popopo che dormiva nel suo nido ovattato...aveva mangiato e fatto caccia giusto dieci minuti prima...non poteva che dormire! Un quadretto meraviglioso, la mia splendida famiglia!

giovedì 28 novembre 2013

Devo aggiornare tutto....

Oggi ho notato che nel mio profilo ho ancora 29 anni, magari!!! Che non si legge quanti anni ha puzzetta grande, che sono incinta da una vita e soprattutto devo cambiare il nome del mio blog, perché ora non c'è più solo ranocchio, ora ce ne sono due...ma quando lo faccio???anche perché un nome nuovo lo devo ancora trovare! Devo accendere il pc che per adesso sta al piano di sopra e io non ci vado mai,ma così sembra proprio una cosa scatta,tra i blog che seguo ci sono alcuni che non esistono nemmeno più e invece ogni volta mi devo scervellare per andare a vedere tutti quelli che leggo abitualmente...aaaahhhhh....
E poi mi piacerebbe fare una cosa bellina, perché questo è un mio pezzo di vita, pieno di ricordi che nella mente non ci sono più, ci tengo tanto e visto così non sembra proprio...
Vabbe, sto fuori di testa, ho i piccoli in casa e sto da sola, per ora dormono, ma tra poco....sì salvi chi può!!! E marito non torna prima delle 21:15...pensatemi!

sabato 23 novembre 2013

Ogni scelta comporta una rinuncia

Finalmente un attimo di libertà, le mie tette ringraziano!
Questo piccolo parassita sta attaccato tutto il giorno, poi respira forte e sorride e io lo guardo e mi fa morire!
Sono nella piena fase di innamoramento, quella in cui guardi ogni espressione e anche un suo respiro per te è fondamentale, lo amo, è l'essere più perfetto a questo mondo, fa delle espressioni buffe che mi fanno troppo ridere, solo che appena sta vicino a me vuole la tetta!
E poi il mio puzzolo grande mi manca da morire, me lo ammiro quando mangia, quando guarda lo zecchino d'oro e muove le labbra per cantare insieme ai bimbi, appena ho un attimo me lo mangio di baci, ne ho proprio bisogno io, e anche se non lo da a vedere ne ha ancora più bisogno lui.

domenica 10 novembre 2013

lo dico io che non sai mai cosa ti tocca!!!

Il secondo doveva arrivare prima e così non è stato, come ho già detto tracciati piatti e nessun segno; induzione per mercoledì mattinaalle 8, così lascio il piccolo dalla nonna a dormire, così gli evito l'alzata al'alba.
Andiamo a nanna con un po' di emozione, ma poi io russo e marito va a dormire di là...
Alle due mi sveglio bagnata, vado a far pipì, ho rotto il sacco...chiamo marito e gli dico che dobbiamo anticipare.

domenica 3 novembre 2013

Stiamo ancora qua

Non scrivo da un secolo, ma tanto vi annoierei con i miei conteggi e con le mie paranoie.
40+4, zero sintomi, manco la luna ce la fa!
Tracciato piatto, terremoto nella pancia che ormai si tocca proprio, pora stella che non ci entra più...
E per fortuna che i secondi anticipano!
Però sto bene, stanca, impaziente, ma mi vedo bella come non mai, penso che sono gli ultimi istanti nella mia vita in cui avrò il pancione...e allora me lo godo ancora un po', tanto in eterno sto bimbo lì dentro non ci starà!

lunedì 7 ottobre 2013

Oggi sono felice

Stamattina flussimetria, alla fine l'ho fatta, non mi andava di essere superficiale, pur sapendo che il piccolo parassita sta meglio di me!

martedì 24 settembre 2013

Sono stanca

Giovedì inizia il nono mese e io sono veramente alla frutta, ho un dolore fisso li sotto e basta passare l'aspirapolvere per stare male.
Del primo non era così.
Sarà che stavolta ho meno tempo per riposarmi, sarà che il bimbo é più grande, ma io sono davvero a pezzi.
Non sono una che si ferma a piangersi addosso, fino a un paio di giorni fa ero piena di forze, adesso è cambiato tutto.
Domani ho la visita e vediamo cosa viene fuori, ma ho bisogno di stare a letto distesa, io che ho sempre odiato starci.
Bismamme ditemi che è normale perché inizio a credere di essere impazzita all'improvviso!

martedì 10 settembre 2013

Ci sono, ci sono

Mi rendo conto di non scrivere da tre settimane, ma non ne ho avuto modo, non perché mi mancasse il tempo.
Domani finisce la trentatreesima e da due giorni il reflusso non mi abbandona mai, però non mi posso lamentare.
É finita l'estate e giusto in tempo posso affermare di aver portato a termine tutti i miei programmi, cioè non proprio tutti, ma alcuni sono legati ad altre persone e lì puoi fare poco.
Comunque dicevo, il ciuccio ormai é solo un ricordo, da ieri torna all'asilo come ai vecchi tempi, col sorriso, ABBIAMO ABBANDONATO IL PANNOLINO IN UNA SOLA SETTIMANA, tra poco ci proveremo anche di notte visto che lo lascia asciutto e mi chiama  quando scappa, ho finalmente preparato la valigia (manca giusto un pigiama di scorta e il mio cambio per l'uscita), mercoledì scorso ho iniziato il corso per oss complementare, e ho pulito i vetri e lavato le tende.. solo che certi giorni arrivano certe contrazioni che mi ricordano che forse devo un pochino rallentare, forse...
Che poi é arrivato anche il primo raffreddore di ranocchio, che a me ha portato anche un bel mal di gola, con voce che manco la de filippi, questo è giusto un dettaglio.
Per il resto le cose da raccontare sarebbero tante, ma prometto che sarò un po' più costante...prometto che ci provo!

mercoledì 21 agosto 2013

30 settimane

Cioè pensate come sto messa io, che tipo lunedì mio padre mi fa: quando entri in obbligatoria?
Eh, c'è tempo...oddio, c'è tempo? Quando si entra all'ottavo? Sguardo veloce al telefono, cazz!!!! Lunedì!!!
Oggi quindi sono  a 3/4 del percorso. Non vi nego che é stato un po' uno shock scoprirlo così, mi ero abituata all'inizio del settimo, che adesso pensavo di stare a metà e invece qua é ora di cominciare a fare la valigia e io ancora non prendo niente per me... ma tanto il 2 ranocchio torna all'asilo e cominciano le vacanze, potrò pulire la cucina a fondo, lavare vetri e tende e pulire il mio armadio, tanto il cambio prima di novembre non lo faccio...
Popopo scalcia che mi sveglia la notte, che si sfogasse adesso che io dopo devo dormire, che i primi del mese inizio pure il corso....AIUTOOOOOOOOOOO, dove si comperano le ore, non dovessero bastare quelle che ho???
Eh niente...oggi quindi andiamo a vedere come sta questo tremendino...forse portiamo pure il fratello maggiore, che ieri finalmente ha buttato il ciuccio nel water e da ieri sera si ripete: a tta buba? Buba acua, bleahhhhh...

venerdì 9 agosto 2013

30 anni... e sentirli...

Alla fine sono arrivati...
C'è da dire che io anche a 15 anni sentivo che gli anni passavano troppo velocemente, non ho mai sognato che arrivassero i 18 per avere più libertà.. mi godevo la mia adolescenza e via!
Quindi immaginate quanto posso esser stata felice ieri.

giovedì 1 agosto 2013

buba addio

è da tanto che rimandavo, ogni scusa era buona...
e prima aspettiamo che finisca l'asilo, e dopo aspettiamo di andare al mare così è più distratto, e poi aspettiamo che parte il bimbo che lo fa stare nervoso, e poi ancora aspettiamo di tornare a casa qualche giorno, e poi aspettiamo lunedì -come per le diete che poi non si iniziano mai!!!!- e poi però martedì devo lasciarlo dalla zia e metti che sta lagnoso....
finite tutte le scuse, martedì vado a prenderlo da mia zia e al ritorno mi dico: ma si, oggi ci provo.
lacrimoni a più non posso nei primi 5 minuti, no, non ce la farò mai!!!!

sabato 27 luglio 2013

settimo mese

oggi inizia il settimo mese, l'ultimo trimestre... mamma mia come siamo vicini al traguardo!!!
lo so che adesso mi tocca il periodo più pesante, anche perchè questo caldo non aiuta affatto.
stamattina ho realizzato che è ora che inizi a comprare qualcosa, si, è decisamente ora!
e io che volevo godermela sta gravidanza, mi ritrovo di colpo balenottera, ho una pancia allucinante, che già tutti mi chiedono se sto alla fine e quando dico che mancano tre mesi sbarrano gli occhi: ma sicuro che è uno? questa la domanda più gettonata. si, è uno!!!!

martedì 16 luglio 2013

e mo a che m'affido????

eccomi di nuovo a casa, son dovuta tornare di corsa, ho una marea di panni da fare, pelle che tra sole e sale ha bisogno di impacchi superidratanti, i capelli che manco un miracolo... tutto questo perchè giovedì devono essere almeno presentabile...
mettiamoci pure che ho finito la scorta di panni puliti miei, di ranocchio e marito, che poi è vero che dani ne ha 4 volte i miei, forse anche più, ma è pur vero che in campeggio ho dovuto cambiarlo tre volte quando andava bene...
comunque dicevo... giovedì alle 9:30 mi devo presentare ad un appuntamento, lunedì è arrivato il telegramma.

venerdì 5 luglio 2013

sensi di colpa

e poi mi basta guardare le foto di una mia amica su facebook, il compleanno di sua figlia, un pigiama party con le amichette... e scatta il senso di colpa.

giovedì 27 giugno 2013

sarebbero 130, ma sono 100 come sempre.

grazie mille mio adorato dottore, perchè di due gravidanze ti degni di farmi una fattura e mi fai pagare sempre il solito prezzo!!! ma tanto, io ti adoro lo stesso.
ieri avevo la visita per le 16.
-dai amò, che stavolta in un'ora siamo fuori, saremo di sicuro i primi, prima delle quattro il dottore non arriva mai.

martedì 25 giugno 2013

'a mamma

da qualche giorno è iniziata una fase tutta nuova, che mi fa amare ancora più profondamente quel piccoletto che adesso dorme sul divano.
nell'ultimo mese e mezzo ha imparato che ci sono tante parole da dire e ha preso a fare il pappagallo e ripetere tutto ciò che si dice, per poi tirarti fuori proprio quella parola ripetuta a caso un'ora fa, quando arriva il giusto momento.

lunedì 24 giugno 2013

casa dolce casa

Siamo tornati stamattina a casa, il tempo era brutto, le previsioni danno pioggia per qualche giorno, così io e ranocchio ce ne siamo tornati qui, ne approfitto per fare qualche lavatrice e sistemarmi un pò, visto che in campeggio non ne ho avuto molto tempo.
ci siamo abbronzati alla grande, dani si è divertito tantissimo, sporcandosi come non mai, mangiando gelati e sabbia, imparando a rispettare la fila allo scivolo.
io mi sono stancata più che a casa, perchè puzzola è piccolo e se non gli sto dietro i bimbi più grandi se lo mangiano a colazione, non posso lasciarlo libero di giocare da solo mentre io mi faccio i cavoli miei, nè posso rinchiuderlo in piazzola.
i piedi col caldo hanno iniziato a gonfiarsi abbastanza e in questo l'acqua mi ha aiutata molto, tante camminate  in riva al mare sono state una manna dal cielo.

mercoledì 12 giugno 2013

e siamo a metà



oggi siamo al giro di boa, metà strada, venti settimane.
è proprio vero che le seconde gravidanze volano in confronto alle prime.
stavolta, passata la normale ansia iniziale, non mi viene il panico da visita, tipo che il mio ginecologo mi disse: ci vediamo a giugno, intorno al 20. adesso il mercoledì sto mese casca il 19 e il 26 e con dani figurati, si va il 19, stavolta invece vado il 26, così mio marito non si deve ammazzare a chiedere un cambio turno, come se stesse chiedendo chissà quale assurdità.
tipo che appunto è quasi ora di tornare a fare la visita e io devo fare ancora tre esami del sangue.
tipo che ancora non compro niente per Niccolò.
poi però ci penso e mi sento in colpa, perchè questo bimbo non vale meno dell'altro, questo sarà un altro cacasotto che riempirà le mie giornate...

giovedì 6 giugno 2013

e il puzzone che vuole?

lunedì mattina tra capo e collo mi è arrivata la notiziona... il giorno seguente alle ore 11 avrei dovuto eseguire l'ecografia morfologica....
si, perchè il posto non c'era così -forse ve lo avevo detto già ma ultimamente dimentico tutto- ci siamo messe d'accordo( io e la mia amica) direttamente col dottore, che avremmo dovuto contattare il 3 giugno, così che in base ai suoi turni mi avrebbe detto quando vederci.
ora la mia reazione è stata un pò strana, mi aspettavo di farla intorno a metà mese, quindi non ero preparata.
oddio, i peli, non ho fatto la ceretta... ah, ma tanto questo mica mi visita?! ecco, il primo pensiero!
poi ho pensato che finalmente avrei potuto fare un regalino colorato a questo puzzolino in arrivo.
il problema è stato che con così poco preavviso non sono riuscita ad organizzarmi, il nido è finito, mia madre lavorava e io ho dovuto portarmi ranocchio... non vi dico che casino che ha combinato, nella corsia come non ci hanno cacciati non lo so.
prendeva la cornetta del telefono, presente quelli che stavano nelle cabine telefoniche anni fa? a proposito, esistono ancora? boh... che ignorante che sono! comunque, dicevo, prendeva la cornetta e telefonava a nonna: nonnaaaaaa!!! e tutto il suo discorso. chiudeva, rialzava la cornetta: nonnnnnoooooo!!!! e altro lungo discorso... peccato che quando glieli passo davvero ride e fa ciao con la mano, niente di più....
è il nostro turno, ma il dottore ha deciso di fare una pausa caffè moooolto lunga...

venerdì 31 maggio 2013

alla fine ha deciso lei

è una femmina, che ve lo dico a fa???
mercoledì sera si era stufata, ha fatto partire le contrazioni alla sua mamma, voleva conoscere il mondo.
alle 20:24 è venuta al mondo Giulia.
e questo rende ancora più affascinante il mistero della vita, non puoi prevedere nulla... mia cognata aveva un cesareo programmato, la sua data presunta era il 12 giugno e il suo dottore voleva aspettare più possibile per tagliare.
e io, che solitamente mi faccio i cavoli miei su ste cose -la figlia è tua, tu lo sai- in quel caso le ho ripetuto più volte di non aspettare il 3/4 giugno.

mercoledì 29 maggio 2013

il viaggio più spettacolare della vita

Stamattina hanno ricoverato mia cognata, domani nasce Giulia.
fino a ieri sembrava lontanissimo questo giorno, oggi invece sono emozionatissima, che poi, per dire, non è che io con lei abbia chissà quale grande rapporto! diciamo che ci tolleriamo e anche piuttosto male, però la nascita di mia nipote esula, per fortuna, da queste dinamiche.
penso a mio fratello che oggi è lì, che prima al telefono con mia madre ha detto: stanotte non ho chiuso occhio, ma qua che vuoi riposare, su una poltrona, con tutti i bambini che piangono?

martedì 28 maggio 2013

voio l'oio

da quando dani va al nido, e purtroppo venerdì è l'ultimo giorno, il pane con l'olio è diventato uno dei suoi spuntini preferiti.
cioè, trovatemelo un bambino di due anni che gli dici: vuoi la merendina? e lui: no, oio.
devo dire che con mio figlio sono stata molto molto fortunata per quanto riguarda l'alimentazione, dal primo giorno in cui gli ho fatto assaggiare un mezzo cucchiaino di omo alla pera è stato amore, tutti, amici e parenti, ricordano col sorriso sulle labbra quella boccuccia tesa ad aspettare la pappa, pareva un uccellino.
da quel giorno giusto qualche volta ho dovuto mischiare le pappe salate ad un pò di frutta perchè finisse tutto, ma giusto perchè avevo fretta o lui molto sonno.
da allora ha apprezzato ogni sapore nuovo, ogni consistenza, non ha quasi mai fatto storie, mi sono sempre rifiutata di cantargli canzoncine, fare l'aeroplanino, fargli guardare rai yoyo, o peggio ancora mettergli il mio telefono in mano per distrarlo.
 no, questa è l'ora della pappa, tu stai sul seggiolone, mangi e se non mangi è perchè non hai fame.

lunedì 27 maggio 2013

quinto mese

si, oggi siamo a 17+5, iniziamo il quinto mese.
da ieri ha iniziato a prendermi a calci..
questo è il pancione che inizia ad essere bello rotondetto.


giovedì 23 maggio 2013

finalmente ritorno

eccomi qua, latitante da un po', non per colpa mia...
è colpa della chiavetta che si è rotta e del tempo che non è mai abbastanza per andare a ricomprarla...
e poi quando vai a ricomprarla e vai ad installarla non ti ricordi il codice pin della sim e siccome non hai la minima idea di dove possa passare (si, l'ordine è una mia caratteristica), nè ti viene in mente quale possa essere il numero del servizio clienti di quell'operatore...perdi altro tempo perchè devi tornare al negozio e vedere se ti rintracciano il tuo pin...ed eccomi qui!

lunedì 6 maggio 2013

Hai rotto!!!

com'è che due anni fa, quando la pancia toccava quasi terra e avevo le caviglie che due cotechini a confronto erano una meraviglia, tu eri lì?
a farmi compagnia, quando per un mesetto avrei fatto a meno di te, quando mi spaccavo a camminare lungo il fiume, sperando di anticipare un pò i tempi.
e tu, mi facevi soffrire.
e oggi che ti voglio a proteggermi dall'alto...dove sei????

lunedì 29 aprile 2013

iniziamo a godercela, va!!!

stamattina quel pazzo di mio marito ha deciso che non sopporta più il bagno della zona notte.
lo abbiamo fatto nuovo due anni fa, ma lui lo odia da sempre, quindi niente, questa estate rifacciamo il bagno, tanto io e ranocchio ce ne stiamo in campeggio, mentre lui prende, con orgoglio, a mazzate le piastrelle.
e io, manco a dirlo, ho lasciato scegliere a lui le piastrelle, la doccia, perchè la vasca non la vuole più, e la porta, perchè che fai? il bagno nuovo e la porta vecchia? oh, se hai soldi da buttare, fai tu!!!
comunque il risultato è figo davvero, tutto mosaico sul lilla, dei fascioni verticali, bello, molto femminile, ma molto molto bello.
non avrei mai immaginato che un uomo tra le varianti grigio, giallo, marrone e lilla scegliesse l'ultima, ma era davvero quella che meritava di più.
è uscito dal negozio contento come una pasqua, per la modica cifra di 1685,53 euro avremo il bagno nuovissimo, perchè nuovo lo era anche l'altro... qua però stavolta ci entra pure il fasciatoio...
in macchina, sulla strada del ritorno gli dico: chissà se è arrivata la lettera?
lui sta tranquillissimo, a me invece questa attesa un pò di ansia la sta mettendo...

venerdì 26 aprile 2013

quarto mese

finalmente siamo entrati al quarto mese, il periodo più brutto, diciamo, è passato...
sto aspettando il referto del bi test e tra una decina di giorni tornerò a fare la visita, sperando si veda il sesso...

sabato 20 aprile 2013

LE DONNE NON SI TOCCANO!!!

mi spiace che il mio blog non lo leggano chissà quante persone e sono cosciente anche del fatto che non basta leggere un post per cambiare le cose.
però io ve la voglio raccontare questa scena schifosissima.
ho sempre sostenuto che la violenza sulle donne sia di uno schifo tremendo, non tanto quella fisica, perchè, almeno per come sono fatta io, ok, tu mi picchi perchè sei più forte di me, ma io un calcio nelle palle con tutta la forza che ho, stai tranquillo che te lo rendo, quanto per quel bruttissimo meccanismo psicologico che si innesca, per cui una donna ha paura di ribellarsi e denunciare e spesso trova anche delle giustificazioni a certi comportamenti bestiali, trovando una colpa da darsi anche quando non c'è... e se anche ci fosse niente giustificherebbe il diritto di un uomo ad essere violento.
finora io non ho mai avuto esperienza diretta di violenza sulle donne, ecco, la moglie del cugino dell'amico, la sorella della nonna della cugina, ma nessuno, fortunatamente, di tanto vicino a me, da farmi mettere le mani addosso a queste bestie.
quindi vedere una scena del genere, in un contesto del genere, mi ha messo una tristezza dentro.che non vi so spiegare, avevo i miei motivi per essere felice, ma non ce la facevo, avevo sempre quella scena in mente.
giovedì avevo il bi-test, mercoledì ho fatto la translucenza, tutto ok, arriviamo alla clinica e il genetista sta facendo una lezione sui vari esami di diagnosi preventiva di anomalie cromosomiche, invasivi e non, ma io già le so ste cose, ascolto una mezz'ora, poi raggiungo la mia amica che poverina è fuori, sola col bimbo di 4 anni che si sta annoiando a morte. dopo un'ora iniziano i prelievi, finalmente, dal numero 60... io ho il 98...
siamo tutte lì, chi con il marito/compagno, chi con la mamma, chi, come me, con un'amica, io guardo le pance, alcune non si vedono nemmeno, altre sono più grandi della mia, forse tre al massimo...
ogni tanto mi alzo dal tavolo dove stiamo chiacchierando con altre donne, per andare a vedere a che punto si trovano, ed è quando stanno intorno al numero 82 che torno al tavolo e vedo una coppia quasi di fronte alla mia amica, lei seduta che piange e lui in piedi che la incita -dai, andiamo a fare sto esame-. lei non parla, continua a piangere. - ti vuoi alzare? io lo voglio sapere se mio figlio è down-. lei solo lacrime -allora? ti devo trascinare? lo vuoi buttare mio figlio eh? hai già deciso? cazzo, muoviti, alzati. vuoi ammazzarlo? vuoi che ti faccio abortire io? non mi costringere a fare cose che non voglio davanti a tutti-. ho fatto appena in tempo a dire alla mia amica: -fra prendi il bimbo e allontanati!
lei ha trovato la forza di urlare due volte: -BASTA! BASTAAAA! un istante e lui ha iniziato a tirargli pugni sul naso, sulla bocca, sulla pancia, 3, 4, 5, lei non sapeva se riparare la faccia o la pancia. è durato dieci secondi, non di più, perchè poi alcuni ragazzi lo hanno preso e sbattuto contro un muro, lo hanno massacrato di botte. e intanto lei sanguinava dal naso, dalla bocca, ha provato ad alzarsi, si è toccata la pancia, ha lanciato un urlo di dolore e si è accasciata a terra.
intanto un medico ha preso quel ragazzo e lo ha portato in un'altra stanza, alcune donne hanno chiamato polizia e ambulanza, mentre un medico cercava di far riprendere quella donna, gli metteva l'ossigeno e cercava di tranquillizzarla.
non ve lo so descrivere  lo squallore di quella scena, donne che piangevano spaventate, la rassegnazione sul volto di quella donna, la polizia che arriva e le chiede:- che succede? era nervoso?
-è sempre così...
poi l'hanno portata via, spero abbia denunciato.
quando è arrivato il mio turno, mentre il dottore mi bucava, parlava col genetista che ci aveva tenuto quella lezione il mattino, raccontava che il lunedì precedente aveva avuto un incontro con quei due ragazzi, c'era un valore molto alto della translucenza nucale e quindi avevano optato per la villocentesi, c'era un alto rischio di trisomia 21.
a quel punto mi è crollato il mondo, quella povera donna chissà cosa stava passando, l'unico che avrebbe potuta capirla era quel marito che l'ha massacrata di fronte a tutti, magari voleva il sostegno per affrontare quel grande ostacolo e ha trovato solo violenza.
io della mia prima gravidanza ho il ricordo di mio marito che accarezzava la pancia, la baciava e parlava con il suo bambino, adesso ha iniziato a baciarla e salutare "cuoricino" già da qualche settimana.
metti che sta donna non ha perso il bambino, che dopo quei cazzotti è sempre da vedere, metti che si tratta di un falso positivo e che il bimbo è sano, o se è down lei decide di tenerlo comunque, come fa a dimenticarse quello che è successo quel giorno? come fa ad avere fiducia di quella bestia? per la reazione che ha avuto lei, era una cosa abituale prendere le botte, anche perchè per arrivare a farlo lì, davanti a più di 50 donne in ansia per un esame importante, in un ospedale dove sai che se ti becchi una denuncia ci sono più di 100 testimoni che un occhio non lo chiudono di certo, chissà quante volte lo hai fatto, ovunque.
io tendo sempre a mettermi nei panni negli altri e ho provato anche a mettermi nei suoi, ho provato a capire cosa stesse provando pure lui, magari lei avrebbe voluto abortire in caso di positivo, lui avrebbe voluto tenerlo, magari anche a lui è crollato il mondo addosso, magari la stava spronando, a modo suo cercava di darle coraggio e poi la sua ansia si è trasformata in violenza, ma no, non sono riuscita a giustificarlo, avrei capito che l'avesse presa di forza per un braccio, sarei riuscita a tollerare pure uno strattone per smuoverla, sarei stata capace pure di  giustificare uno schiaffo come segno di sfogo, in quella pesante circostanza, ma no, tutto quello che ha fatto no.
spero che questa merda di umanoide  non la passi liscia, perchè poi il problema è che riescono a far credere che quelle sbagliate sono le donne.
spero che quella donna lo mandi a quel paese questa bestia, che gli faccia quanto più male possa.
dopo questo sono sempre più convinta, le leggi in merito devono cambiare, devono marcire in galera queste merde, non si può più aspettare di piangere sulla tomba di giovani donne per sbatterli dentro!!

martedì 16 aprile 2013

un altro giorno di cazzeggio

avete presente quei giorni in cui non hai voglia di fare niente?
ecco, oggi è uno di quelli, ho portato il ranocchio all'asilo, dovrei preparare i suoi panni per due giorni, perchè se ne va in trasferta dai nonni, dovrei preparare i miei panni perchè anche io me ne vado in trasferta due giorni da un'amica, visto che poi giovedì ho il bi test alle 8 di mattina e farmi due volte 70 km nell'arco di 10 ore non mi va, dovrei pulire casa, dovrei fare un pò di spesa perchè questa dieta prevede una marea di frutta e verdura e il mio frigo è quasi vuoto, dovrei passare in ospedale a ritirare gli esami, dovrei, dovrei, dovrei... ma ormai la mia testa è a domani, ho aperto un pò di blog, mi son bevuta la mia tisana ai frutti rossi e la voglia di fare qualcosa non mi è venuta.
mia madre dice che non sono normale e forse c'ha ragione pure lei, ma a me mi prende questa sorta di apatia ogni volta, i giorni che precedono l'ecografia, poi domani passerà, ma oggi è così, non mi bast guardare il sole, non mi basta mettermi a fare qualcosa, non mi va di uscire con un'amica, non sono una buona compagnia in giorni come questo... voglio solo stare così, nel cazzeggio più totale, nel caos più totale, anche se mi rendo conto che così il tempo trascorre molto più lentamente, ma che ci posso fare?!
quello che mi fa sorridere è che io proprio no sono questo tipo di persona, non mi fermo di fronte a nulla, c'è un problema? bene,si affronta. ma in gravidanza no, questo non sapere come va mi scazza e non è che posso rompere l'anima a quel santo del mio ginecologo ogni volta per vedere come va, anche perchè non mi basterebbe mai...
vabbè, basta, chiudo qua... torno a leggere i miei blog!!!

lunedì 15 aprile 2013

ancora due giorni

e poi finalmente vedrò come va...
un pò d'ansia c'è, ma sono più tranquilla, non vedo l'ora di vederlo sgambettare...

venerdì 12 aprile 2013

quando non ci sono è perchè...

ultimamente ci sono a singhiozzi, è vero.... è una fase un pò strana, una specie di limbo.
voglio starmene un pò da sola a toccare la mia pancia e sognare, voglio riflettere sulle mie paure, ogni volta che l'eco si avvicina, voglio capire se sono matta io o se realmente posso sentire quello strano formicolio nella pancia, da tre giorni, sempre nello stesso punto.
quando non mi vedete è perchè questo sole merita di essere vissuto e goduto, perchè il ranocchio quando si sveglia a casa non ci vuole stare, perchè i panni da stendere, stirare, piegare e sistemare non finiscono mai, perchè al mattino lascio piccoletto al nido e me ne vado a spasso a godermi questi giorni in cui comincio a stare meglio, questa libertà che tra un pò svanirà di nuovo, nonostante l'abbia ritrovata da poco.
 è passata la nausea, è passato il sonno perenne, mi sento molto meglio, ci credo molto di più.
ma ancora non tanto da renderlo parte del mio oggi.
l'altro giorno il futuro bispapi mi diceva che un pò si sente in colpa perchè questo bimbo non lo consideriamo, pensiamo solo a daniele e di lui non parliamo mai... non ci ho nemmeno provato a spiegargli che a me non serve parlarne, io ce l'ho dentro...

venerdì 5 aprile 2013

e poi ti svegli col mal di testa

l'unico motivo per sorridere stamattina era che il mio cucciolo mi ha costretta ad aprire gli occhi abbracciandomi e dandomi i bacini, per il resto...
stanotte mi sono svegliata 50000 volte, non riuscivo a trovare una posizione, non stavo bene in nessun modo, mi faceva male la gamba e poi la schiena e poi il braccio; poi dovevo andare a far pipì e intanto sentivo che fuori stava piovendo;poi c'avevo l'acidità che mi costringeva ad alzare un pò il cuscino o l'esofago mi prendeva fuoco; poi mi veniva l'attacco di tosse assassina e mi sarò strozzata almeno 10 volte, con relativa goccia di pipì che mi ha costretta a cambiare più mutande io stanotte che pannolini a daniele nei primi giorni di vita.
finalmente verso le 5 sono riuscita ad addormentarmi come si deve, ho sognato pure...
che ero in ospedale, non quello dove dovrei partorire, ma quello dove l'altra volta rifiutai il ricovero, con me c'era mia mamma, mio marito non so nemmeno in che parte del mondo fosse...
senza troppi sacrifici, tipo 24 h in sala parto, nella mia camera do alla luce una bimba, ma non mi ricordo nemmeno com'è fatta, poi arriva immediatamente il giorno seguente, senza aver avvertito mio marito, senza aver fatto nemmeno una foto, senza aver provato ad attaccare questa bimba senza nome ed ecco che in due minuti, tac, esce fuori un altro bimbo, un  maschietto, bellissimo, con la pelle liscia, le guanciotte e pochi capelli, molto somigliante a dani, ma molto molto diverso, però bellissimo, anche questo senza nome...e la femmina non me la ricordo.
dopo qualche ora mi viene il dubbio di non aver espulso la placenta, così chiamo l'ostetrica che mi visita...quello che mi dice non lo ricordo...
a quel punto il problema esistenziale:
-Ma, ma mo come faccio a riportarli a casa? ci vuole il trio gemellare? e col mio che ci faccio? vabbè, lo venderò su ebay, adesso però mi serve un trio gemellare, devo telefonare a pietro, tanto pure che lo sceglie lui, mica prenderà una schifezza? e poi per com'è lui, figurati se non mi porta tutti i cataloghi del mondo per farmi scegliere il colore?
ecco, il padre finora non aveva nessun senso, ma per prendere la doppia navetta era fondamentale!
non sto bene lo so, sono gli ormoni, saranno...
certo è che se sto così adesso, non oso immaginare come sarà più in là!

mercoledì 3 aprile 2013

10 settimane

un quarto della gravidanza è passato... adesso aspettiamo due settimane esatte per rivedere quel cuoricino battere... e stavolta anche qualcosa in più...
ecco la pancia che inizia a farsi vedere
scusate le tette calanti, ma non riesco a portare reggiseni di nessun tipo, mi fanno troppo male

martedì 26 marzo 2013

non si può, non si può...

Ieri mattina il finimondo, un diluvio universale, ma io dovevo andare a fare le analisi e dovevo prenotare la translucenza...
alle 7:30 ero già in ospedale, col vantaggio che a quell'ora almeno i parcheggi si trovano, faccio la fila in corsia preferenziale coi vecchietti che, secondo loro, passando inosservati cercano di sgamare il tuo numerino, perchè loro non hanno un cacchio da fare, ma guai a te se provi a passargli davanti, perchè tu sarai pure incinta, ma loro finalmente hanno la possibilità di fregarsene di tutto, so vecchi...
all'accettazione mi danno 10 adesivi, che corrispondono a dieci provette di sangue :-mi prosciugano stamattina! dico all'impiegato e lui:-vabbè signò, t'hanno prosciugato pure il portafogli stamattina! e 'nfatti... 133,90 euro!!!
fatto tutto vado allo sportello del cup: -salve, dovrei prenotare la translucenza nucale!
o_o e che è? risposta dell'impiegato
-è un'ecografia blablabla...
-un attimo signora che chiamo in reparto.
per non allungarla troppo avrei dovuto richiamare il pomeriggio direttamente in reparto perchè al mattino la caposala non c'è e nessuno sa che cos'è questa TN e con quale dicitura dev'essere prenotata!
il mio sarcasmo a quel punto non ho potuto trattenerlo e c'è mancato poco che non salissi direttamente in ostetricia per fare i complimenti per tanta estrema ignoranza!
mi butto su chieti.
chiamo nel pomeriggio e mi risponde una signora abbastanza gentile, le spiego che chiamo da teramo, blablabla e mi dice che devo richiamare stamattina per parlare col dottor x.
chiamo stamattina e stavolta la signora non era nè simpatica nè gentile, chiedo del tizio e mi dice che non è ancora arrivato, ma che posso dire a lei, ripeto la cantilena che ormai so a memoria e mi da un altro numero, devo chiamare prima lì per sapere quando fare il bitest.
chiamo la sezione "genetica" dell'università degli studi di chieti e almeno lì concludo che il 18/4 alle h. 8:00 devo presentarmi alla palazzina b per il prelievo.
richiamo la signora dell'ospedale (non so quale sia il suo ruolo) e le spiego ch mi hanno dato appuntamento, adesso serve che lei mi dica quando posso andare per l'eco:- ooohhh, allora adesso richiamami all'una e mezza!
ma come??? non me lo puoi dire adesso??????
chiudo e vedo con piacere che sono finiti pure i minuti del tutto incluso... e te credo!!!
alle 13:25 richiamo e non risponde... mi specchio nel forno, si, sono verde!!!!
riprovo, 13:27: -salve parlo con la signora y? buongiorno io ho chiamato stamattina, blablabla
-eehh, certo che mo m'hai beccato in un momento....
MA MO CI VENGO A PIEDI A PRENDERTI A SBERLE!!!!!!!

-sa, è che devo andare a prendere il bambino al nido, quindi se può farmi il favore...
pechè se davo libero sfogo al mio pensiero col cavolo che mi dava l'appuntamento!!!
-aspetta in linea!
vi giuro, 5 minuti al telefono ad aspettare, mentre pensavo che c'erano solo 3 euro sul telefono e essendo finiti i minuti gratis, col culo che c'ho, magari mi finiva pure il credito e cadeva la linea...
e invece alla fine ce l'ho fatta, ho avuto l'appuntamento!!!!!!
dopo questi due giorni non mi spaventa più per niente l'idea del secondo parto!!!


sabato 23 marzo 2013

ieri mi ero illusa che le nausee fossero finalmente finite... invece stamattina sono venute a salutarmi di nuovo, simpatiche come sempre...
a parte questo va tutto bene, sono tornata dal dietologo, ho perso 3kg e mezzo anche se adesso la bilancia segna poco più di mezzo kg in meno...
ovviamente hanno cambiato tutta la dieta, anche se pure adesso non è che sia il massimo, poca pasta, poca carne, mi manca il latteeee, a me che non ho mai amato il latte.
mio marito che rompe: chiama il dottore, non va bene che vomiti, chiamalo tu a dirgli che vomito e chiedigli come mai, io ste figure di merda non le faccio per te...
e poi: ma non puoi mangiare come daniele, come cresce sto bambino?
e poi ancora: mi raccomando non fare niente che ci penso io....
che palleeeee!!!!!!
del primo mica era così... o forse l'ho rimosso.
comunque oggi siamo a 8+3 e tutto va bene.. almeno sembra....

giovedì 14 marzo 2013

Che bella giornata!!!

e chi se la scorda più tutta quell'emozione???
alla fine quell'attimo così lontano è arrivato...
entriamo e il dottore mi chiede la cartella della gravidanza di daniele, e io: si dottò, ma prima facciamo l'eco! e lui: ma siediti, scriviamo la nuova cartella e poi vediamo che succede.
-ma che scriviamo a fare? vediamo prima che succede.
-e vabbè vai va!
non lo so se la maternità mi ha reso più sensibile, se so già cosa si prova, se è colpa degli ormoni o semplicemente della tensione accumulata in questi giorni, fatto sta che aveva il monitor girato verso mio marito e io non vedevo niente, ma mi è bastato guardare il sorriso del mio ginecologo per scoppiare a piangere, C'è!!!
nove millimetri di vita e un cuoricino che pulsava sono bastati per dare un nuovo senso alla mia vita.
io credevo che con il secondo sarebbe stato tutto più scontato, sapevi già tutto... e invece è tutto nuovo, è tutto da scoprire, ogni volta.
il mio cuore scoppiava di gioia.
andiamo dai miei a riprendere il fratello maggiore e mentre travolgo mia madre con il mio entusiasmo alla tv vediamo la fumata bianca... habemus papam.
il suo saluto mi ha toccato nel profondo, forse ero già al massimo della gioia, ma guardare quell'uomo con la faccia buona alla tv mi ha messo una serenità che non so descrivere.
e lì mi sono sentita speciale, perchè in quel momento in tanti stavano gioendo, ma io avevo un motivo in più...

mercoledì 13 marzo 2013

ci siamo

oggi è il grande giorno, alle 17 sapremo la verità.
non vi dico come sto.
voglio scrivere per non pensare, ho provato pure a dormire per non pensare, ma non ci riesco, così come non riesco a scrivere, ho la mente piena di incognite e paure e in fondo, nascosto, anche un briciolo di speranza che tutto vada bene....
domani vi farò sapere...

martedì 5 marzo 2013

giorni così

e quindi mi ritrovo qua a raccontarvi com'è andata...
questo mese ero a 34 giorni e nessun sintomo e mi dicevo: cazzo però, sto mese sto a mangià bene, perchè non torna?
mai avrei immaginato di essere incinta...
e allora voi vi starete chiedendo com'è che ho fatto il test... non lo so!
lunedì mattina avevo i classici dolori mestruali, belli forti e pensai che da lì a qualche ora sarebbe arrivato il ciclo, ma niente. i dolori nel pomeriggio erano scomparsi e la cosa finì lì.
andai a fare il turno di notte e via.
al mattino portai il bimbo al nido e andai a fare la spesa all'eurospin, vidi quel test e pensai: ma si, buttiamoli sti 5 euro. e lo presi, così...
arrivata a casa prima sistemai la spesa e poi andai a far pipì, poggiai il test sul lavandino in bagno e pensai: mo mi fumo una sigaretta intanto che passano tre minuti e poi torno a vedere; ma non feci in tempo a pensarlo, le due linee c'erano già, lo presi, andai in cucina, mi avvicinai alla finestra e la linea si scuriva.... non è possibile! ho pianto coi singhiozzi per dieci minuti in casa da sola!
ho chiamato mio marito rischiando di fargli venire un infarto, tanto che alla fine non ci ha capito niente, povero amore!!!!
da quel giorno è passata una settimana, le beta crescono bene, ho un bel pò di nausea al mattino, la camera gestazionale era in utero...ora devo SOLO aspettare altri 8 giorni per ripetere l'eco, sperando che il mio sogno non si sia dissolto nel nulla nel frattempo....
provo a star tranquilla, ma non ce la faccio, è il pensiero fisso, l'ansia di non sapere come va, se va...

venerdì 15 febbraio 2013

i primi risultati

stamattina mi sono alzata dal letto completamente scazzata, per via di una discussione con mio marito iniziata due giorni fa e che si protrae tuttora.
che poi mi fa gli squilli al telefono dal lavoro, manco se avesse paura a chiamare, che tanto un vaffanculo in più, uno in meno...
vabbè.. dicevo, mi son svegliata già con la luna storta, che stanotte ho pure sognato uno che mi diceva: eh, la schiena ti fa male perchè i tuoi polmoni stanno diventando tutti neri per colpa del fumo... il nesso? boh.
scendo in cucina e preparo il caffè solo per me, tanto per far capire l'aria che tirava a mio marito, e quindi alla faccia del bel sogno mi accendo una sigaretta infilata dentro al camino, perchè ok che in casa non si fuma, ma alle sette, ancora in pigiama di pile, con dei capelli inguardabili, provateci voi ad uscire, quando oltretutto c'ho la fermata del pullman proprio davanti casa e a quell'ora è pieno di ragazzi che fremono all'idea di andare a scuola.
e in maniera molto dolce ringhio a mio marito: stamattina ci stai tu con daniele, che io prima devo farmi una doccia e poi devo uscire.
ma... niente ma, ho detto che devo uscire, non puoi sempre organizzarti come se fossi un single, perchè non lo sei, ieri mattina sei stato tu fuori, oggi tocca a me!
che poi povero cristo è vero che ieri mattina alle 8:30 è uscito, ma è andato a pagare l'assicurazione della macchina e alle poste a pagare un bollettino e alle 10 e un quarto era già a casa, ma io sto incazzata e per me quel che conta è che è uscito, punto.

comunque, fatte queste premesse, vado in bagno a lavarmi i denti e il mio sguardo viene catturato da quest'oggetto da me tanto amato e odiato.
questa è proprio quella che giace al lato del lavandino nel mio bagno, decido di salire, lasciando a lei scegliere la gravità delle mie sorti...
e con mia estrema gioia vedo che i risultati iniziano a vedersi, il sacrificio è ampiamente ripagato... la bilancia segna -2kg... 
tutto questo però mica basta a farmi passare l'incazzatura!

lunedì 11 febbraio 2013

e poi...

... e poi arriva quel giorno, che tu sapevi già sarebbe arrivato, ma provi a non pensarci...
ti tocca assistere da dietro le quinte, non puoi essere parte attiva di quel film d'amore, e così guardi lui che soffre, gli occhi gonfi, senti il tuo cuore che vorrebbe esplodere, ma ogni tanto qualche battito lo perde...
e ti senti il caldo salire dallo stomaco, una rabbia che non sai descrivere, vorresti gridare, ma al tempo stesso vorresti esser capace di non alzare la voce, vorresti aver la stessa capacità di espressione che è nei tuoi pensieri, ma non ci riesci.
e così abbracci lui e gli dici: hai visto che bello tutto questo? hai visto che bello far parte di una famiglia?
però poi anche in mezzo alla folla gli sguardi si incrociano e qualche pezzettino di ghiaccio si scioglie, peccato che nel frattempo il muro è stato eretto...
ma i bambini sono angeli magici e si guardano, si sorridono, si accarezzano, loro non conoscono ancora l'orgoglio, loro si sfiorano e sanno di volersi bene, nient'altro.
come vorrei tornare bambina ogni tanto, ma nelle botte della vita ho reagito sempre nel modo peggiore, ho mostrato sempre il sorriso, ho fatto sempre finta che niente fosse successo, non sono mai riuscita a versare una lacrima, mi sono distrutta lo stomaco e il cuore sola con me stessa, ma ho sempre cercato di condividere solo le gioie... e purtroppo questa somatizzazione mi ha portato ad essere sempre più forte, sempre più dura, fatemi male, che tanto non mi fate niente!
io lo so che non è così, ma a quasi trent'anni ormai come si cambia?
certe volte vorrei avere la debolezza di versare tutte le mie lacrime in una camera, da sola al buio, ma non ci riesco, non ne sono capace, mi sento di dover sorreggere lui, è lui quello che ora ha bisogno, è lui quello che si farebbe trovare impreparato, e questa è la mia croce...

giovedì 31 gennaio 2013

il primo passo è stato fatto

ieri sono stata dal nutrizionista e con soddisfazione ho apreso che è anche biologo.
al contrario dell'altra questo non mi ha parlato di fare sport, di cosa mangiavo durante la giornata o di qual è il mio lavoro, per valutare la quantità di calorie.
no, lui mi ha chiesto subito quali sono i sintomi che mi portano le intolleranze alimentari, a quelli detti da me ne ha aggiunti altri, che io mai avrei associato all'alimentazione, ma che effettivamente disturbano la mia quotidianità.
siamo passati direttamente a valutare un test genetico, perchè secondo lui le mie intolleranze sono solo una conseguenza, così come il mio ovaio policistico... e che la pcos fosse metabolica lo avevo già accertato da me.
per ora mi ha detto che l'obiettivo principale è depurarmi, perchè sto più che intossicata, si vede dalla pelle, si vede dai capelli, si vede dalla tensione addominale, si vede anche da tante altre cose.
a giorni mi manderà il piano alimentare, nel frattempo devo togliere tanti alimenti, perchè sospetta (è quasi certo, manca solo la prova) allergia a nichel e lattosio; inoltre mi ha consigliato di togliere i latticini a mio figlio, perchè sicuramente gli ho donato questa fortuna... e prima che io gli raccontassi com'era andata l'introduzione del latte vaccino, mi ha spiegato che lui potrebbe reagire male e nei bambini la risposta non sono le emicranie o le dermatiti, ma un annullamento del sistema immunitario... oh, i conti tornano, un mese fa ho introdotto il latte fresco, una settimana senza mangiare, feci bianche da spavento, a seguire bronchite asmatica e valore delle gamma globuline bassissimo... il suo ragionamento non fa una piega e se non è un veggente, qualche base ci sarà!
io sono stata operata da piccola, avevo reflusso gastro-esofageo e mi hanno messo a posto il cardias e lui si è stupito di come mai nessuno mi avesse proposto un test genetico, anche solo un gastroprotettore, un esame per allergia al lattosio, no, niente di tutto ciò, mai... quello che so l'ho acquisito da autodidatta!
tutto ciò avvalora la sua tesi, i conti tornano sempre più.
insomma, mi ha fatto proprio una bella impressione, perchè per la prima volta non mi hanno detto: eh, a pranzo max 80 gr di pasta con un sugo semplice o delle verdure e se proprio non ce la fa una spolverata di parmigiano, no, non abbiamo parlato di niente di tutto ciò, ovviamente mi ha detto di togliere determinate cose, ma per i miei problemi, non per la dieta.
che dire, sono soddisfatta, perchè ha dato risposte alle mie domande, anzi, a volte le sue risposte arrivavano senza le mie domande.
il peso per lui è una conseguenza, a monte dobbiamo risolvere altri problemi, io ci sto!
sono contenta e appagata di questo nuovo progetto, perchè so che finalmente non dovrò più temere quella schifosa dermatite in testa, che a guardarla può sembrare forfora, quelle pellicine sulle sopracciglia o nelle orecchie, che magari qualcuno mi sta vicino e pensa: certo che un cotton fioc stamattina te lo potevi pure passare,  nè dovrò correre a casa a calarmi una bustina di aulin perchè la testa mi sta scoppiando...
sono molto fiduciosa, lo adoro già sto dottore... che poi, lasciatevelo dire, è pure un ragazzo niente male ;)


martedì 29 gennaio 2013

sono ancora viva!!!!

è una vita che non entro, o meglio, di entrare sono entrata, ma non ho mai avuto tempo a sufficienza per scrivere.
dove eravamo rimasti?
boh, non me lo ricordo più, comunque ormai da 4 mesi il ranocchio e la sua mamma combattono contro una fastidiosissima bronchite asmatica, che il pediatra aveva attribuito a qualche allergia... e invece no, oggi abbiamo ritirato i referti degli esami ed è tutto negativo, per fortuna aggiungerei!!!
io sto sempre qua con la mia pancia vuota, almeno però sto mese il ciclo è tornato dopo SOLI 29 giorni.
ho iniziato il nuovo lavoro, ma in realtà da una settimana sto a casa perchè mi sono fracassata un dito con la portiera dell'automobile e quindi vado girando con una mezza stecca al dito che non si può guardare..
quest'anno mi ero ripromessa di non stilare la lista dei buoni propositi e così è stato, perchè poi è troppo una delusione arrivare a dicembre e vedere che ben che vada ne hai portato a termine uno tra i tanti.
ho deciso di vivere giorno per giorno e ho capito che un obiettivo da raggiungere c'era, il primo anello di una lunga catena. tutto il resto saranno bellissime conseguenze, ma un passo lo devo fare, devo dimagrire, ma non devo solo perdere peso, devo mangiare bene, SOLO quello che posso mangiare e mi sono resa conto che da quando c'è il bambino non sono capace di farlo, di organizzarmi, di scegliere dalla lista quello che è più giusto. così ho deciso di farmi seguire, domani ho appuntamento con un nutrizionista che si occupa di allergie e intolleranza alimentari, non come quella di un anno fa che mi diceva: ma tanto se ne mangi poco non ti fa male!, non è vero che non mi fa male!!!!
sono molto fiduciosa, perchè so che quando riuscivo ad escludere tutti i cibi NO andava tutto bene, stavo bene, ero dimagrita e quando ho deciso che era arrivato il momento di accogliere daniele, la cicogna stava volando proprio sopra di me.
non sarà facile, perchè gestire tante cose non è mai facile, ho chiesto aiuto proprio per questo motivo.
intanto incrociamo le dita e speriamo che questo nuovo anno mi porterà quello che più desidero.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...