giovedì 27 febbraio 2014

Quasi quasi mi metto un corno al collo

Che ve lo dico a fa??
Sei giorni di ospedale col piccolo, bronchiolite passata a broncopolmonite, è pieno di buchi ovunque, tra prelievi e antibiotici intramuscolo, uno strazio...
Dormiva ancora e gli ficcavano il termometro nell'orecchio, pianti e urla, lo calmavo, il tempo di chiudere gli occhi e puntura di amplicillina e cortisone, lo allattavo e si riaddormentava, mezz'ora e c'era la visita...e via così tutto il giorno.

lunedì 17 febbraio 2014

Il che ce lo facciamo mancare #3? Anche no

Dove eravamo rimasti? Chi era della catena di sant'Antonio che stava male?
Perché ormai ho perso il conto, e pure il conto in banca, che tra tutti i soldi lasciati tra medici e farmacia...vabbe, lasciamo perdere va...
Ah, ecco, parlavo di San Valentino, ora ricordo, quindi il peggio doveva ancora venire.
Dopo la bella cenetta romantica, tra una capricciosa e una salame piccante bianca, tra un brindisi con coca cola senza caffeina e un cremino come dessert, presente il gelato?beh, dicevo, dopo queste esperienze travolgenti, io a letto col piccolo e lui in camera col grande.
Una nottata tranquilla, tutto sommato si è dormito, ma alle 6 e 40 squilla il mio telefono, ma cazzo chiami? Affacciati sulle scale e urla: scendi che Daniele c'ha la febbre.
Dopo ben sei giorni di augmentin il piccoletto ha di nuovo il battito accelerato e le guanciotte rosse: 39,3...
Nella mia testa le peggio paranoie:  e questo ha la broncopolmonite, e mo lo ricoverano, e mo devo togliere il latte a Niccolò perché come faccio con lui in ospedale.

venerdì 14 febbraio 2014

Il nostro San Valentino

Oddio che casino certe volte.
Quest'anno volevo festeggiare in famiglia la festa degli innamorati, perché da ragazzini era una scusa in più per uscire e stare solo io e lui, ma ora siamo noi quattro, e questa è la vera festa.
La realtà però è sempre diversa, e alla fine ce ne staremo noi 3 a mangiare pizza al piatto comprata, una bottiglia di coca cola senza caffeina e il piccolo che speriamo stia buono.
Dopo la mia febbre, durata due giorni, superando i 39, è arrivata quella del ranocchio, che è stata sui 40 fissi per tre giorni e, per concludere, è arrivata quella di marito, che chiunque ha un uomo affianco sa che è la peggiore delle disgrazie.
Insomma una settimana da schifo!
Una settimana senza uscire mai, trascorsa in pigiama per la maggior parte del tempo, a cullare il grande, che finalmente con la febbre altissima si è lasciato coccolare per ore intere, il piccolo che per fortuna si è lasciato ignorare, povero piccolo. È stato due giorni con lo stesso vestito, mai successo, e infatti quando mi sono accorta che non l'ho nemmeno cambiato mi son sentita una merda, ma tant'è, non ce l'ho fatta.
Ho ancora da comprare il vestito per il battesimo e da definire il menù al ristorante, ma penso che Daniele non tornerà all'asilo nemmeno lunedì, vedremo come fare.
Avrei pure da fare un paio di post per due nuovi premi che mi hanno assegnato (GRAZIE)!
Ma in primis voglio fare una passeggiata all'aria aperta, devo riprendermi..
Buon s.Valentino

venerdì 7 febbraio 2014

E che ce lo facciamo mancare?? #2

Per la terza volta da quando ho partorito, stasera febbre e influenza...io che non avevo la febbre da cinque anni...
Che dite? È il caso di prendere qualche integratore?

giovedì 6 febbraio 2014

Piccoli bimbi crescono

Eh già, c'è un momento in cui realizzi che i tuoi piccoli stanno crescendo, e si, ok, cerchi di non pensare che sei perfettamente a metà tra i trenta e i trentuno, ma guardi la peste e improvvisamente apri gli occhi, da un po' fa frasi molto lunghe, si, vabbe, non sta zitto un attimo, comunque dicevo, ormai puoi farci tranquillamente un discorso, anche se poi fa un capriccio tremendo perché su you tube vuol vedere gli "amambit" e tu ci metti un'ora a capire che sta parlando di quei deficienti dei teletubbies...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...