sabato 1 marzo 2014

Metamorfosi di una mamma

Chi di noi non ha l'immagine della nonnina dolce e premurosa, che ti imbocca e ti dice: mangia che poi diventi grande, che ti fa trovare sempre il suo ciambellone quando vai, che nascondeva diecimila lire nel reggiseno, chiuse in un fazzoletto e te le dava quando tutti erano lì nei paraggi, ma lei riusciva a non farsi vedere.
Quella che se rischiavi due sberle,che oggi guai a nominarle, ma che ieri erano parte di una educazione che si rispetti, lei ti proteggeva e te la scampavi.
Quella pure, diciamocelo, un po' rompipalle, che ti imbacuccava prima di uscire, perché poi ti ammali, che ogni due minuti si affacciava al balcone a controllare se c'eri o eri scappata sulla strada, perché se ti fai male chi la sente tua madre...
Io ho la fortuna di avercela una nonnina così, ha quasi 87 anni e io la adoro, con le sue mani dalla pelle sempre liscia, consumata dal lavoro, con i suoi capelli biondo cenere sempre perfetti, che lei inonda di lacca splend'or, e mia cugina che vive con lei fa la parrucchiera, ma come splend'or niente mai, con i suo occhi azzurro cielo che solo a guardarli ti raccontano una vita.
Lei che non arriva al metro e cinquanta e man mano che crescevo era il mio metro di paragone, che mi ripeteva: figlia mia,non ci vuole tanto a superarmi!

Gli altri nonni li ho vissuti poco, uno è morto prima che io nascessi, gli altri tra i miei quattro e cinque anni, ma con lei ho avuto quello che mi spettava.
C'è da dire che lei mi adora, come adora mio marito e i miei figli, però non sta zitta mai, quando vado a trovarla mi viene il mal di testa, sempre che devi mangiare, sempre che stressa Daniele per paura che si faccia male, o che si raffreddi o che non mangi abbastanza...insomma é una nonna!
Da piccola ricordo che mia madre la riprendeva: mà, non mi prendere la testa, lo so che li devo coprire, lo so che questo e che quello....
Da piccola!
Poi sono cresciuta, sono diventata mamma pure io e lei, mia madre...si è magicamente trasformata in nonna...
E quindi mi assilla perché mio figlio non deve girare a piedi nudi per casa, e provaci tu a tenergli i calzini, io dopo la terza volta che li toglie mollo, che ci vuole il cappello anche con 18 gradi, perché lui soffre di otite...e mettigli la sciarpa che sennò respira l'aria fredda O_o
Ieri a cena da lei, lui che si era appena svegliato, gli ha proposto le polpette, la pasta, il prosciutto, la banana, le fragole, il parmigiano, il pane con l'olio, l'ovetto kinder e lo yogurt che è riuscita a fargli mangiare mentre lui stava seduto sul piano della cucina e lei gli cantava comare coccodè...
Ridatemi la mia mamma, quella che a sei anni mi comprava le mutande a vita bassa e mia nonna: guarda che con quelle le si raffredda la pancia!!!

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...