sabato 30 agosto 2014

Domani

Ho già detto di avere tanti sensi di colpa verso ranocchio piccolo?
Ecco, in primis perché fino al parto ho sperato avessero sbagliato il sesso, pur avendo una bellissima foto in 3D che mostrava la sua perfezione, senso di colpa che è cresciuto a dismisura quando ho visto la sua frequenza cardiaca salire vertiginosamente e scendere giù a capofitto e si è deciso per un cesareo, per evitare l'urgenza...e già qui mi sono sentita una cacca!
Poi però tutto è passato, mi sono innamorata immediatamente di quel ciccetto con gli occhi vispi, cosa che col fratello non è accaduta...
A soli 3 mesi e mezzo ho dovuto traumatizzarlo 6 giorni in ospedale, punture, visite, nessun rispetto per i suoi orari, davvero un massacro per una broncopolmonite, e poco conta se era virale e i neonati reagiscono

Come è normale che sia, a 6 mesi ci siamo resi conto che ancora non aveva nessun gioco, giusto qualche sonaglietto di seconda mano, col fratello, all'epoca, occorreva già l'intervento dei vigili del fuoco per salvarci...
Passa ore nel passeggino o per terra, senza esser preso mai in braccio e in questo sono fortunatissima perché lui è bravissimo, gli basta un peluche e te lo scordi per ore, quando il fratello richiede la presenza costante e non si accontenta che da lontano gli rispondi sisi...
Di dani, complice il periodo in cui è nato, ho potuto assistere a tutte le tappe più importanti, ha compiuto un anno a maggio, io sono tornata a lavoro ad aprile e per forza di cose, abbiamo iniziato il nido che aveva già 17 mesi, quindi era già abbastanza autonomo, mentre per lui domani si comincia, non ha ancora 10 mesi, ma lo hanno preso al comunale, così io i primi di ottobre rientro al lavoro, risparmiandomi gli ultimi tre mesi di facoltativa che magari mi sfrutterò la prossima estate...
E mi fa una tenerezza incredibile, perché ora quando vede persone che non conosce fa il musetto e piange, non cammina ancora e non gattona nemmeno, me lo immagino spaesato, seduto sul seggiolone...
E per finire, abbiamo deciso di lasciarlo fino alle 16:30...l'alternativa era andare a prenderlo prima di pranzo, ma coi turni non va bene, mentre con grande, al privato, potevo lasciarlo un'ora in più quando serviva, qua questa elasticità non c'è... quindi mentre dani il pomeriggio lo passava a casa, per lui non sarà così...
Che ve lo dico a fare? Mi sembra così piccolo per lasciarlo andare, ma non ho scelta...
Però con marito abbiamo deciso, non appena dovesse mostrare qualche cambiamento, lo terrei a casa, almeno fino al nuovo anno e poi magari a gennaio lo inserisco nello stesso nido dove è andato dani.
Rassicuratemi, raccontatemi le vostre esperienze con bimbi così piccoli...ne ho davvero bisogno...
così...il fratello si è beccato il primo raffreddore a 16 mesi!

mercoledì 27 agosto 2014

L'altro ieri giravo su facebook, quando leggo una notizia, un ragazzo di 29 anni, della mia zona, è rimasto sotto un trattore che si è ribaltato, morto sul colpo.
Inutile dire che è stato un brutto colpo, insomma, potrebbe capitare a tutti, ma quando vedi che succede ad un ragazzo così giovane, che ha ancora tutta la vita davanti, ti scatta qualcosa dentro. Vedere che è successo a pochi chilometri da casa tua fa ancora più strano, è come se ti sentissi più toccata, un po' come se lo conoscessi.
Poi guardi il suo profilo e vedi che è sposato da poco più di due mesi, guardi le foto e vedi quella luce negli occhi, vedi la gioia che hanno provato, lui e la sua giovane sposa fino a qualche giorno prima e ti viene un crampo allo stomaco...

sabato 23 agosto 2014

Di teletubbies e altre parole più o meno difficili

Temevo arrivasse questo momento, anche se poi, sotto sotto, mi giro di 180 gradi e non mi faccio vedere, mi fa troppo ridere...madre degenere!!!
Tu vedi quello scriciolo di tre anni e qualche mese che col dito puntato ti dice: adesso mi ascolti, perché ti devo dire una cosa mbottante. E niente, devi sorbirti tutto il discorso, che tanto alla fine va a finire sempre che vuole il gelato, ma guai a distrarsi, perché ricomincia da capo.

mercoledì 13 agosto 2014

La rinascita

Dopo una gravidanza capita, almeno a me, che ci sia un periodo in cui non si fa caso al fisico che fa schifo, ti guardi allo specchio e ti dici che quelli sono i segni della nuova vita appena arrivata.
Risucchiati da un vortice, dal sonno, dalla fame che siccome non sai se potrai pranzare degnamente, ingurgiti tutto ciò che è commestibile, dai nuovi ritmi che ti fanno sembrare le tue giornate molto più corte, improvvisamente, e tu non trovi spazio per te, per tirarti quelle due -seee, magari- sopracciglia, per guardarti in santa pace un film sul divano, per rinnovare il guardaroba, che non so se alle altre mamme è capitato, ma a me quelle poche cose che rientravano dopo il parto, non mi piacevano più e mi sono chiesta, sempre davanti allo specchio: ma io co sta maglia andavo in giro?
Poi arriva il momento in cui capisci che quel tempo non vuoi trovarlo, perché tanto pure che ti passi la piastra, sempre cessa sei, e che ci vai a fare a comprare un vestito nuovo, che tanto pure che ti piace qualcosa, addosso a te fa schifo...

domenica 3 agosto 2014

L'avevo detto che mi puzzava

E si, mia cognata era incinta, facendo due conti era intorno al settimo mese, e domani nascerà il suo secondo figlio, un maschio... tutto questo ovviamente l'ho scoperto spiando qua e là, decifrando commenti e link... quindi qua i commenti li risparmio...
Mi viene solo da pensare al post pieno di amore che scrissi quando nacque la prima figlia...che scema che ero!!!
Oggi tante cose sono più chiare...e soprattutto io ci casco sempre!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...