venerdì 4 settembre 2015

L'ha fatto di nuovo!

Non ricordo quanto tempo fa, ma l'ho fatto. Ne ho parlato qui sul blog... un mattino mio marito tornò a casa disperato, perché aveva perso la fede...gli andò bene perché era rimasta nell'asciugamano mentre si lavava al mattino.
Noi ci teniamo alla fede, è il simbolo di noi, entrambi la abbiamo al dito da quel 10 luglio 2010. Non serve un anello per giurarsi amore e rispetto, eravamo veri e sinceri l'uno con l'altro anche prima, ma per noi la fede è importante, punto.
Sono riuscita a non toglierla nemmeno durante le due gravidanze, perché non ho avuto mani particolarmente gonfie e considerando che mi va bella comoda, l'ho tenuta per tutti i nove mesi.
Ieri mattina invece, mentre io cucinavo, arriva marito con una faccia da cadavere: non sai cosa è successo....
Panico.
Chi è morto? Chi sta male? Ti sei fatto male?

Mi è caduta la fede mentre ero nell'orto, l'ho cercata due ore con M. Ma niente, non l'ho trovata.
Ma vaffanculo, con questa faccia mi hai fatto venire un infarto!
E vabbe, paranoie a non finire, anche a rifarla non è la stessa, e io non ci so stare senza -e infine- e che cazzo, non bastavano nido, mensa, assicurazione auto e abbonamento in piscina questo mese, mo pure 300 e passa euro per la fede.
E poi il mio lampo di genio: non conosci nessuno che ha il metal detector? Tanto se l'hai persa là, là sta.
Chiediamo al vicino di casa se conosce qualcuno, ma niente...
Poi si ricorda dell'amico di un amico con cui tre anni fa era andato a pesca due volte, che gli aveva raccontato di come la notte se ne andava a cercare monetine sulla spiaggia (?!).
Abbastanza sfiduciato lo ha chiamato nel pomeriggio, stamattina sarebbe venuto.
Il problema è che aveva bruciato tutte le sterpaglie e poi aveva lavorato il terreno  con la motozappa, quindi ecco....se era finita nel fuoco amen...
Invece stamattina mentre ero a lavoro mi arriva la foto su whatsapp del suo anulare con la fede.
Era 10 cm sottoterra, quindi col cavolo che l'avremmo mai trovata!!!
E anche stavolta gli è andata bene, ma se tanto mi da tanto e non c'è due senza tre...cominciamo a metter da parte i soldi!

martedì 1 settembre 2015

settembre

Mai come quest'anno... è finito tutto senza che me ne accorgessi, è finita l'estate senza che io l'abbia mai vissuta davvero.
Giugno l'ho vissuto cercando di organizzarmi per i due mesi che mi stavano aspettando, mi sono fasciata la testa a pensare come avrei potuto tappare i buchi, incastrando il mio lavoro, quello di mio marito e i bimbi costantemente a casa. Poi tra capo e collo è arrivata la mazzata di mia madre, e si è portata via tutto luglio, tra attesa, intervento e post... ad agosto il mio compleanno, che se vi devo dire come l'ho trascorso non me lo manco ricordo, ferragosto a lavoro, col collega che non è venuto a darmi il cambio e dalle sette del mattino sono riuscita ad unirmi ai festeggiamenti in campeggio che erano le cinque e mezza passate.. e passato il 15 la mia testa sta già alla ripresa della solita vita, sebbene le mie ferie siano iniziate il 18 e durano ancora...
Che vi devo dire? Grossi ricordi non ne ho, qualche grigliata come sj deve, tante chiacchiere nella mia piazzola, che era il punto di incontro tra noi e i vicini, finalmente con bimbi autonomi che giocavano senza fare troppi danni, tanto caldo e tanta voglia di fermare il tempo.
Oggi il piccolo ha ripreso il nido, è entrato piangendo, l'ho lasciato urlante, l'ho ritrovato dopo un'ora nel passeggino, mentre gli altri bimbi giocavano all'aperto, incazzato col mondo intero. Ci ha messo dieci minuti per abbracciarmi e darmi uno dei suoi baci sbavosi e rumorosi.
Tra meno di due settimane anche il grande riprenderà la sua routine, giovedì abbiamo la prova in piscina, e mi incanto a guardare i suoi occhi emozionati mentre sfoggia cuffia e occhialini per casa. Sta crescendo, è un piccolo uomo, testardo e dolce, maturo e logorroico, educato e casinista, un mix perfetto.
Il piccolo in compenso sta entrando di corsa nei terribili due, con tanto di scatti nervosi, capricci e lacrimoni, un piccolo dittatore a cui io non so resistere.
E niente, finalmente lunedì si torna in palestra e l'aver preso due pantaloncini xs al decathlon mi inorgoglisce non poco, sebbene i cosciotti ci siano ancora.
Anche qui, mi guardo allo specchio e mi vedo più grossa di prima, sebbene sia rientrata comodamente in una taglia 42.
Ho deciso di abbandonare gli occhiali, mi do alle lenti a contatto, che finora riservavo alla domenica. Non le sopporto più quelle lenti perennemente sporche di ditate dei bimbi, con la montatura che scende e con l'allergia che mi provoca, che poi solo dio sa a cosa, visto che i test sono negativi!
E allora...ho riassunto la mia estate in poche righe...
Ho tralasciato l'inizio di un'amicizia, la mia vicina di piazzola, con la figlia che è diventata la fidanzata del mio e un piccoletto che si porta due mesi col mio piccolo...qualche parola di circostanza, non sono una che attacca subito bottone...e poi ci ritroviamo che abita a un km da casa mia, la figlia va all'asilo con dani e il piccolo oggi ha iniziato il nido con chichi... non mi aspetto mai troppo, parto sempre coi piedi di piombo, però per il momento mi piace.
E mi piace anche avere una amica con i miei stessi orari e i miei stessi problemi, perché non devo stare a spiegare che il piccolo dorme e allora devo ritardare un po' quel caffè, senza farmi paranoie perché possa sembrare una scusa...
Marito insiste per il terzo figlio, io non so se lo vorrò mai, metto sulla bilancia i pro e i contro e troppo spesso pende dalla parte del no. Si, ok, una bella bimba mi piacerebbe, ma con i miei ometti ho molto più di quello che avrei potuto sognare...
E come al solito parto per raccontare una cosa e finisco con lo scrivere tremila cose, senza seguire un filo logico...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...