giovedì 15 dicembre 2016

La verità viene a galla

Ieri mattina dovevo fare il prelievo, in realtà avrei dovuto farlo più di un mese fa, ma poi tra la macchina rotta, le varie influenze e i turni di marito che non coincidevano ho rimandato. In realtà mi sento un pochino una cacchetta perché questa è la seconda volta che faccio gli esami del sangue e sono al settimo mese, con gli altri due almeno la toxo la controllavo ogni mese/mese e mezzo. Comunque i risultati sono già arrivati e sono perfetti, glicemia bassa, ferro alto, urinocoltura negativa, toxo e citomegalovirus negativi, emocromo eccellente...va tutto bene e li ho già inviati via whatsapp al mio supergin!
Cmq, mannaggia a me che mi perdo sempre!, dicevo, ieri mattina avevo il prelievo da fare e ovviamente ci siamo svegliati tardissimo, così mentre io mi impegnavo a raccogliere un campione sterile di pipì che non ci riesco 8 volte su 10, marito ha pensato a far fare colazione alle pesti, poi li abbiamo preparati e come non succede mai, li abbiamo accompagnati noi all'asilo alle 8:55, appena appena in tempo. Pietro ha portato dani e io mi sono occupata della cozza, gli ho tolto il giubbotto, ho preso il buono per la mensa e gli ho dato un bacino per salutarlo, ho salutato la maestra e sTavo andando via, quando lei mi ha chiamata dicendo che doveva parlarmi... e mo che succede?
Devo fare un piccolo passo indietro, perché non ho mai raccontato com'è finita la storia di questa maestra e della famosa riunione: durante questa un gruppetto di mamme ha fatto gruppo tirandosi fuori da tutte le accuse, una di queste ci ha informate di aver chiarito da sola con la maestra, e come sempre succede nessuna che parlava di tutto lo schifo emerso sul gruppo di classe. Io che non mi faccio mai i cavoli miei ho iniziato ad esporre la punta dell'iceberg ea chiedere come Mai a me venisse detto che non c'era alcun problema e che chichi era un coccolone, mentre sul gruppo alcune mamme scrivevano che al mattino lui stava sempre sulla sedia in punizione. Le maestre, entrambe presenti, hanno sbarrato gli occhi ed è venuto fuori che in pratica lui è il cocchetto che al mattino vuole stare un po' li seduto vicino a loro e che appunto non c'è alcun problema, che nel gruppo fa la sua parte, ma assolutamente non ha alcun problema a stare in classe. Poi queste mamme "mi dissocio" hanno iniziato a tirar fuori le conversazioni e a leggerle ad alta voce, facendo nomi e sostenendo che chi aveva scritto doveva assumersi la responsabilità. Io non ero d'accordo, perché essendo tra gente presumibilmente matura, dal momento che eravamo lì il problema si affrontava insieme, senza far processi a nessuno. Una mamma, che poi era quella che aveva fatto accuse più pesanti, aveva mandato il compagno e ovviamente lui è diventato il capro espiatorio della situazione, non essendo nemmeno al corrente di tutte le conversazioni. La maestra ha chiarito tutti i dubbi, ci ha detto che era profondamente amareggiata perché anche se potevano esserci atteggiamenti ritenuti non idonei sarebbe stato giusto affrontarli sul momento e non farne un caso di stato. Per quanto mi riguardava ho detto che c'era molta ipocrisia, che chi aveva scritto poi non parlava e che avevamo fatto una pessima figura a mostrarci così in quell'occasione.
Sul momento mi era parso che la maestra non avesse ben capito i miei dubbi e li aveva visti come accuse, quindi il mattino seguente accompagnai Niccolò all'asilo per parlare con la maestra, ma non la trovai perché c'era di pomeriggio. Poi sono stati male, sono stata male io, lunedì sciopero, martedì assemblea sindacale ed ecco che arriviamo a ieri, quando questa maestra mi chiama....
La mamma che non si era presentata in riunione e contro cui il gruppetto aveva puntato il dito aveva fatto leggere interamente la conversazione a questa maestra e non solo quello che faceva comodo, cosicché lei aveva un quadro chiaro di tutto quello che era stato detto.
La maestra ha capito da cosa è scaturito tutto questo putiferio e si è detta dispiaciuta perché in mezzo al covo chi si tirava fuori era proprio chi aveva scatenato il tutto. Mi ha detto che aveva capito adesso le mie parole e mi ha ringraziata per la coerenza perché anche mentre si facevano accuse pesanti io ho continuato a seguire la mia linea e a chiedere alle altre mamme di aspettare e vedere cosa avesse da dirci lei in merito. Mi ha detto tante cose e che ci teneva a parlare con me perché effettivamente quella sera mi aveva fraintesa, ha ribadito che mio figlio non da problemi, è un bimbetto educato anche se molto vivace, che sa farsi volere bene.
Che dire? Mi ha fatto piacere tutto ciò,  perché la verità è venuta fuori, perché il gruppo non sempre vince e soprattutto perché il tutto era un fuoco di paglia. ..
Uscita da lì poi c'era il bidello, novità di quest'anno che ha sconvolto tutti, hanno fatto le guerre assurde perché non volevano il maschio a pulire le bimbe, ma il preside ha detto che lui è una figura addetta a quel lavoro così come l'altra, sta lì per lavorare e lì rimane. Che poi ho saputo che lo avevano accusato di cose schifose e io che mi fido molto delle mie sensazioni lo vedo di una dolcezza incredibile, è lui il primo a sentirsi in imbarazzo sapendo che non è ben visto. Io non ho ancora figlie femmine e quindi non so se mi darebbe fastidio, però ad oggi non vedo davvero il problema, così non andiamo da nessuna parte se non abbiamo un briciolo di fiducia verso il prossimo.
Mentre andavo via il bidello mi ha salutata con un sorriso e mi ha detto: io Niccolò me lo coccolo sempre, è troppo dolce e gli voglio tanto bene... io avevo gli occhi lucidi perché voglio credere e credo ancora che esistano le persone buone e sono felice che i miei figli possano averne accanto...
Quando è tornato gli ho chiesto: ma tu gli vuoi bene a g.? E lui mi ha risposto: si, io voio tanto bene a g.  Per me questo conta!

sabato 10 dicembre 2016

Cambiamenti

In questa settimana trascorsa tra queste quattro mura ho avuto modo di guardarmi dentro, di giorno e ancor più di notte, quando ormai passo almeno due ore nel letto a rigirarmi, senza vocine urlanti, cullata dalla melodia dei loro respiri e presa a calci da questa piccola vita che ogni giorno mi ricorda che manca davvero poco perché la mia famiglia raggiunga la perfezione.
Ho pensato che da una parte inizio ad essere veramente stanca, lunedì ci affacciamo al settimo mese e le caviglie si gonfiano, la pancia ormai è un pancione ingombrante che mi rende un'impresa anche raccogliere i giochi a terra, il fiato si fa sempre più corto e il reflusso è il mio miglior amico. Dall'altra parte c'è una strana serenità, l'aver più o meno ripreso i rapporti con la famiglia di mio marito, il sapere che lui di sicuro è felice che i suoi genitori facciano parte della vita dei nostri figli, mio fratello che piano piano sta ammettendo i suoi sbagli, che io lo so che davanti allo specchio se li è visti tutti stampati addosso e per me è questo quello che conta veramente, poi che lo ammetta con me e faccia i primi passi a me cambia poco. Forse è proprio vero che siamo noi ad attirarci positività e negatività nella vita e questa mia tranquillità scaccia il male da sé.
Poi vabbe ci sono mia cugina e mia zia che passo a trovare mia nonna e nemmeno una parola sull'arrivo di asia, ma sti cazzi, non stanno vivendo un bel momento e voglio anche capire quel pizzico di invidia perché la mia vita è apparentemente tutta rose e fiori.
A completare questo quadro giovedì sera mi arriva una notifica su fb, un mio contatto ha aperto un profilo. Io in realtà quel contatto in rubrica non ce l'ho, forse starà sulla memoria Sim,  imboscato chissà dove, ma a me non appare, anche se quel numero lo conosco a memoria, da prima di ricordare il mio. Negli anni passati ho fatto più volte quel numero di quanto non avessi fatto quello del mio allora fidanzato, a quel numero sono associati ricordi indelebili, tanti brutti, ma tanti stupendi, della spensieratezza della mia gioventù. Non faccio in tempo a dare una sbirciata a quel profilo, vedo che ha solo 3 amici, il marito, la madre e una ragazza che non so chi sia, quando mi arriva la richiesta di amicizia. Ecco, mi si è stampato un sorriso in faccia, perché dopo quasi 10 anni che se ci vediamo cerchiamo di evitarci o se proprio non riusciamo non andiamo oltre un saluto di circostanza, se ha pensato subito a me, cosa che io col mio orgoglio non avrei mai fatto!, vuol dire che forse forse questo tempo non ci ha allontanate. Abbiamo giocato ad essere forti e ad ignorarci sapendo e volendo far male l'una all'altra in questo modo. Intanto siamo diventate mamme, lei da 5 mesi, e forse è vero che con la maternità si rivedono le priorità nella vita. Magari mi sono fatta tutta un film, da pippona paranoica che sono, magari ha premuto quel tasto con leggerezza senza pensare troppo oppure solo per mostrare che comunque è felice anche senza di me...boh...chi lo sa!
A me ha fatto piacere e solo il tempo ci dirà se quel posto che non sono mai più riuscita a rimpiazzare se lo riprende di forza la mia migliore amica...

venerdì 2 dicembre 2016

Lunedì pomeriggio ci sarà la riunione all'asilo. Devo essere sincera, di dani non sono mai andata perché o capitava sempre che io facessi pomeriggio o avevo i bimbi malati o pioveva e non avevo voglia di portarmi dietro tutti e due. Ma lui non ha mai dato particolari problemi, è un bimbetto educato e ubbidiente, a scuola...
Per chichi invece ci sono grossi problemi...
 In pratica quest'anno hanno mischiato le maestre perché in una sezione si lamentavano sempre di queste due che erano troppo severe, che li facevano lavorare poco ecc... una di queste due è capitata nella classe di Niccolò.
Ora siccome io non sono una che al mattino sta fuori al piazzale a far chiacchiere, anche perché i miei spesso vanno col pulmino, sto sempre un po' fuori dal mondo...
Però purtroppo ci sono i mitici gruppi whatsapp!
Comunque quando è capitato di andare a scuola e chiedere come andavano le cose, una maestra mi ha sempre detto che il mio è un bambino delizioso, coccolone e socievole e l'altra semplicemente che Era tutto ok.
A casa domando se sta bene con le maestre, se gli vuole bene e lui inizia a dirmi che a una da i baci e le vuole bene, all'altra no perché è sempre arrabbiata, ma lui è sereno e quindi amen.
Finché inizia a tornare a casa sempre con i graffi, lividi, ferite in faccia e interpretando la sua lingua capisco che è un bimbo piccolo come lui che picchia tutti, chiedo conferma ad alcune mamme e alle maestre e la ottengo.
La rappresentante sul gruppo chiede alle mamme come va e io che non conosco nessuna delle mamme o quasi, senza fare nomi, dico che chichi torna sempre ammaccato per via di un altro bimbo e che lui ha una netta preferenza per una maestra rispetto ad un'altra. Insomma man mano viene fuori che questa maestra non si comporta affatto bene, tiene la porta chiusa, sta spesso al cellulare e i bambini li fa stare a braccia conserte immobili fino alla merenda. Partono le proposte più assurde, denuncia ai carabinieri, appuntamento col sindaco... finché più di una mamma svela che il proprio figlio racconta che la famosa maestra da gli schiaffi sulle mani e al sedere. Niccolò ha detto che a lui non li da, ma ad altri bimbi si.
Alle mamme dei grandi questa maestra dice che i piccoli sono ingestibili, a quelle dei piccoli che si picchiano sempre, a me sempre che è tutto ok. Ora, siccome io so per certo che Niccolò non è affatto un angioletto, che morde e tira schiaffi se provocato, mi chiedo perché se viene chiesto non mi si dice la verità? E poi i bimbi piccoli sono ingestibili, certo, ma intanto hanno 3 anni ed è ovvio che stiano scoprendo adesso come si vive in società, poi se me li tieni un'ora e mezza fermi a braccia conserte voglio vedere chi non perde la pazienza! Considerando che 5 dei piccoli vengono dallo stesso nido e di là questi problemi non li hanno mai avuti, né li hanno tuttora quando si incontrano...
Adesso si è deciso di andare tutti insieme e vedere cosa ci dice questa maestra, io ho detto che per me è indifferente, sola o meno esporrò il problema. Anche perché Niccolò ha ripreso a svegliarsi la notte e piangere e in piu sta vivendo l'arrivo della sorella e quindi un momento molto delicato, visto il suo attaccamento morboso, quindi non vorrei che si dovesse traumatizzare ulteriormente per una pazza che non ha voglia di stare dietro ai capricci dei piccoli!
È facile stare con i più grandi che fanno costruzioni, colorano e ti portano la tazzina di caffè, ma non è quello, non è solo quello, il tuo lavoro!
Lunedì se non finisco in questura vi aggiorno...

venerdì 18 novembre 2016

Finalmente la sala e l'ingresso sono finiti, sono venuti veramente belli...adesso non rimane che pulire...
Ho portato le pesti dai miei e dani voleva venir via con me perché voleva andarsene a spasso con la macchina nuova dove si vede la strada (navigatore 😂) così domattina alle 7 max siamo già all'opera. Ci attendono battiscopa, montaggio mobili e pulizia, rilavare tutti i bicchieri tazze ecc che si sono impolverati, sfoderare tutto il divano e lavarlo, lavare il mio bellissimo lampadario fatto tutto di ricci di vetro che se non lo avessi pagato un botto quando non avevo figli, gli farei fare un volo tanto è antipatico da pulire... e poi ci saranno i vetri, la scala....insomma, se riuscissi a fare anche solo la metà sarei già contenta!!!
Poi quando è tutto in ordine vi metto le foto della mia casina...

giovedì 17 novembre 2016

Pena scontata

Pare che oggi a mezzogiorno avrò di nuovo la mia libertà, mi consegnano la macchina, finalmente. Dico pare perché nel frattempo chichi ha un bel raffreddore ed essendo il weekend vicino...avete capito no?
Cmq ieri mattina sono andata all'assicurazione con la mia amica e ho fatto la polizza nuova e nonostante la cilindrata più alta e il furto e incendio che con l'altra non avevo, la cifra è minore e non può che farci piacere, visti i tempi, viste le spese in casa che adesso dovrebbero essere finite, visto che devo iniziare a pensare al corredino per asia e devo prendere due seggiolini nuovi per le pesti, perché chichi ancora viaggia nello 0-1 e non ci entra quasi più,  è un metro per 17 kg e sta leggermente compresso e per dani ho solo il rialzo che però con le nuove normative non va bene più.
E intanto ho scoperto che il venditore della concessionaria dovrà fare alcuni lavori con il signore che li sta facendo a noi e ieri mi ha detto che è un pignolo e che ha deciso tutto lui in casa... io sono rimasta a bocca aperta perché a casa mia sinceramente si decide tutto insieme, ma in genere è il mio volere quello decisivo. Non so per voi, ma mio marito ha lasciato sempre carta bianca per le scelte di mobili, tende, piastrelle, pavimenti, colore pareti...certo, ha detto la sua ma alla fine dice che la casa se la vive di più la donna e quindi noi l'abbiamo sempre vissuta così.  Che poi un po' lo avevo avevo capito che sto tizio era un po' leader, perché la prima volta ha ripetuto due volte che lui era il responsabile degli addetti alle vendite, e ci sta perché magari sei orgoglioso, vista la giovane età, di avere già una posizione. Poi è successa una cosa che mi ha fatto sorridere ma che non ho sottolineato perché alla fine chi se ne frega....
In pratica il giorno che abbiamo firmato il contratto gli ho girato le buste paga mia e di mio marito (per una parte abbiamo acceso un finanziamento) ma avevo finito i dati e via mail non riuscivo, così mi ha dato il suo numero di telefono e con whatsapp dopo mezz'ora ce l'abbiamo fatta. Da qui avendo il mio telefono ed essendo intestata a me la macchina,  per qualunque cosa ha avuto contatti con me, sia su wa e sia per chiamata. Poi martedì marito lo ha chiamato per sapere quando ce la consegnavano  e lui si è  scusato di non averlo chiamato, dicendo che non aveva il suo numero, ma solo il mio e che avrebbe  provveduto a mandarci la copia del libretto per l'assicurazione...
La sera stessa mi arriva la foto del libretto con la scritta: ti prego di girarlo a tuo marito per l'assicurazione. ... ma sei fuori? 1 adesso, avendoti chiamato il suo numero ce l'hai, 2 per quale motivo li devo girare a mio marito? La macchina è  intestata a me e quindi quei documenti servono a me...
Col senno di poi tutto torna... o questo è un geloso patologico e quindi si sente in difetto a parlare con una donna sposata, pensando che a lui darebbe fastidio se lo facesse la sua oppure non so che altro dire. C'è che comunque, boh, a casa mia ste pippe mentali non ce le siamo mai fatte, non so voi, ma io non ho mai avuto problemi a risolvermi i miei cavoli e non ci vedo nulla di male se mio marito interagisce con un'altra donna...in questo caso poi è per lavoro.... mah...
E niente, sta cosa mi ha fatto sorridere e riflettere sul fatto che affianco ho proprio l'uomo che voglio, senza mocassino e pashmina, che si fida di me e io di lui, ciecamente...

giovedì 10 novembre 2016

Voglio iniziare questo post chiedendo scusa, perché in questi ultimi tempi sono stata pesante, non è stato e forse non è tuttora un periodo facile, oltre alla morte dei miei zii in un mese, oltre alla delicata situazione che è rimasta tutta sulle spalle dei miei genitori, ci si sono messi anche dei problemi pratici. Otto giorni fa ci ha lasciati a piedi la mia macchina, così,  dal nulla, 2000 euro di danni oltre al disagio di ritrovarsi in prigione, io che sono abituata a muovermi come e quando voglio. Lunedì il funerale di mio zio e al ritorno ci ha lasciati a piedi anche la macchina di mio marito. Immaginate che problema, lui che comunque doveva andare a lavoro, con due bimbi, nessuno che poteva prestarsi la macchina...un casino... per fortuna il nostro amico meccanico già ieri sera gliel'ha ridata come nuova, 600 euro e passa la paura. Per la mia invece abbiamo deciso di ricomprarla, ha già 12 anni e a marzo una macchina più spaziosa ci farà comodo...per la prossima settimana dovrei averla sotto casa. Sabato ho ricevuto un'altra mazzata, mi ha chiamata la mia amica di Chieti,  ne ho parlato tante volte di questa famiglia, combattono con una malattia stronza da quasi 7 anni, r. Ha subito 3 operazioni, rene e polmone e giovedì ha avuto una emorragia cerebrale, in seguito alla ennesima tac hanno visto che la malattia sta vincendo ancora e forse stavolta c'è poco da fare...
E intanto abbiamo fatto la festa a chichi che era felicissimo, per la prima volta ha realmente capito che era lui il protagonista e continuava a ballare e cantare rendendomi ancor più orgogliosa di essere io la sua mamma...
Poi lunedì finalmente la morfologica, la conferma che è una femmina, che sta bene e che è una furbetta che non ha permesso al medico di farsi fotografare perché continuava a coprirsi con la mano.
Io inizio ad accusare i primi segni di stanchezza, la sera si gonfiano le caviglie e il mal di schiena è tornato come ai vecchi tempi, e vorrà dire che ridurrò i miei ritmi quando sarà il caso, domani entro al sesto mese e adesso devo attivarmi perché in settimana devo riuscire a fare analisi e curva glicemica.
Come al solito inizio il post che voglio parlare di altro e lo termino che sono andata a parare da tutt'altra parte...
Vi lascio una foto delle mie pesti con la torta e il profilo con naso a patata, marchio di fabbrica, della principessa



domenica 6 novembre 2016

Vorrei solo urlare... ma oggi dobbiamo sorridere

Oggi è il compleanno del mio patatino,  3 anni di amore immenso, 3 anni di innamoramento continuo, ogni istante un po'  di più...
E lui questa festa la merita comunque, nonostante la mia macchina sia da buttare da giovedì, nonostante domattina ho la morfologica e non so ancora come arrivarci all'aquila, nonostante la notte non si dorme, nonostante stamattina mio zio abbia smesso di soffrire...

mercoledì 2 novembre 2016

Aggiornamento

Siamo qui, a casa da una settimana, con le scuole chiuse in tutta la provincia, per ora dovrebbero riaprire lunedì,  se non ci sono altre forti scosse. Fortunatamente noi per ora non abbiamo riportato danni, solo paura. I bimbi non si sono accorti di niente, stiamo dormendo in taverna tra divano letto e brandine e qui si avvertono giusto le scosse più forti. Nel teramano però le case inagibili sono tante e chi vive in appartamento dal secondo piano in poi vive proprio nel terrore.  Niccolò la sta vivendo come una lunga vacanza, dani vede le immagini in TV,  ma non ha capito la gravità della situazione. Gente che condivide link di premonizioni catastrofiche e che scrive "scossaaaa" alla prima occasione, quasi come fosse un gioco, quando io ho pensato solo a tirare fuori i bimbi mentre tremava tutto, così,  in pigiama e senza scarpe...  siamo stati toccati già anni fa dal terremoto dell'aquila e inevitabilmente si sta qui un po' passivi, come ad aspettare non si sa cosa. Ma la vita va avanti e per fortuna coi bimbi la TV è  accesa sui cartoni o sulle canzoni di natale, così ci si pensa un po' meno, col loro giocare/litigare/cantare/urlare continuo ci si distrae un po'.
E poi però c'è la notizia di un ragazzo del mio paese, 36 anni, titolare di un bar vicino casa, che stamattina non è arrivato ad aprire il bar perché è morto contro un camion. E c'è la situazione dei miei cugini che non è facile da gestire, con mio padre che è abbastanza provato sia fisicamente che psicologicamente dalla situazione. E c'è mia zia, la sorella di mia madre, ricoverata in ospedale e mia nonna allettata a casa, con mia cugina che o sta dalla madre o sta a lavoro e mia madre che deve dividersi tra lavoro, casa di mio zio, casa di mia zia e soffre la mancanza dei nipoti, così come loro patiscono l'assenza dei nonni... e in tutto ciò la piccolina se ne sta beata in pancia, che adesso scalcia per bene come a voler ricordare che la vita vince sempre...

sabato 29 ottobre 2016

Due ore fa chiacchieravo con consu e le dicevo che la bimba si sentiva poco perché ho la placenta anteriore, solo movimenti interni...e pochi minuti fa sul divano in mezzo alle pesti, con le canzoni di natale in TV e una mano sulla pancia, i primi calcetti decisi...amore allo stato puro 😍😍
Quelle sensazioni già vissute ma sempre nuove, quelle che già so mi mancheranno ancora una volta. .. è proprio così,  che fantastica storia è la vita!

martedì 11 ottobre 2016

Uno schiaffo in pieno viso

Ieri siamo stati invitati dala mamma di un'amichetta di dani a fare merenda da loro, ha una sorellina più piccola che fino a giugno andava al nido con chichi, adesso lei entrerà a gennaio alla materna, ma non saranno nella stessa sezione. Siamo stati bene, un pomeriggio tranquillo, tanti muffin, quattro chiacchiere tra mamme e i bimbi che non hanno litigato mai, nonostante la stanchezza dopo 8 ore di scuola. Appena sono tornati a casa col pulmino li ho caricati in macchina senza togliere nemmeno il grembiulino, perché è iniziato il diluvio universale e per evitare che si inzupassero siamo andati direttamente. Una volta arrivati ho tolto il grembiulino e ho chiesto di poter lavare le mani ai bimbi, chichi subito: io a fa pipì e io ha fame, dani invece molto più educato, è andato con la sua amichetta in camera a giocare e dopo un pò è arrivato in sala che doveva far pipì. Lui è ormai autonomo, quindi gli ho detto di fare da solo, ma poi mi ha chiamato che gli era un pò scappata. Non importa, qualche goccia di pipì non ti ammazza, poi a casa ci cambiamo. Invece sono andata in bagno e l'ho trovato in piedi che aveva fatto il lago, cosa che non è mai successa, gli ho detto: Mami come mai? Ma lui mi ha guardato con due occhioni gonfi di lacrime, intanto tutti i bimbi che erano entrati in bagno e io nel panico,  non avevo il cambio perché per lui ormai non serve più...e invece forse ieri serviva! S. Mamma delle bimbe mi ha dato un cambio della figlia, l'ho cambiato, messo i panni sporchi in una busta e via, tutto come Prima.
Una volta a casa bagnetto, cena e alle otto sono crollati a letto. Stamattina ci siamo svegliati tardi, così ho dovuto accompagnarli io. Una volta a casa, mentre facevo colazione mi è tornato alla mente quello sguardo di ieri, quella espressione di chi vorrebbe piangere ma non vuole farsi vedere, quegli occhioni neri che mi entrano dentro ogni volta che lui mi guarda ed è stato come se qualcuno mi avesse tirato uno schiaffone in faccia. Perché per me lui ormai è grande, pretendo che faccia determinate cose, sono molto meno tollerante quando combina qualche guaio e mi aspetto sempre troppo. Il problema sono io che non reggo sempre la situazione, perché sono due pesti sempre a mille e ultimamente mi stanco facilmente, troppo spesso mi dimentico che non è poi così lontano da quel cucciolo piccolo che mi chiedeva attenzioni qualche tempo fa. Lui è forte, autonomo, sveglio e dolcissimo e mi sta abituando a farlo crescere troppo velocemente! Lui è un bambino di 5 anni, un bravissimo bimbo che si emoziona per una foglia che diventa rossa, per la paperella che mangia il pane che buttiamo al laghetto della villa comunale, che quando si fa forte per fare un tuffo in piedi sul trampolino la prima cosa che fa quando risale dall'acqua è guardare me con quella luce negli occhi che solo io so quanto orgoglio racchiude, non tanto perché ci è riuscito, quanto perché sa che io sono tanto felice quando affronta le sue paure.
Adesso vorrei tanto averlo qui e dirgli che per me lui è l'essere più speciale di questo mondo, anche se ha paura di un rumore nella notte, anche se quando sta colorando gli scappa il colore fuori dal bordo di un tetto, anche se la sera spesso devo aiutarlo a mettere il pigiama... è il mio bimbo e forse per me lo sarà sempre, anche se il mio compito è farlo crescere. Vorrei solo che adesso lui sapesse che io sarò sempre innamorata dei suoi denti bianchi quando sorride, dei suoi capelli lisci e spessi che superati i due centimetri dobbiamo tagliarli perché non si tengono, dei suoi piedi brutti come quelli del padre e dell'entusiasmo che mette in ogni cosa che fa...

giovedì 6 ottobre 2016

Una al terzo figlio s'immagina di essere una palla già dal test! Invece niente. Ok che ho preso pochi chili, ma la maggior parte delle persone che non lo sanno continuano a non accorgersene e chi lo sa mi djce: ma la pancia? Eh...
Tipo ieri mattina sono tornata in palestra e dopo la scheda nuova, mi sono affidata ad una istruttrice perché era quasi tutto corpo libero e io ho sempre fatto macchine e pesi... scena bellissima perché avevo lo squat con la palla dietro la schiena, poggiata al muro, allora inizio a scendere e lei: spingi un pò il sedere verso la palla e contrai l'addome. Lo faccio e lei di nuovo: ok, però contrai l'addome... non sto spingendo la pancia in fuori, sono incinta! Siamo morte dalle risate! Stamattina porto chichi all'asilo e vedo la maestra dello scorso anno di dani e le vado incontro per salutarla, visto che è stata fuori per un pò, le è morto il marito e lei: ma mi avevano detto che eri incinta, ma la pancia? Eccola!
Poi porto dani dalla dentista e lei nota il chiama angeli e allora mi chiede: oddio, ma sei incinta? Le dico di si e lei: auguri, sei proprio all'inizio? Non proprio! Sono al quinto mese... complimenti, stai benissimo... che significa sembri giusto una che ha fatto una colazione abbondante...
E vabbe, prima o poi crescerà sta panza...e se non cresce faticherò meno dopo a farla rientrare!!!
Se ci riesco vi metto una foto, che per gioco ho postato anche sulla pagina Facebook di pianeta mamma per indovinare sesso e settimane di gravidanza...

martedì 4 ottobre 2016

Questa mattina finalmente è solo mia, ho bisogno di staccare e non pensare a niente, ho bisogno di shopping e qualche risata con la mia amica.
I bimbi sono da poco saliti sul pulmino per andare all'asilo, dieci minuti di silenzio per una tazza di latte freddo, che con questo freddo un bel cappuccio caldo e schiumose ci stava tutto ma a me fa salire la nausea, quindi niente, e qualche fetta biscottata. Adesso doccia e poi si va all'ikea a cazzeggiare e al decathlon a prendere qualcosa che domani finalmente si riprende con la palestra e Asia ormai non li vuole più i vecchi leggins con l'elastico stretto in vita...anche perché diciamo pure che la vita ormai non c'è più...

lunedì 3 ottobre 2016

Un weekend che non so descrivere

Da un lato l'aver preso consapevolezza che non sto sognando, che c'è una bimba nella mia pancia, una bellissima bimba, la mia bimba. È come se di colpo tutto fosse diventato più vero, non lo so spiegare, la difficoltà a parlare al femminile di lei, perché non ci sono abituata ma anche la naturalezza perché non riuscivo a parlare di un lui, i miei uomini li ho già tutti qui con me... il suo aver iniziato a rispondere alle mie carezze, il suo muoversi quando ho bisogno di sentire che non è un sogno...
Dall'altro una serie di verità sconvolgenti,  che avevo accennato già,  ma che mai avrei immaginato essere tutte queste.
Sabato mattina abbiamo portato i bimbi da mia cognata e siamo andati a casa di mio zio, il primo colpo al cuore, lui con la sua pelle grigia e quella bocca aperta che emetteva suoni che io non capivo né a sentirli né a provare a leggere quei minimi movimenti delle labbra, lui seduto su quella poltrona con la testa penzolante da un lato, incapace di rialzarsi se non con l'aiuto di qualcuno.  Siamo stati un pò in terrazza, con mia cugina che si sfogava e mia madre che iniziava a parlarmi di cose inimmaginabili...
Poi verso le undici e mezza abbiamo deciso che io sarei andata a prendere dei panini per marito, poi a prendere i bimbi e lui sarebbe rimasto lì fino alle 3 quando sarei passata a prenderlo per portare dani in piscina.
Nel tragitto verso la piscina mio marito, sconvolto, mi ha raccontato lo sfogo di mio cugino, la violenza di una madre malata che chiudeva le serrande e impediva di aprire quando qualcuno andava a trovarli, il suo divieto ai figli di parlare di fronte agli altri, il non aver fatto curare mio zio per paura che la gente sapesse, il non aver mai fatto richiesta per una invalidità per mio zio e per mia cugina, sempre per lo stesso motivo e tante tante tante troppe cose...
Poi ieri il funerale, hanno dovuto aspettare 48 ore perché il medico non si è assunto la responsabilità di dichiarare una morte naturale, in quanto non ha mai fatto visite o esami e quindi per la morte improvvisa occorrevano due giorni, così mi ha detto mio padre.
Quanto ho pianto quando tutto è finito, dopo che tutti si sono stretti intorno a questa famiglia distrutta, dopo che tutti hanno offerto aiuto a questo ragazzo, costretto ad andare in terapia per trovare la forza di andare avanti per poi tornare a casa e avere le mani legate in tutto. Ci ha raccontato anche che non parlava da due anni col padre perché lo accusa di essere stato troppo debole da non ribellarsi alla follia della moglie.
Adesso si trova un padre allo stadio terminale, una sorella che non è possibile gestire in casa, che, per dirne una, si ciba solo di pasta condita con un cubetto di margarina...
Una tenerezza che non so descrivere, un senso di colpa tremendo per non aver capito come stavano le cose. Quando andavamo a trovarli, molto poco in realtà, non erano mai in casa. Oggi so che non era così.
Un bisogno di star vicino a questo ragazzo che mai avrei creduto potesse portarsi dentro tutta questa tragedia.
Lei cercava di tenere fuori dalla loro vita tutti, sempre per paura che sapessero ha allontanato tutti e adesso il carico più grande spetta a mio padre, mia madre e a noi, nel limite delle nostre possibilità... ma non importa. Ce la faremo, lui merita di sorridere, come in quasi 30 anni non ha mai fatto.

sabato 1 ottobre 2016

Entrare nel centro dell'aquila e rendersi conto che è una città morta, palazzi immensi abbandonati, la casa dello studente fa venire i brividi, ti viene un magone immenso...non c'ero mai stata, sempre in zone non toccate dal terremoto.
 E dopo qualche casino perché era tutta una impalcatura e dove avremmo dovuto passare era chiuso, alle 20:10 arriviamo, 3 persone davanti a noi. Un sacrificio immenso  tenere i bambini stanchi e assonnati che avrebbero dovuto essere da mia madre..ma...
Alle 21 e 10 tocca a noi, entro a mille, ma basta la voce del mio ginecologo a calmarmi, il suo sorriso, io lo amo proprio questo uomo. Domande di rito, controllo esami ok, non ha dato peso a quei valori, mi regala la cartellina per la gravidanza, bianca e rosa, le altre volte era blu e gli dico che speriamo sia di buon auspicio, mi prescrive il multicentrum da prendere e mi pesa, dall'inizio ho preso 2 kg, ottimo direi...
Mi fa spogliare e mi fa la visita, tutto ok e mi dice: aspetta a rivestirti, vediamo da sotto prima se riusciamo a vedere sto sesso, che oggi non ce ne andiamo senza vederlo... appena accende il monitor mi sembra di vedere qualcosa di troppo, mi giro verso marito che aveva visto anche lui quello che a quanto pare però era il cordone....gira e rigira ma non si vede niente, anche se non è nella posizione migliore...e questo dice essere già qualcosa...
Mi mette il gel sulla pancia e continua, già che c'è misura, 9.06 cm testa-culetto, altri minuti interminabili e poi: ecco qua, questa è proprio femmina!!! E ci fa vedere due striscette, il famoso chicco di caffè... per poi aggiungere: al 95% è femmina, ma io mi sento di dire anche più del 95, questo è merito della cartellina. Mi sono alzata dal lettino che lo avrei baciato! Pietro gli avrebbe fatto una statua proprio!!!
E niente, adesso 7 novembre morfologica, poi curva glicemica e poi ci rivediamo. Salutiamo e sul telefono vedo che ho 2 chiamate perse e 5 Chat su whatsapp che ok che avevo detto che avrei fatto sapere io, ma siamo usciti che erano le 21:45 e intanto c'erano state due scosse fortine e tutti preoccupati per noi nella città fantasma. Una fame da lupi, un freddo pazzesco e andiamo alla ricerca di un McDonald's, i bimbi felicissimi per il regalino dell'happy meal e io avevo voglia di coca cola e patatine schifose... l'hamburger un pò meno perché togli cipolla, pomodoro, insalata e formaggio, non è che rimane poi tanto, ma alla fine ho lasciato tutto, non sono abituata e mi è salita subito l'acidità. Intanto chiama genitori e amiche, rispondi ai messaggi, arriviamo a casa che è mezzanotte, bimbi che dormono e noi contenti perché nonostante tutto abbiamo goduto di questa serata solo nostra, come meritavamo e come meritava lei... e so che mia zia sarebbe stata solo contenta di questo...
Scrivo a quest'ora perché domani non so se avrò tempo...

venerdì 30 settembre 2016

Perdonatemi se vi stresso con le mie ansie, le mie sensazioni e le mie emozioni, ma solo qui adesso posso sfogarmi. ..
L'altro giorno con consu si scriveva di una frase di un film o giù di lì... io l'ho sempre pensato, per qualcuno che arriva c'è sempre qualcuno che se ne va...
Non so se ne ho parlato, forse no, perché può sembrare che io le inventi tante cose...cmq c'è il fratello di mio padre che sta male da qualche mese, ha un tumore alle ossa e gli avevano dato un paio di mesi, non cammina praticamente più di già. .. la moglie è figlia unica, non guida e ha due figli particolari, nessuno dei due lavora, mia cugina ha 38 anni, secondo me ha problemi psichici  anche se loro non ci hanno mai detto niente, ma anzi l'hanno sempre tenuta quasi nascosta questa patologia, iniziata dopo la nascita del fratello quando aveva 10 anni con anoressia, bulimia e tutta una serie di disturbi, mio cugino anche che sta in casa e non esce mai, le sue uniche uscite sono per portare il padre a fare le medicazioni e la madre a fare la spesa. Vivevano con i genitori di mia zia, non hanno problemi di soldi perché mio zio ha avuto una ditta e guadagnava bene e i suoi suoceri avevano due belle pensioni perché hanno lavorato tanti anni in svizzera. I genitori di mia zia sono morti, lui un 4 anni fa e lei a maggio... una famiglia particolare che ultimamente ha avuto un bel declino, infatti mia zia negli ultimi tempi ha fatto un bel calo... poco fa si è accasciata a terra ed è morta...

mercoledì 28 settembre 2016

Oggi ci vorrebbe proprio la frase di chichi... stamattina mi chiama la segretaria del ginecologo, ha avuto un imprevisto,credo un'urgenza in ospedale e quindi oggi pomeriggio non può visitare... poi l'ho chiamato e andrò venerdì sera a l'aquila dove in quel giorno farà ambulatorio. E niente, per oggi nessuna novità.

martedì 27 settembre 2016

E stanotte chi dorme??? Ansia a mille!!! E ve lo immaginate il ginecologo che mi dice: no, ha le gambine chiuse...
E poi domani il mio amico di Chieti deve operarsi di nuovo, dopo 5 anni e mezzo il tumore si è ripresentato di nuovo,sempre al polmone...
Mi metto a pelare le patate che è meglio, che lo so che si lessano con la buccia ma io e dani non possiamo.

lunedì 26 settembre 2016

Mercoledì ho la visita, è la terza volta che la rimando, dovevo farla il 7, ma coincideva con la translucenza, che poi mi hanno anticipato all'1, il ginecologo allora me l'ha spostata al 14, ma un pò non aveva senso spendere 100 euro dopo una sola settimana, un pò ero alla quattordicesima settimana e quindi il rischio che non si sarebbe visto il sesso e se anche ci fosse riuscito il margine di errore sarebbe stato molto più alto...e così ho spostato di due settimane ancora...
Degli altri due col cavolo che avrei aspettato tutto questo tempo!
Basta pensare che il primo prelievo l'ho fatto la scorsa settimana, e la disponibilità per il ritiro era per il 3 ottobre, ma già stamattina erano online i referti, tranne per HIV e hcv che non ho capito perché non me li fa né vedere né scaricare e quindi dovrò passare in ospedale domattina... pare tutto nella norma, tranne globuli rossi e ematocrito un pò Bassini,  ma ci sta pure, visto che ultimamente camperei di soli carboidrati, e nemmeno la bilancia ringrazia... l'unica cosa che mi da un pò pensiero è l' ft4 leggermente più basso che speriamo rientri, altrimenti mi tocca prendere l'eutirox e io non ce la posso fare ad aspettare mezz'ora per fare colazione.  Altra cosa che mi ha fatto correre su google è l'omocisteina bassa, che però ho visto non essere assolutamente un problema, anzi, alta avrebbe potuto significare tante brutte cose e quindi molto meglio bassa...
E niente... dopo un bel weekend, sabato a comprare le scarpe per me e pesti, pranzo al centro commerciale, pomeriggio riposino, piscina per dani  e poi siamo andati un paio di ore in campagna dai genitori di marito (questo merita un post a parte che conto di fare da agosto, ma non ci penso mai 😉) e poi a casa, toast e letto che eravamo tutti cotti. Domenica marito ha lavorato al mattino e io coi bimbi sono andata a trovare le mie colleghe a lavoro, i miei pazienti tutti contenti di vedermi e io sono stata bene a spettegolare un pò del concorso appena fatto, che rischia l'annullamento e a cui io sono ben felice, col senno di poi, di non aver partecipato. Il pomeriggio siamo stati in campeggio, c'era un bel sole e mentre I bimbi si divertivano a giocare sul prato tra scivoli e tiri a pallone, io e marito abbiamo caricato un pò di roba da portare a casa e sistemato le cose più grandi che andranno in garage per l'inverno.
E oggi finalmente si ricomincia con la routine, asilo per i bimbi, lavoro per marito e svacco per me ahahah scherzo! Ho da fare una lavatrice e da pulire tutta casa perché per due giorni non ho fatto niente e non so a voi, ma da me anche se non ci siamo sembra essere passato un tornado... e intanto -2...

giovedì 22 settembre 2016

Le mie pance e Max Gazzè

È stata manu, col suo post a farmici ripensare... è da tanto che penso di farci un post, tanto per darvi la conferma che con la testa non ci sto troppo...
Quando io ho bisogno di certezze mi affido alla musica, cioè, lo so che è una cazzata ma ognuno ha le sue stranezze, mentre sono in macchina mi dico:se fa questa canzone vuol dire che...
Era l'estate del 2011 ed ero al primo mese di ricerca della cicogna, ero in toelettatura e tra un cane e l'altro pensavo a quel leggero mal di schiena, mai avrei creduto che dani sarebbe arrivato subito, ma alla radio passavano "mentre dormi" e io ci credevo ogni volta di più. ..
Era febbraio 2013 e a Sanremo, che io non guardo da anni, Max Gazzè si presentò con "sotto casa" e questo tormentone passava in tutte le stazioni e io speravo che chichi, vabbe non proprio chichi, fosse già dentro di me.
Questa estate è stata la volta di "ti sembra normale" e non dimenticherò mai le nostre cantate in macchina, io dani e chichi che tornavamo a casa dal mare, loro si divertivano perché come canzone ha un bel ritmo, io sorridevo perché forse forse...
E niente, le mie pance le accosto a questo cantante, per un motivo che non so ben dire, perché, voglio dire, non è che parli di figli e amore per loro, ma per me queste tre canzoni sono le colonne sonore delle mie gravidanze...
Ora però caro max perdonami, ma da marzo in poi se sentirò la tua voce cambierò stazione!

martedì 20 settembre 2016

Eccheppalle!

Questa ultimamente è l'espressione più usata da chichi, che sa perfettamente quando usarla, tipo: chichi raccogli i giochi che poi andiamo a fare il bagnetto? E lui: Eccheppalle.  - chichi svegliati che tra un pò passa il pulmino. -Eccheppalle.
Dove l'ha sentito? Boh, forse all'asilo, anzi, vi chiedo come mi comporto in questi casi? Sgrido,  faccio finta di niente? Anche perché l'altra mattina sbattendo la testa contro il top della cucina ha esclamato anche un "occoddio" che io ho guardato marito con gli occhi sbarrati,senza parole...
Comunque Eccheppalle è l'espressione che mi gira più in testa ultimamente e non solo per lui.

giovedì 8 settembre 2016

Di incazzature e mannaggia ai social!

Sabato scorso dani ha ricominciato con la piscina. Lui è un bimbo abbastanza timido a primo impatto, infatti le mamme dell'asilo dicono tutte che è dolcissimo, perché fa di quei sorrisi che con gli occhioni neri che ha ti sciogli proprio, in apparenza sembra il classico angioletto, ma così non è, è un testardone per certi versi ancora molto immaturo, logorroico e permaloso.
Comunque...per una più facile gestione mia quest'anno abbiamo spostato l'orario più tardi di un'ora e quindi nel nuovo corso non conosce nessun bambino, ma...mentre sabato erano solo in 3 e quindi lui se ne stava un pò per i cavoli suoi, che conoscendolo è tipico della sua personalità,  ieri erano in sei e lui ha passato tutto il tempo a chiacchierare, arrivava sempre ultimo a bordo vasca e si distraeva di continuo. Dopo la doccia, mentre tornavamo a casa, in macchina si è beccato un cazziatone epocale, perché se pensa che io perda tempo soldi e fatica ha sbagliato di grosso. Vedo mamme che stanno lì a segnare i tempi a fare no con la testa quando i figli non arrivano primi...ecco...io sono l'opposto, io lo incoraggio sempre, non sta alle olimpiadi e per quel che mi riguarda a 5 anni deve divertirsi e non avere paura di deludermi, però. .. ieri mi ha fatto saltare proprio i nervi, perché per me può essere anche ultimo, ma comunque deve impegnarsi. Quella è comunque una scuola e deve avere rispetto sia della maestra, sia dei suoi compagni, non mi va che si comporti come una bambino viziato. Se vuole andare, va per imparare, se vuole solo chiacchierare se ne va al parchetto vicino casa.... mamma mia che incazzatura!!!ho predicato per 15 chilometri! E lui che non sapeva come uscirsene ha scelto la via più sbagliata: da babbo natale mi faccio regalare un paio d'ali così volo in alto e non ti ascolto proprio più! Questa mattina però mi ha chiesto scusa, mi ha promesso che da sabato non farà più lo stupidino. Staremo a vedere.
Intanto da un paio di giorni ci sono delle scosse che hanno come epicentro un comune di teramo e io ieri ho pubblicato un link dell'ingv scrivendo:e sono 3. Apriti cielo!!! La mia collega che ha 60 anni e sta su Facebook da poco figurarsi se ha guardato il link! Sapeva che ero incinta, ha letto 3 e mi ha fatto gli auguri...da lì il finimondo, tutti a chiedermi se era vero, a farmi gli auguri, lì e su whatsapp...aiutoooo
Che non è che io lo tenessi nascosto, solo che nemmeno avrei fatto un annuncio ufficiale. Alla fine da una notizia brutta è venuta fuori quasi una cosa bellissima e a pensarci e a leggerlo mi veniva un ridere... mannaggia ai social!!!

giovedì 1 settembre 2016

E poi ieri una telefonata: dall'ospedale dell'aquila mi dicono che l'ecografia dovrà essere spostata perché il 7 la dottoressa non c'è e tutte le date sono occupate, quindi non ci stiamo con i tempi. ..devo presentarmi questa mattina alle 10. Panico!
 C'ho certi peli!!! Ceretta prenotata per martedì mattina e mo che faccio? Chiamo la mia estetista supplicandola di trovarmi un buco e stamattina alle 7:45 sono da lei, alle 9:45 sono allo sportello cup del San salvatore a pagare il ticket e farmi stampare il referto del prelievo fatto venerdì scorso.
Ansia a mille, perché dal 27 luglio, quando ho visto il cuoricino che batteva, non ho più fatto visite e se anche è passato poco più di un mese, questa è l'epoca in cui avvengono i cambiamenti  più evidenti da uno schermo.
E infatti dal puntino che avevamo ammirato, oggi c'era un bimbetto in miniatura che non stava fermo un attimo, dal profilo bellissimo, che ti fa scattare già l'amore per questa nuova vita, che ti fa capire che alla fin fine te ne frega poco se è maschio o femmina, il vero miracolo è già accaduto...

giovedì 25 agosto 2016

Dopo una notte insonne, dopo la tragedia che avete visto tutti in televisione e che negli abruzzesi ha riacceso quella paura di sette anni fa, che per fortuna stavolta è stata solo paura, stamattina il mio risveglio è stata l'ennesima scossa... che ansia!!! E domani devo pure andare a l'aquila a fare il bitest...
Per fortuna è arrivata una bella notizia, almeno. Il tumore di mia cognata è benigno e quindi i medici le hanno detto che volendo può anche aspettare per l'intervento, ma lei ovviamente vuole togliere Il prima possibile.
E niente, questi gli aggiornamenti...

martedì 23 agosto 2016

Come può cambiare tutto, all'improvviso...

Io sto bene, la pancia cresce un pò alla volta, sono a metà dell'undicesima settimana e venerdì ho il bitest, il 7 settembre la translucenza nucale, un pò di ansia c'è, inutile negarlo, visto che ad oggi ho fatto una sola ecografia quasi un mese fa e non avendo sintomi sto tranquilla, ma nemmeno tanto...solo che ho deciso di viverla così,  ho rispettato gli appuntamenti che secondo il ginecologo era giusto seguire e quindi con lui poi ci vediamo il 14 settembre.

giovedì 28 luglio 2016

mercoledì 27 luglio 2016

La notte qua non si dorme più. .. tra poco vado a lavoro, forse per l'ultima volta e oggi pomeriggio finalmente sapremo se c'è un cuore che batte nella mia pancia. Solo l'eco potrà dircelo perché io non ho niente, se non avessi visto quel test e le beta raddoppiare potrei quasi pensare di aver sognato!
E niente, senza fiato e con tanta paura mi preparo ad affrontare questa lunga giornata!!!

martedì 19 luglio 2016

Rispetto alle altre due questa sto cercando di viverla in maniera più tranquilla...ne è la prova il fatto che non mi sia fondata dal ginecologo, ma aspetto mercoledì 27 quando sarò alla fine della settima settimana, senza stare ad impanicarmi perché si vede solo la camera o magari il sacco vitellino e io vivo di angoscia...

giovedì 14 luglio 2016

La testa comanda su tutto e nonostante i residui delle mie tette siano sempre gli stessi, da ieri ho fatto pipì, due gocce alla volta, tipo 20 volte, ho una sorta di tensione addominale, ho il battito accelerato che insomma tra ansia e caldo ci sta, no?

mercoledì 13 luglio 2016

Ho sempre sostenuto che la vita non va mai come ti aspetti, a volte per fortuna ci sono anche cose positive...a volte boh...
Due domeniche fa, finito il nido ho tolto il pannolino a chichi, pronta a raccogliere millemila pipì. Nei giorni precedenti ho provato a fargli fare pipi al mare qualche volta, o capitava soltanto che imitasse il fratello, ma niente di fatto, faceva pshhhhhhhhhhh con la voce e tirava il pisellino...
Poi domenica gli chiedo se deve far pipì, lo metto sul vasino e niente. ..alle 11 mi dice: mamma cacca...e da lì il pannolino è solo un ricordo. Lo mette solo la notte ma ancora per poco perché al mattino è asciutto. Non lo avrei mai creduto, vista la sua pigrizia...e invece...
Alla cena di fine nido, sei giorni dopo, si sono stupite tutte le mamme quando lo hanno sentito che mi avvisava di dover fare pipì...
E poi c'è qualcos'altro, che è il reale motivo per cui sto scrivendo...devo affogare l'ansia. ..

mercoledì 29 giugno 2016

È una vita che non scrivo... cosa c'è di nuovo? Abbiamo scoperto l'allergia al nichel per me e dani, adesso sto sperimentando cose nuove, provo a fare dolcetti che vadano bene per lui, anche senza cioccolato. Passo ancora più tempo a leggere le etichette, anche se ormai in casa non entra quasi più niente di confezionato, siamo tornati indietro nel tempo, frutta verdura pesce pasta pane carne latte e uova...e tutto sommato penso che non sia proprio un gran male...
Siamo stati 10 giorni in sardegna e ne avevo proprio bisogno, non ce la facevo più con questi ritmi che pesavano più alla mente che al fisico.
Adesso siamo nel pieno delle feste di compleanno e visto che marito non c'è praticamente mai, spesso mi tocca portare  e gestire entrambi in una bolgia di bimbi urlanti, ma è sempre la mente che decide tutto e ce la sto facendo alla grande.
Venerdi abbiamo la festa del ciao al nido e so già che piangerò come una matta, perché un capitolo della sua breve vita si è concluso, perché ripenso al mio ciccione a 10 mesi, ai pianti che s'è fatto il primo anno, a quello che è oggi, tutte le canzoncine che ha imparato e che canta nella sua lingua, e poi penso al bel rapporto che si è creato con alcune mamme, che ci si vede tutti i giorni al parchetto  vicino all'asilo , ci si sente su whatsapp, ci mandiamo foto, video, audio, bello!peccato che un paio di bimbi andranno in altre strutture e quindi inevitabilmente si allontaneranno.
Se tutto va bene sabato sera, dopo il compleanno di un bimbo, ci trasferiamo in campeggio, finalmente e io non vedo l'ora di rifare le due di notte con le mie amiche del campeggio a non fare niente, di passeggiare in bici vicino al porto, di mettere sotto la doccia bambini sporchi di sabbia, con i sassolini nelle scarpe, i capelli bagnati di sudore e gli occhi felici...
E per ultima cosa...marito è sempre più insistente, vuole un altro figlio. Io pure, ma non ora, non domani, o forse si, boh... e chi vivrà vedrà...

giovedì 28 aprile 2016

aggiornamento 2

lo avevo scritto che avevo la sensazione che mio fratello sabato avesse qualcosa da dire, no?
lo avevo scritto in passato che è una persona egoista che mette al primo posto sempre e solo i suoi interessi. no?
avevo scritto anche che a luglio mia madre si è operata per un tumore e che lui, nonostante fosse stato avvertito non si è fatto sentire.
ho scritto tante cose, a volte in maniera più chiara, a volte meno, ma sono sempre stata sincera e adesso mi ritrovo a scrivere come mia nonna....io non sbaglio mai!

mercoledì 27 aprile 2016

aggiornamenti

Giovedì mattina carica più che mai chiamo la mia coordinatrice che non risponde. Senza aspettare chiamo il presidente, che ha il telefono spento...
Dopo 5 minuti la coordinatrice mi richiama, le dico che le ho mandato due mail e non ho ricevuto risposta. Lei mi dice che non ha avuto tempo per rispondermi (-.-) e che però per il turno di maggio non ci sono problemi, per i 3 turni di giugno mi farà sapere, perchè sono le ferie estive, anche se sono stata la prima a fare la richiesta e chi arriva per primo ha la priorità e blablabla...io ho già prenotato 10 giorni in Sardegna, quindi sticazzi, se non me le da prima si becca il congedo parentale e poi una bella malattia, che con i problemi che ho può durare anche tutta l'estate!
poi mi chiede come va in comunità. ma come vuoi che vada? come sempre. molto amichevole, molto conprensiva, solo che io ormai non ci casco più, quindi senza troppi giri le spiego che in seguito alle loro disposizioni viene meno l'entusiasmo, che io non mi sento gratificata da quel lavoro, svolto a quelle condizioni, e faccio solo quello che devo fare e non quello che potrei fare. lei ribatte che capisce benissimo la situazione, che immagina il mio livello di stress, perchè sono la più giovane anagraficamente, ma la più anziana lavorativamente e che dopo un pò si fa pesante, se voglio mi fa cambiare casa per un pò... no, grazie!
Dopo me ne vado a fare un giro da lidl e da Maury's, così, sola coi miei pensieri...

mercoledì 20 aprile 2016

non va

niente, questo periodo di merda non passa.
le vecchie questioni le ho risolte, tutte, in maniera civile, ma adesso i problemi sono altri.
a lavoro quella che io sapevo essere solo la coordinatrice dei turni adesso pare se la faccia col capo e di conseguenza ha preso un potere che non vi immaginate.
la sua scalata al potere l'aveva intrapresa tempo fa, con poco successo, perchè  tolto un lecchino in ogni struttura, che ci sta sempre, tanto casino non faceva.

mercoledì 23 marzo 2016

Non scriverò oggi come non ho scritto a novembre... inutile ripetere quello che ognuno di noi ha pensato già. ..

Mi viene solo da aggiungere che mi sale una tale rabbia, perché qualunque rete televisiva ci aggiorna sui morti, sulle vittime italiane... ma donne uomini e bambini muoiono ogni giorno, vivono nel terrore e nella disperazione ogni giorno, ma si continua ad alimentare questa follia... e, come avevo scritto in merito alla scoperta del tumore di mia madre, sembra sempre che a noi la cosa non ci riguardi...

venerdì 11 marzo 2016

e se non è culo questo!

ieri io e mio marito avevamo entrambi il turno di pomeriggio, giornata piovosa, brutta, al mattino palestra e spesa, per mezzogiorno e mezzo pranziamo e poi lui va via e io sistemo un po' la cucina e mi preparo...
intanto arriva un whatsapp di mia cognata...un link sui sintomi della celiachia, e vabbè, ricomincia la paranoia. ho già prenotato la visita allergologica per dani, visto che quando mangia il pomodoro si riempie di macchie sul viso e il pediatra ha ritenuto giusto indagare per una sospetta allergia al nichel....olè...spero di venirne a capo prima o poi. che poi quando si rinnesca l'ansia ci sta poco da fare, tutti i sintomi li vede una mamma. una cosa che però avevo notato e fatto notare al pediatra già da qualche anno è la presenza di una specie di brufoletti su cosce e braccia di dani, una sorta di peletti incarniti, che ho scoperto essere cheratosi pilare e poi spogliando dani in piscina mercoledì ho visto altre due macchiette strane sul braccio e dietro al ginocchio e niente....per il 30 maggio muoio, quindi oggi chiamo il gastroenterologo privato e non se ne parla più, che io mica posso pensare che sto avvelenando mio figlio e non muovo un dito!

martedì 1 marzo 2016

da non crederci

che io ve lo dico...se leggessi un blog con così tante cavolate lo avrei abbandonato da tempo, hai voglia a fare la buona a tutti i costi, sono troppo assurde le cose che racconti, sei un pezzo di merda con la maschera da ingenua... e invece tutte le assurdità che mi stanno capitando sono vere e io davvero sto pensando di avere una doppia personalità e di dimenticarmi della mia parte sadica, perchè sennò non si spiega!
Domenica mia madre è andata a trovar mia nonna e lì c'era anche sua sorella, quella di Modena, quella a cui è morto il marito il giorno prima che chichi compisse un anno, ne avevo parlato qui.
e niente, c'era mia zia e quella simpaticona della figlia.
Ed è uscita fuori una storia, che io avevo già sentito un paio di volte, ma che ho preferito non affrontare, come faccio sempre e come sempre mi buttano merda addosso...
insomma, mio zio è morto il 5 novembre 2014 a Modena, ma la sua volontà era di esser seppellito nel suo paese, quindi il funerale è stato celebrato alle 15 del 7  , e la salma è arrivata in paese alle 13:30, ma nessuno sapeva a che ora sarebbero arrivati.  io quel giorno stavo facendo il turno di mattina e, come sempre, pietro quello opposto, cioè il pomeriggio, quindi è abbastanza ovvio che lui non è potuto andare a salutare, ma alla fine non aveva questo grande obbligo, visto che alla fine nemmeno li conosce e da 4 anni non avevamo rapporti... comunque io stacco alle 14, passo a prendere la mia amica e andiamo. quel giorno c'era il diluvio universale e quindi sebbene avessi detto alla figlia dlla mia amica di andare a prendere i bimbi all'asilo, non era il caso di farli passare sulla statale a piedi, con niccolò nel passeggino e dani a piedi, con questa ragazzina di vent'anni, quindi diciamo che ho fatto toccata e fuga, perchè non ho potuto nemmeno aspettare che finisse la messa, che alle 16:10 dovevo essere all'asilo di dani...
arrivata in chiesa mia madre inizia a rompere che devo andare a salutare ma zia e mia cugina, io già di mio evito queste situazioni, in più ero anche tremendamente a disagio a fare le condoglianze a due persone che in quel momento non si sa che reazione avrebbero potuto avere, visto che appunto avevamo discusso 4 anni prima e non ci eravamo più sentite, però per non sentire mia madre vado...faccio le condoglianze e me ne torno al mio posto....
tutta sta storia per arrivare alla storiella che è venuta fuori dopo, cioè che avevo fatto toccata e fuga al funerale e già questo mi rompe, perchè io sinceramente sono andata a quel funerale solo per mia madre, perchèper mio zio mi è dispiaciuto tantissimo, ma loro da me non avevano nulla da pretendere, visto che quando sono nati i miei due figli non si è visto, nè sentito nessuno e di certo non dovevo dimostrare nulla a loro....
ma questo non è niente...

giovedì 11 febbraio 2016

Stupore

Sul blog non parlo mai della mia cucina, ad eccezione delle pizzette di carnevale e di una torta fatta tanto tempo fa,però mi piace tanto cucinare e sono anche bravina.
Roba che tra natale e capodanno mio marito ha invitato i suoi colleghi a cena,donne per la maggior parte, e la mia polenta ancora viene ricordata in ufficio...
Per me è un discorso a parte, sempre a dieta,sempre con le mie verdure a vapore, i miei quinoa amaranto farro orzo grano saraceno legumi soia ecc, io cerco di semplificare i miei piatti il più possibile perché già portarmi avanti con pranzi e cene è un casino.
Per mio marito e i bambini mi piace fare la pasta all'uovo la domenica, con dani che gira la manovella e si emoziona a vedere come nascono le tagliatelle. Mi piace cucinare e passerei ore ai fornelli ,difficilmente prendo roba già pronta,dove per roba già pronta si intende mozzarelline, bastoncini o gnocchetti freschi, perché tipo i 4 salti in padella non li ho mai assaggiati, preferisco frutta e verdura di stagione, anche se poi l'altro giorno ho ceduto ad un cestino di fragole.
Mi riempie di soddisfazione mio figlio che preferisce il ciambellone e i muffins della mamma alle merendine...il grande,perché il piccolo butta giù tutto ciò che è commestibile.
Poi c'è una passione, il pane, mi piacerebbe tanto imparare a fare il pane.
Mi sono creata la mia pasta madre più di due anni fa, quando ancora non era una moda,semplicemente perché un dietologo mi aveva consigliato il lievito madre piuttosto che quello di birra e così ci provai. ..
All'inizio veniva tutto uno schifo, acido, non lievitato...ci vuole tempo e io avevo sempre fretta.
Ogni volta impastavo, cuocevo,assaggiavo e buttavo...e soprattutto pulivo!
Non vi dico mio marito ogni volta che mi vedeva con quel vasetto in mano! Non gli è mai piaciuto nulla, ha sempre assaggiato ma mi diceva: ma chi te lo fa fare? Butta tutto che è meglio.
Ma io niente, finché sono arrivata a fare delle pagnotte belle e buone, focacce,panini,pizza, finché non se ne è innamorato pure lui ed è arrivato a dirmi: sta roba noi non la compriamo più.
Ieri ad esempio ho fatto dei panini di semola buonissimi,li ho pubblicati su Facebook e dopo un pò lui mi chiama chiedendo spiegazioni su come funzionano i rinfreschi,rimango un pò sorpresa, vuole sapere dosi di acqua e farina e altre cose...
Tornato a casa mi dice che le sue colleghe vogliono un pò della mia pasta madre e io rimango a bocca aperta, lui che in questo non mi ha mai appoggiata,adesso mi fa pubblicità...anche i mariti possono stupire; )

mercoledì 10 febbraio 2016

Come si cambia...per non morire...

Più di una volta ho sentito persone più grandi di me affermare: dovrei avere 20 anni, ma con la testa di oggi!
Io di anni ne ho quasi 33 e ammetto che oggi agirei in maniera differente in tantissime situazioni, ci metterei quel pizzico di arroganza e saccenza che non guasta, quel che basta per non sfociare poi nella presunzione e maleducazione.
Ma oggi ho deciso di cambiare, lo devo a me che sono ormai una donna e che ho ingoiato tanti rospi, che mi sento dare giudizi a destra e a manca e mi sarei leggermente rotta le palle!
Prima di proseguire devo raccontare una cosa però: un pò di tempo fa mia suocera telefonò a mio marito, diciamo intorno a metà novembre e si disse risentita perché non era stata invitata al compleanno di chichi... lo ha visto 3 volte in croce,di cui due ai compleanni dei nipoti, per quale assurdo motivo avrebbe dovuto invitarla solo dio lo sa...insomma marito le disse più o meno questo e lei concluse con un "spero che i vostri figli un giorno non vi guardino più in faccia" e chiuse il telefono...
Non ci vidi più e per la prima volta in quasi 4 anni mi sono intromessa, d'istinto la stavo chiamando,poi mi bloccai perché ero troppo arrabbiata e non sarei stata molto brava,così le mandai un SMS, che copio qui così com'è stato scritto:
Non mi sono mai intromessa in certe dinamiche, per quanto ne avessi diritto. Quando deciderete di fare i nonni,i bambini sono qui,fino ad allora non potete pretendere di essere trattati da nonni perché ai loro occhi siete dei perfetti sconosciuti.e non si possono traumatizzare due bambini piccoli solo quando ci sono occasioni di vederli,solo quando fa comodo a voi. Non ti appigliare al mancato invito,perché quando l'invito c'è stato non mi pare ti sia comportata in maniera impeccabile. Nostro figlio è nato nella vostra totale indifferenza,basta questo come risposta a tutte le cattiverie che sputate costantemente su di noi.
Nonostante ciò siamo disposti ad aprire nuovamente le porte,una,due,tre volte. Sperando ogni volta di non trovare dall'altra parte la solita falsità e ipocrisia,perché è facile riempirsi la bocca di paroloni,sono i fatti poi quelli che contano. E per quanto mi riguarda gli unici passi che ho visto da parte tua sono le offese che sei venuta ad offrirmi in casa mia,dopo 5 mesi dalla nascita di mio figlio. Inutile dirti che per quanto mi riguarda ho perso completamente stima e fiducia nei tuoi confronti,ma appoggerò qualunque scelta decida di fare mio marito,ovviamente sempre mettendo in primo piano il bene dei miei figli. 
Questo il messaggio,pesante ma vero! Ovviamente nessuna risposta!
Da lì mia cognata ha preso le distanze, solo frasi di circostanza quando ci si vede in piscina e io che non ci tengo poi tanto a questo rapporto già rovinato ho lasciato correre, finché lei, non ricordo quando, disse a mio marito che noi non ci  rendiamo conto delle cose che scriviamo,che lei non vuole entrarci,ma sono stata davvero cattiva... ovviamente a me nessuno viene mai a dire nulla in faccia!!! Adesso ho detto a marito di far capitare un'occasione perché i puntini sulle "i" devo metterli io stavolta, che se per i suoi figli è una brava nonna,per i miei non è nemmeno una nonna e se non vuole vedere le cose come stanno,quantomeno che tacesse!
Poi devo chiamare a rapporto mia zia e mia cugina per tutte le cose che hanno detto a mia madre,perché io le mie mancanze le voglio pure riconoscere,mancanze fino ad un certo punto, perché io non ho la sfera di cristallo, ma tu non vieni a sfogare la tua rabbia su di me!
E questo primo perché sono sicura che mi faccia stare meglio,secondo perché lo devo a me, basta che sono tutti più bravi,più dolci e più intelligenti!!!

martedì 9 febbraio 2016

Festa di carnevale

Domenica volevamo vestire i bimbi e portarli al centro commerciale,invece torno alle due da lavoro e sento dani con la voce strana...e infatti aveva 37.3 che poi a sera è salita... e quindi niente, siamo rimasti a casa così che avremmo salvato la festa di oggi...
Stamattina lasciamo dani all'asilo e andiamo al nido dove danno una festa e poi a mezzogiorno marito ha prelevato dani,abbiamo pranzato e ora sono in camera che dormono,così alle 4 recuperiamo l'altra peste e andiamo in un locale qua vicino dove c'è una festa a cui partecipano tanti amichetti di uno e dell'altro,così io con le mamme scambio 4 chiacchiere... l'ingresso è gratuito e a piacere si può portare qualcosa da mangiare e visto che i soldi scarseggiano ho provato a fare le pizzette da buffet...amore a prima vista,facili,veloci e belle da vedere... il tutto per max 3 euro di spesa..
Così ho capito come tante volte buttiamo i soldi,per niente davvero,tipo alla recita di natale di chichi avevo preso 30 pizzette al forno e siccome ci lavora la mia amica ho pagato 15 euro,sennò erano 20,persi tra andata e ritorno un'ora e alla fine il risultato è lo stesso!!! Ma vuoi mettere la soddisfazione, da oggi in poi non le compro più! Adesso lavo i piatti e mi riposo un pò che poi stasera dopo la festa vado a lavorare

martedì 2 febbraio 2016

Ieri avevo voglia di rileggere un pò il blog,non so se vi capita mai...mi piace quando semplici parole danno vita a dei ricordi che se ne stanno in un angolino del cuore e tu non sai più che ci sono...
Guardo dani che ormai è un ometto, una miniatura di mio marito,la bella copia dai, perfettino,dolce e permaloso e mi rendo conto che non me lo ricordo quasi più com'era cicciottone e sorridente quando provava con tenacia a tenersi in equilibrio sulle sue gambotte, guardo chichi che, innamorato del fratello, lo imita in tutto,ride quando ride lui,piange quando piange lui e si arrampica sul divano quando il fratello gli da il buon esempio...
Rileggo il blog e devo tornare indietro di tanto per trovare un post felice,gli ultimi non lo sono affatto, eppure non è stata così brutta e deprimente la mia vita... qui ho sfogato solo le mie emozioni più brutte,ho scritto ciò che per un motivo o per un altro ho preferito tacere a qualcuno... e mi rendo conto di quanto sono stupida,che mi tengo tutto dentro, mi carico all'eccesso per non far star male nessun altro e poi sto male il triplo!
Lo so che a tenerseli dentro i problemi si ingicantiscono e che alla fine di una storia triste si volta pagine,ma io niente, persevero.
E niente,  passerà anche tutto questo, non so che ne sarà di mio zio,di mio suocero, non so come andrà a finire col lavoro,l'importante è tornare a casa e avere delle braccine che ti stringono forte e un uomo su cui posso sempre contare, fosse anche la sola certezza che ho, in questo momento è quella di cui ho bisogno.

lunedì 1 febbraio 2016

Se ne esce? Quando?

Niente,del padre di mio marito non ho novità, se non che non hanno potuto fare la tac col contrasto perché ha una insufficienza renale e quindi deve prima fare una terapia,poi sospendere tutti i farmaci,compreso quello per l'ipofisi alla quale si è operato 6 anni fa... marito non ha voluto ancora chiamarlo e alla fine lascio che decida lui,quello che dovevo dirgli gliel'ho detto!
Intanto mio zio,unico fratello di mio padre,è stato ricoverato una settimana fa per un dolore al braccio,si sospettava un infarto e da lì hanno scoperto che ha varie metastasi sparse e non è possibile asportare,né provare qualche terapia... si stimano 5/6 mesi di vita ancora davanti a sé...
Intanto mia madre venerdì è andata a trovare mia nonna,che vive con mia zia,mio zio e mia cugina ed è stata attaccata perché io me ne sono fregata della fine della storia di mia cugina, ne avevo parlato qui intorno a natale... intanto mi girano perché se hai un qualche problema affronti me e non mia madre,poi mi rompe non poco perché io non ho mai chiesto per non mettere il coltello nella piaga,visto che nessuno ha mai tirato fuori il discorso. Io non sono una persona invadente,sai che ci sono e te lo dico ogni volta,ma se tu non mi dici niente,perché io devo venire a chiederti?  Mi sembra di andare a curiosare!!! E comunque ammesso che il mio comportamento sia sbagliato, perché puntare subito il dito invece di provare a mettersi nei miei panni o quantomeno a sentire le mie ragioni?
E vaffanculo!!!
Nessuno pensa che io ho già tanti cavoli miei e faccio i salti mortali per incastrare tutto? Qualcuno si è preoccupato di me quando mia madre ha scoperto il tumore?qualcuno mi ha offerto una mano per reggere i bimbi quando ho fatto assistenza a mia madre? Io non ho chiesto,né ho recriminato nulla,ma se tu pensi che sia io a doverti chiedere se hai bisogno di me,allora devi essere la prima a chiedere,non so se mi spiego...
In tutto ciò ho avuto un ritardo di 3 giorni che mi ha lasciata un pò così. .. dopo la seconda gravidanza riesco a capire bene quando ovulo... e quindi stamattina sono arrivate le mestruazioni,più abbondanti e dolorose del solito, dopo una settimana di malessere generale, nausea e mal di schiena. ..boh...se qualcosa è andato male non lo so e non voglio nemmeno pensarci,visto che nel caso...sarebbe finito tutto prima di iniziare.
E niente, sono satura,ho bisogno di staccare

martedì 26 gennaio 2016

Situazioni delicate

Eccomi...il momento nero persiste,non se ne esce,stavo pensando di farmi i capelli fuxia almeno mettiamo un pò di colore qui!
Per dire, il 19 ho preso lo stipendio,1427 euro,quindi manco bruscolini, e già ci sta giusta giusta la rata del mutuo,avendo pagato solo due rette dell'asilo,una in ritardo perché è cambiata la cooperativa e ci hanno dato tardi l'iban e visto che febbraio deve uscire pure da questo stipendio,tanto vale averlo anticipato. Il resto è volato via per un pallet di legna (140 €) 3 abbonamenti in palestra e spesa quotidiana...ma come si fa a vivere così?  Mio marito prende quanto me, domani,ma ci sono già due bollette, la revisione da fare e un altro bollettino. ..quindi questo sarà un altro mese di merda... proprio ieri parlavamo della possibilità di licenziarsi dalle poste,almeno con gli incentivi che danno potremmo togliere il mutuo e respirare un pò,tanto lui ha un mestiere in mano e il lavoro lo avrà sempre e pagato al doppio di quello che prende ora,con la differenza che non può usufruire di ferie come vuole,come invece fa ora, che non avrà più la quattordicesima e che a livello fisico è sicuramente più logorante rispetto ad un ufficio...boh...valutiamo...

mercoledì 13 gennaio 2016

Nero

Venerdì sul bura finalmente è uscito il bando per il concorso oss nella mia città!un paio di giorni prima era uscito sulla Gazzetta ufficiale quello delle marche,60 posti,ma poi guardando bene 58 sono per Fabriano e solo 2 per ascoli/s.benedetto,quindi niente,non ci vado nemmeno per 2 posti. Quello di qua invece prevede 56 posti,bello...finché non lo leggo...
Premetto che io ho fatto il corso oss nel 2003/2004 ed era il secondo della mia regione...da allora solo una volta pubblicarono un concorso,dopo 5 anni circa e dopo aver mandato la domanda bloccarono tutto.
Oggi,dopo 12 anni,17 posti sono riservati ai volontari delle forze armate,28 ai dipendenti a tempo indeterminato nella asl e 11 ai comuni mortali...
E voi starete pensando che tanto poi la graduatoria scorre... eh no invece,scorre,ma dopo gli 11 faranno solo tempo determinato e la asl vuole l'esclusiva,quindi dovrei licenziarmi,non potrei prendere l'aspettativa,che lo so che funziona così, ma nel nostro piccolo mondo non è concesso...squallore!
Aggiungo che i 28 posti sono riservati ad ausiliari già di ruolo presi dalle liste di collocamento qualche mese fa, esattamente 28, che intanto si sono qualificati in qualche scuola privata...e io che ho fatto un corso asl di 1000 ore,tutti i giorni per un anno,che a 22 anni ho iniziato a cambiare pannoloni correndo in bagno a vomitare ogni volta, in una struttura asl,ma dipendente di cooperativa, mi vedo riconosciuta una miseria di titoli, nemmeno ad un punto arrivo...schifo!
Ma non finisce qua!!!
Da settembre siamo in proroga perché l'appalto è già scaduto e lunedì finalmente è uscito il capitolato d'appalto,ma io L'ho scoperto solo ieri perché lunedì ero di riposo... ci saranno non pochi cambiamenti,  una grossa riduzione e dei posti che salteranno. Nel capitolato si nominano solo due cooperative che lavorano nella comunità alloggio,mentre sono 4 e quindi dovrebbero essere garantiti solo 36 posti,ma ce ne sono altri 18 che si smazzano lì dentro dalla chiusura dei manicomi (1998).
In tutto ciò hanno stilato una graduatoria;tempo fa ci chiesero i curricula dicendoci che erano necessari per lavorare sulla qualità  (?)...ecco a che servivano!!! Io in teoria non rischio perché sono la seconda in graduatoria,a pari merito con la prima che è stata assunta 2 mesi prima di me e quindi ha 5 scatti di anzianità. Ma è tutta teoria perché adesso si scinderanno i pazienti dell'ex manicomio dai pazienti psichiatrici da riabilitare, e le prime strutture saranno ad esaurimento,cioè finché non muoiono tutti,poi chiuderanno e parliamo di una media di persone 70/80enni che dopo una vita di psicofarmaci non è che abbiano chissà quanto da campare ancora... restano i giovani,quelli da riabilitare e se sono fortunata mi sistemano li... ma le 4 strutture,con 4 pazienti ognuna, verranno divise tra i 4 presidi della mia asl,quindi se per due non avrò grosse difficoltà seppure mi toccherà spendere più tempo per raggiungerli e quindi più km e più benzina, per gli altri due è proprio un casino,perché stanno a più di 40 km e la strada per raggiungerli è proprio brutta,tutta rotta,tutta curve e una delle due è a parecchi metri s.l.m.,quindi d'inverno non facile da raggiungere.
Marito dice che è la volta buona che ce ne andiamo da questo paese di merda, io amo questo paese di merda! Amo il mio mare, il gran sasso,la mia vita di tutti i giorni,i posti in cui sono cresciuta. E mai avrei pensato anche solo di valutare di salutare tutto ciò.  Penso ai miei che stanno invecchiando,penso ai miei figli che non potranno godere dei nonni,di quelli che gli rimangono,perché gli altri già non li hanno,penso a noi che non avremo aiuti. ..boh...per ora è tutto nero,speriamo sorga il sole.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...