lunedì 12 gennaio 2015

Mai mettere a confronto i bambini

Quante volte ci siamo sentite: il mio bimbo a tre mesi già chiamava mamma, a cinque mesi gattonava e a sei correva già? Queste, al primo figlio, sono quelle cose che ti impanicano subito, perché tuo figlio ha quasi 12 mesi e a malapena dice mamma e papà, cammina solo se si regge da qualche parte e tu inizi a chiederti se è il caso di dirlo al pediatra...per fortuna un po' di buonsenso ti è rimasto e quella figura di merda te la risparmi...
Chissà perché i figli degli altri sono tutti fenomeni e i tuoi solo bambini...
Dani è sempre stato un bimbo molto vivace e sveglio, ricordo che a un mese ballava quando ascoltava il gatto puzzolone, che a due mesi reggeva il biberon e a 4 sapeva mettersi il ciuccio, rispetto ai coetanei era sempre un pochino avanti, ma tutto nella norma...a volare non ha ancora imparato! Ricordo che erano i primi di giugno quando a casa dei miei era in piedi poggiato al divano e voleva il telecomando sul tavolo... A 12 mesi e mezzo fece i suoi primi passi...3...
Ho dei video suoi che nella nostra prima estate in campeggio mangiava lo yogurt da solo, col cucchiaino, aveva 13 mesi e mezzo.
È sempre stato un chiacchierone, ma solo io riuscivo ad interpretare la sua lingua, mia mamma il giorno del suo secondo compleanno mi chiese cosa significasse: coi buba... Coi ci si può arrivare a capire che sta per raccogli, ma con buba come la mettiamo? Era il ciuccio...
Questo per dire che ogni bimbo ha i suoi tempi, ogni bimbo è speciale a modo suo, ma non è che se corre prima di un altro vuol dire qualcosa...
E infatti il ciccione della mia vita a 14 mesi e una settimana se ne frega allegramente di portare a spasso su due piedi i suoi 12 chili, si alza in piedi giusto la sera, aggrappandosi alle sbarre del lettino, quando invece dovrebbe stare disteso e a occhi chiusi nel mondo dei sogni.
A sette mesi stava seduto giusto dieci secondi per poi accasciarsi come un sacco di patate e piangere nell'attesa che qualcuno lo risollevasse... Dopo due mesi ha imparato come si facesse.
A undici mesi ha scoperto che sollevando quel mordido sederotto e sgambettando avrebbe conquistato il mondo... Ad oggi si accontenta ancora di quello, tanto poi se deve vuotare la cesta delle costruzioni, gli basta mettersi in ginocchio e le butta una ad una sotto al divano...
Ha 16 denti e non solo non mangia lo yogurt da solo, non vuole nemmeno assaggiare le cose che mangiamo noi, devo ancora frullargli tutto e mangia la pastina 6 mesi...
È forse meno speciale del fratello? È forse un problema se camminerà più tardi?
Lui mi da dei baci innamorati che solo lui sa darmi cosi, vuole le sue coccole e le chiede poggiando la sue testa sul mio petto in un modo che per me è una cosa indescrivibile, tanto mi riempie il cuore.
È un po' più lento del fratello, ma molto più indipendente.
E chi se ne frega se quando usciamo devo portargli dietro la sua pappa...a vent'anni di sicuro non sarà più cosi...
I confronti vengono spontanei quando sono tutti e due figli tuoi, ma questo non vuol dire metterli su una bilancia, non è mica merito nostro se sono precoci? È come essere orgogliosi perché tuo figlio ha un naso o due piedi...
Che poi io, come tutte le mamme, sia orgogliosa di loro, già solo perché ci sono è un'altra storia...

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...