martedì 28 febbraio 2012

l'8 marzo

lo sapevamo già da un pò, ma solo stamattina abbiamo realizzato che si tratta di giovedì prossimo.
eravamo al bar con un amico di mio marito che ci ha detto che sarebbe venuto in città e quindi si sarebbero visti, da lì abbiamo fatto il conteggio del turno, credendo si trattasse non della prossima settimana, ma di quella successiva.. e invece guardando l'agenda abbiamo notato che mancano solo 9 giorni..
una settimana o poco più e A. va via, parte per la germania, ha già trovato un lavoro lì e chissà se tornerà mai..
a mio marito è venuto il magone e sulla strada per casa mi ha detto:- adesso vado a prendermi un caffè da A., come fa quasi tutti i giorni.
io ho iniziato a preparare il pranzo e dopo pochi minuti è tornato, A. non era in ufficio, ha già svuotato tutto e riconsegnato le chiavi del locale e mentre mio marito me lo raccontava aveva un'espressione triste in viso.
A. è il suo migliore amico, il suo testimone di nozze, colui con cui ha il suo appuntamento quotidiano per una sigaretta e un caffè, colui che l'ha aiutato quando io non potevo esserci, colui che gli ha impedito di affondare e gli ha teso una mano per risalire, insomma, un pezzo della sua vita.
un anno e qualche mese fa, stufo dei soliti contratti di 15 giorni ha deciso di entrare nel campo dei pannelli solari, ma adesso si sa, c'è crisi e l'unico modo per potersi permettere un impianto fotovoltaico è un prestito in banca.
piccolo particolare è che con i tassi che sono aumentati non c'è quasi convenienza nell'affrontare questa spesa.
questo, per lui, è equivalso a lavorare quasi niente..
e da qui la scelta di andare via dall'italia.
che poi per ora è la scelta più saggia.
solo che a mio marito dispiace tantissimo sapere che chissà quando lo rivedrà, perchè quest'estate c'è il matrimonio di mio fratello e il compleanno di daniele e quindi non ce la facciamo con le spese, gli dispiace che non ci sarà quando mio figlio spegnerà la sua prima candelina, nè quando ogni giorno avrà voglia di fare 4 chiacchiere con lui.
e a me dispiace vederlo così giù, cosciente del fatto che molto probabilmente troverà una ragazza lì, un buon lavoro.. e lo rivedremo ben che vada 2 volte l'anno.
fino ad ora ho sempre creduto che lui fosse stato più fortunato di me con gli amici, io ne ho avute 3 di amicizie importanti, una che ha creduto l'avessi tradita e io ci sono rimasta così male che non ho avuto nemmeno la forza di dirle come stavano le cose, una che per me è finita per sempre e un'altra con cui si è rotto un qualcosa, perciò anche se lei fa finta di niente, per me non è più la stessa cosa.
ma ad oggi sono più contenta di lui, perchè è più facile rinunciare a qualcuno con la rabbia, si arriva a soffrire, forse anche di più, ma poi piano piano l'odio e l'amarezza lasciano il posto all'indifferenza.. mentre per mio marito quel vuoto sarà impossibile da colmare..

2 commenti:

Babi ha detto...

anche io le mie due migliori amiche le ho lontane, per me è diverso è sempre stato così quindi capisco tuo marito, però deve pensare che con la tecnologia di oggi con skype, fb e msn potrà "vederlo" e sentirlo ogni giorno. certo non è uguale ma meglio di niente, piano piano si abituerà e poi non è detto che magari il suo amico non torni no?

tania ha detto...

è che a lui mancherà proprio il momento della giornata in cui usciva e andava a prendere il caffè col suo amico, era quella mezz'ora quotidiana che lo faceva svagare un pò.. ma si abituerà.. per forza di cose.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...