mercoledì 27 agosto 2014

L'altro ieri giravo su facebook, quando leggo una notizia, un ragazzo di 29 anni, della mia zona, è rimasto sotto un trattore che si è ribaltato, morto sul colpo.
Inutile dire che è stato un brutto colpo, insomma, potrebbe capitare a tutti, ma quando vedi che succede ad un ragazzo così giovane, che ha ancora tutta la vita davanti, ti scatta qualcosa dentro. Vedere che è successo a pochi chilometri da casa tua fa ancora più strano, è come se ti sentissi più toccata, un po' come se lo conoscessi.
Poi guardi il suo profilo e vedi che è sposato da poco più di due mesi, guardi le foto e vedi quella luce negli occhi, vedi la gioia che hanno provato, lui e la sua giovane sposa fino a qualche giorno prima e ti viene un crampo allo stomaco...

Ieri mentre pensavo a quella povera ragazza, mi venivano in mente tutti i progetti, i sogni, le aspettative dei primi mesi della mia vita a due e mi è venuto da piangere, perché ho iniziato a ricordare tante cose e davvero mi sono sentita stupida, perché perdo la pazienza per un paio di calzini buttati in fondo al letto.
Per un lunghissimo istante ho provato a pensare a come sarebbe la mia vita, se dovesse morire mio marito e mi sono sentita persa... quante cose che do per scontate, quanto tempo buttato a preoccuparsi dei soldi che non bastano mai, a sclerare perché i bimbi mi fanno perdere la pazienza, quando invece ho la cosa più bella del mondo, ho la mia splendida famiglia, ho i miei risvegli in quattro sul lettone, tra giochi e risate, ho accanto un uomo meraviglioso, che mi ama di un amore sincero, che mi coinvolge in tutto quello che fa, che vuole condividere ogni singola iniziativa con me, anche quando io, mentre lui parla, scarico la lavastoviglie e penso a cosa cucinare per cena...
...e poi la doccia fredda, tra i commenti fatti da alcuni amici in comune, la terribile notizia, che è allo stesso tempo l'unica cosa bella di tutto l'accaduto...la moglie di questo ragazzo aspetta un bambino, lo ha scoperto da poco...
E qui ti chiedi se davvero esiste un dio, perché se è buono come ci raccontano, non può, non deve farle accadere certe cose.
Perché ha donato loro tanta gioia, per poi massacrarli così?
Io penso giorno e notte a questo sogno infranto, a questa tragedia, vorrei solo abbracciare quella ragazza e offrirle la mia spalla, pur non coniscendola...
E penso anche alla mia situazione, alla cattiveria che abbiamo subito da chi doveva volerci più bene...e mi fa male, ancora tanto male, mi fa male avere tre nipoti ed essere costretta ad ignorarli, mi fa male pensare al mio voler bene sincero e ai loro sotterfugi, fa male...non sai mai cosa il destino ti riserva e domani potrebbe toccare a me...e ci siamo tolti la possibilità di amare per niente...

2 commenti:

Moky ha detto...

Che brutta stria, povera donna. Spero che trovi la forza di reagire in questo bimbo che porta in grembo.

mammapiky ha detto...

Sai che non riesco più ad ascoltare storie così? Mi fa talmente male che preferisco non sapere. Purtroppo nessuno di noi e' immune, e' al sicuro ma pensarci non cambierebbe il destino. Un abbraccio grande e spero di cuore che arrivi anche a loro!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...